Due vittorie per l’Europa che conta

da | Mag 15, 2021 | Calcio Napoli

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà

C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito, non getta mai via il tempo, perché anche nei contrattempi non bisogna mai rassegnarsi. È stato il leitmotiv del campionato del Napoli che ad inizio stagione s’era costruito un disegno con obiettivi esaltanti, poi venuti meno per una serie di circostanze – infortuni in serie, Covid, malattia di Gattuso e critiche della proprietà verso il tecnico che ha replicato deluso a muso duro – che potevano finire con il distruggere quanto costruito con passione e professionalità dall’intero gruppo squadra. Il Napoli e Gattuso però non si sono mai rassegnati alla malasorte e, se c’è stato qualche passo falso con errore del tecnico e dei giocatori, va tutto inquadrato in una stagione anomala, contrappuntata anche da momenti iellati. Un motivo in più perché qualche rimpianto ci possa stare, ma definirla una stagione “buttata via, quando sono stati realizzati 14 punti in più di quella passata e mancano ancora due gare alla fine del campionato, è davvero da masochisti. Perciò, finisca come finisca, speriamo bene, non si può non riconoscere che questa squadra con Gattuso in panchina, con uomini come Osimhen e Demme, ma ci metto pure il Bakayoko che è talento e forza allo stato puro, talvolta distratto, e il Rrahmani delle ultime prestazioni o il “nuovo” Zielinski o il Lozano rigenerato, ha aperto un ciclo alla faccia di chi, invece, riteneva che il ciclo fosse finito e bisognasse rifondare. Il futuro è azzurro, dunque, ma bisognerà capire che futuro sarà e chi dovrà proseguire – ribadisco, proseguire – il ciclo gattusiano (80 partite in totale fino ad ora, 45 vinte, 12 pareggiate, 23 perse di cui 11 nella scorsa stagione). Il gruppo ha fatto blocco intorno al tecnico, fidandosi ciecamente di lui e della sua lealtà, così man mano che l’inziale sinergia è diventata simbiosi, la squadra ha preso certezze, autostima, personalità ed anche quella “anima” che Gattuso ha più volte invocata in passato. La svolta è stata l’idea di calcio che Ringhio ha in tutti modi cercato di infondere e far comprendere al gruppo: squadra offensiva e con tutti gli undici, proprio tutti, anche il portiere a costo di qualche rischio maggiore, ad essere protagonisti dello sviluppo della manovra. Chi ha pensato ed etichettato, lo hanno fatto e scritto anche penne famose, che Gattuso fosse un difensivista ha capito ben poco o niente del tecnico e dell’uomo. Votato all’attacco per natura.

La sua difesa è sempre stata attiva, con attacco agli avversari ora in pressing alto, ora con coperture preventive sulle linee di passaggio. Mai difesa passiva a respingere solo gli attacchi avversari. Certo, si sono corsi dei rischi e le nove sconfitte in campionato, quella in Supercoppa, le due in Europa League (Az e Granada) e quella in semifinale di Coppa Italia contro l’Atalanta, sono la dimostrazione più evidente che la squadra non ha mai giocato per accontentarsi del risultato minimo, come dimostrano i soli sette pareggi sulle 49 partite complessive giocate in questa stagione. A 180 minuti dalla fine di un campionato anomalo e stranissimo per la pandemia che ha spesso forzato i tecnici a scelte obbligate, il Napoli è padrone assoluto del suo destino. E ricordare per questo fine settimana i corsi e ricorsi storici di Giambattista Vico, mica un calciatore, resta ora fatto fine a se stesso. Gli azzurri giocheranno a Firenze la sfida forse decisiva, mentre stasera a Torino si gioca il derby d’Italia Juventus-Inter.

Ricordate quel 28 aprile 2018, un sabato sera, quando Higuain, con la complicità di Orsato mandò in paradiso la Juve? E ricordate il giorno successivo la scoppola presa dal Napoli proprio a Firenze? Dal possibile scudetto il Napoli si ritrovò a 4 punti dal primato e Sarri disse che la sconfitta era maturata già la sera precedente in albergo con la vittoria della Juve a tempo scaduto. Per Gattuso non devono esserci alberghi nefandi… con il punto di vantaggio sulla vecchia e decrepita signora quel che accadrà all’Allianz Stadium dorvà essere solo un insignificante particolare tale da rendere più esaltante il campionato del Napoli.

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby, il belga firma il vantaggio, mentre il raddoppio è un gol su deviazione decisiva di Politano. Il Napoli ritrova Dries per il derby con il Benevento, i titolari sono: Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Ghoulam;...

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo, i ragazzi di Gattuso ne incassano 4 dalla Dea e la zona champions si allontana. Atalanta-Napoli, match che si ripete a distanza di 11 giorni gli azzurri hanno affrontato la Juventus e il Granada dopo la sconfitta di...

Napoli, la Champions non aspetta

Napoli, la Champions non aspetta

I continui passi falsi degli azzurri allontanano l’obiettivo del quarto posto. Serve continuità nei risultati Nemmeno il tempo di assaporare la gioia della vittoria contro la Juve, che il Napoli ripiomba nell’oblio. Questa sera la tecnica: “aspettiamo l’episodio...

Un Napoli decimato batte i campioni d’Italia

Un Napoli decimato batte i campioni d’Italia

Un Napoli decimato batte i campioni d'Italia, con un gol di Insigne che scaccia i fantasmi dei tre errori precedenti contro i bianconeri e fa 100 con la maglia azzurra. Un Napoli decimato batte i campioni d'Italia -Alla vigilia di questa partita nessuno avrebbe...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te