Parte il Festival delle Arti 2021

da | Mag 15, 2021 | Cultura&Spettacolo

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli

Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto e a tutto ciò che rappresenta la città partenopea nel mondo.
Giunta alla sesta edizione, la rassegna è organizzata dalla storica Associazione Culturale Noi per Napoli, fondata da Emilia Gallo, presidente emerito, e guidata dal soprano Olga De Maio e dal tenore Luca Lupoli. “L’obiettivo – dichiarano De Maio e Lupoli, direttori artistici della rassegna – è quello di promuovere le arti e le passioni e di esprimere le forze creative che sono nel cuore e nella mente di ogni essere umano, per abbattere l’isolamento sociale. Il Festival, infatti, è ispirato ai principi e alle finalità della nostra associazione.
L’iniziativa, che è patrocinata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, dalla I Municipalità del Comune di Napoli, dalla Presidenza del Consiglio della Regione Campania, è inserita tra gli eventi del Maggio dei Monumenti 2021.

Tante le categorie previste per la partecipazione:
– Musica (strumenti, autori e cantautori) cat. junior (fino a 14 anni) senior.
– Canto (lirico, pop, leggero) cat. junior/senior.
– Danza: classico, moderno, tango, latino americano, ecc.
– Teatro/Recitazione.
– Poesia, letteratura, narrativa.
– Pittura, disegno, scultura.
– Fotografia.
– Cinema (Cortometraggi, Videoclip).
– Artigianato artistico (manufatti, ceramica, orafi, ecc.
– Arti enogastronomiche (le arti della cucina e del vino)
– Make up e moda.
– Arti circensi( novità assoluta).

Proposte, esibizioni, testi, immagini, produzioni, secondo le modalità indicate nel bando, dovranno pervenire entro il 21 maggio, sotto forma di files digitali. Le votazioni da parte del pubblico avranno luogo a partire dal 25 maggio, fino alla mezzanotte del 1 giugno 2021, attraverso i like apposti sul link interno dei materiali digitali ricevuti e pubblicati dall’organizzazione tecnica del Festival sulle seguenti pagine social:
– pagina fb del Gruppo Festival delle Arti Noi per Napoli: www.facebook.com/groups/FestivalArtiSulWebNoiperNapoli.
– Pagina fb di Campaniafelix TV, Media partner ufficiale dell’evento: www.facebook.com/campaniafelixtv/.

Verranno assegnati e dichiarati vincitori i primi tre classificati per ogni categoria.
Una giuria di esperti dei vari settori, composta da personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo, del giornalismo, della musica, stilerà dopo aver preso visione del materiale in gara pubblicato, a suo insindacabile giudizio, una propria graduatoria ed assegnerà i premi ai vincitori per i primi tre classificati di ogni categoria.
Premi e menzioni speciali saranno assegnati dalla direzione artistica del Festival, come il “Premio Noi per Napoli”.
La finale e la premiazione, in cui verranno proclamati e pubblicati i nomi dei vincitori, avverrà il 2 giugno 2021 e compatibilmente con la situazione pandemica, sarà realizzata in una location da definire nella città di Napoli, trasmessa dall’emittente televisiva Campaniafelix tv in collaborazione con la Redazione di Raffaele Carlino, (ch 210,613,694 del digitale terrestre) in streaming e sulle pagine social.
La partecipazione è gratuita, la premiazione avverrà tramite l’assegnazione di Attestati di Partecipazione e Pergamene Digitali. Prevista pubblicità e la pubblicazione dei premiati sulle pagine social e sulle testate web dell’Ufficio Stampa dell’Associazione Culturale Noi per Napoli e sui canali pubblicitari offerti dai media partner aderenti: Campania Felix tv, Radio Svago web, Salotto Espago di Eleonora Cassandra Espago con il circuito tv Video Fashion TV, Musica Italiana Channel, Pavia play tv, Nuova Rete Brescia poi Well Tv con “Fatti e Storie da raccontare” a cura della giornalista Francesca Ghezzani, Teatro tv, DG PhotoArt, le testate Giornale gratuito edizione Napoli, Quadrifoglio tv, Grande Napoli.

In merito alla novità introdotta quest’anno, la categoria dedicata alle Arti Circensi è intitolata il “Circo immaginato”, un contenitore artistico scientifico, ideato dal medico napoletano Marco Lombardi, che veicola, attraverso le arti circensi e le arti in generale messaggi sociali.

Da sinistra Marco Lombardi, Olga De Maio, Luca Lupoli

Con il patrocinio dell’Enc (Ente nazionale circhi) collabora con il dott Giansisto Garavelli, medico dell Asst di Pavia e medico circense. Alla sezione circo nel Festival delle Arti 2021 sarà dedicato il Premio Principessa Stephanie di Monaco: parte integrante del progetto il Circo Medrano Casartelli, unico circo italiano ad aver attivato un programma culturale di cui il dott. Lombardi è il responsabile, unito all’attenzione rivolta alla narrazione della città di Parthenope.

 

Il dottor Giansisto Giaravelli

In contemporanea gli artisti Olga De Maio e Luca Lupoli hanno lanciato attraverso la loro associazione culturale Noi per Napoli un importante progetto di solidarietà, denominato #Noipernapolipromalaka con l’obiettivo di aiutare la popolazione di Malaka (Indonesia), distrutta dal recente disastro alluvionale, attraverso le sorelle missionarie francescane, per la costruzione di un centro polifunzionale e di accoglienza, oltre ad inviare generi alimentari di prima necessità.

Coloro che desidereranno aiutare a sostenere tali progetti, possono inviare dei contributi attraverso il fondo di solidarietà GoFundMe https://gofund.me/3cbda665 #NoipernapoliproMalaka.

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te