Due vittorie per l’Europa che conta

da | Mag 15, 2021 | Calcio Napoli

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà

C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito, non getta mai via il tempo, perché anche nei contrattempi non bisogna mai rassegnarsi. È stato il leitmotiv del campionato del Napoli che ad inizio stagione s’era costruito un disegno con obiettivi esaltanti, poi venuti meno per una serie di circostanze – infortuni in serie, Covid, malattia di Gattuso e critiche della proprietà verso il tecnico che ha replicato deluso a muso duro – che potevano finire con il distruggere quanto costruito con passione e professionalità dall’intero gruppo squadra. Il Napoli e Gattuso però non si sono mai rassegnati alla malasorte e, se c’è stato qualche passo falso con errore del tecnico e dei giocatori, va tutto inquadrato in una stagione anomala, contrappuntata anche da momenti iellati. Un motivo in più perché qualche rimpianto ci possa stare, ma definirla una stagione “buttata via, quando sono stati realizzati 14 punti in più di quella passata e mancano ancora due gare alla fine del campionato, è davvero da masochisti. Perciò, finisca come finisca, speriamo bene, non si può non riconoscere che questa squadra con Gattuso in panchina, con uomini come Osimhen e Demme, ma ci metto pure il Bakayoko che è talento e forza allo stato puro, talvolta distratto, e il Rrahmani delle ultime prestazioni o il “nuovo” Zielinski o il Lozano rigenerato, ha aperto un ciclo alla faccia di chi, invece, riteneva che il ciclo fosse finito e bisognasse rifondare. Il futuro è azzurro, dunque, ma bisognerà capire che futuro sarà e chi dovrà proseguire – ribadisco, proseguire – il ciclo gattusiano (80 partite in totale fino ad ora, 45 vinte, 12 pareggiate, 23 perse di cui 11 nella scorsa stagione). Il gruppo ha fatto blocco intorno al tecnico, fidandosi ciecamente di lui e della sua lealtà, così man mano che l’inziale sinergia è diventata simbiosi, la squadra ha preso certezze, autostima, personalità ed anche quella “anima” che Gattuso ha più volte invocata in passato. La svolta è stata l’idea di calcio che Ringhio ha in tutti modi cercato di infondere e far comprendere al gruppo: squadra offensiva e con tutti gli undici, proprio tutti, anche il portiere a costo di qualche rischio maggiore, ad essere protagonisti dello sviluppo della manovra. Chi ha pensato ed etichettato, lo hanno fatto e scritto anche penne famose, che Gattuso fosse un difensivista ha capito ben poco o niente del tecnico e dell’uomo. Votato all’attacco per natura.

La sua difesa è sempre stata attiva, con attacco agli avversari ora in pressing alto, ora con coperture preventive sulle linee di passaggio. Mai difesa passiva a respingere solo gli attacchi avversari. Certo, si sono corsi dei rischi e le nove sconfitte in campionato, quella in Supercoppa, le due in Europa League (Az e Granada) e quella in semifinale di Coppa Italia contro l’Atalanta, sono la dimostrazione più evidente che la squadra non ha mai giocato per accontentarsi del risultato minimo, come dimostrano i soli sette pareggi sulle 49 partite complessive giocate in questa stagione. A 180 minuti dalla fine di un campionato anomalo e stranissimo per la pandemia che ha spesso forzato i tecnici a scelte obbligate, il Napoli è padrone assoluto del suo destino. E ricordare per questo fine settimana i corsi e ricorsi storici di Giambattista Vico, mica un calciatore, resta ora fatto fine a se stesso. Gli azzurri giocheranno a Firenze la sfida forse decisiva, mentre stasera a Torino si gioca il derby d’Italia Juventus-Inter.

Ricordate quel 28 aprile 2018, un sabato sera, quando Higuain, con la complicità di Orsato mandò in paradiso la Juve? E ricordate il giorno successivo la scoppola presa dal Napoli proprio a Firenze? Dal possibile scudetto il Napoli si ritrovò a 4 punti dal primato e Sarri disse che la sconfitta era maturata già la sera precedente in albergo con la vittoria della Juve a tempo scaduto. Per Gattuso non devono esserci alberghi nefandi… con il punto di vantaggio sulla vecchia e decrepita signora quel che accadrà all’Allianz Stadium dorvà essere solo un insignificante particolare tale da rendere più esaltante il campionato del Napoli.

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te