Cosa succede se mamma e papà litigano?

da | Mag 15, 2021 | Psicologia

di Cinzia Rosaria Baldi *

Il disaccordo trai genitori è normale ma esprimerlo davanti ai bambini può destabilizzarli

La pandemia da Covid 19 ha stravolto le nostre vite incidendo non solo sui rapporti sociali, ma anche sulle  nostre relazioni familiari. La famiglia è stata messa a dura prova dalle convivenze prolungate in ambienti spesso di piccole dimensioni, che hanno alterato abitudini e ritmi, messo in discussione ruoli domestici e di cura.  Per molte famiglie il ritrovarsi insieme è stata un’occasione per dedicare più tempo  ed attenzione sia alla relazione di coppia che a quella con i figli,  ma in ogni caso la condivisione assidua di spazi abitativi ha costituito il luogo dove più facilmente hanno trovato espressione tensioni, discussioni, o conflitti: il Covid ha suscitato stress, creato situazioni di disagio emotivo che hanno messo a dura prova anche le coppie più affiatate, i sistemi familiari più equilibrati.
Già prima del Covid sapevamo che  la famiglia tipo “Mulino Bianco” , dal sorriso appiccicato sulle labbra non esiste, ma tutti abbiamo potuto constatare che in questo periodo anche in una famiglia dove la relazione è solida uno scambio verbale più accalorato, un litigio  anche solo per futili motivi trai  genitori  sono accadimenti quotidiani. Ovviamente in questo articolo esaminiamo il litigio in  coppie in cui il legame affettivo  non è compromesso e non vi è ostilità nella coppia. In questi casi il conflitto, infatti, è un aspetto del tutto normale  nel rapporto fra coniugi e può essere determinato da svariate dinamiche  come la gestione economica, l’educazione dei figli, le relazioni extra familiari o con le famiglie d’origine, ma anche da problemi strettamente legati al funzionamento della coppia coniugale.
Ma come reagiscono i bambini quando sentono alzare le voci o assistono al classico ‘botta e risposta‘ tra mamma e papà? Solitamente, quando mamma e papà litigano, il bambino pensa di essere lui la causa, perché i bambini piccoli riferiscono tutto a loro  stessi,  ignorare l’accaduto, quindi, finirebbe per alimentare il loro senso di colpa, la confusione e la paura.  I bambini sono estremamente sensibili al rapporto trai genitori, sentirli litigare provoca emozioni, ansia, pensieri negativi, la paura  di rimanere soli. Anche i figli piccolissimi, pur se non capiscono tutte le parole che i genitori si dicono, avvertono la tensione  tra mamma e papà dal cambiamento del tono della voce, dagli sguardi , dai loro movimenti più eccitati. Non bisogna ignorare quanto accaduto bisogna rassicurare i bambini, cullando e accarezzando i più piccoli, e parlarne con i più grandi. In età scolare il bambino comprende le parole ma non il significato completo di quello che sta accadendo,  dimostrare loro affetto, dargli la certezza che non sta succedendo niente  di irreparabile: è importante trasmettere il concetto che   la lite va vista come qualcosa che può accadere.
Il conflitto è funzionale, infatti,  al rapporto di coppia perché permette ad ognuno dei partner di esprimere le proprie opinioni differenti  e  può avere una valenza distruttiva o costruttiva. Quando si esprime la ‘discordanza’  in presenza dei figli,  questi ultimi  secondo il grado di conflittualità  attivano  risposte a più livelli: emotivo, comportamentale, cognitivo e fisiologico. Il genitore non deve reprimere la  propria discordanza nella coppia, ma si deve sforzare di capire quando e come il conflitto coniugale incide ed ostacola lo sviluppo del benessere del proprio figlio.
Esistono diverse forme di conflitto e che incidono in modo diverso sullo sviluppo del benessere del bambino. Il conflitto può essere solo verbale, o assumere forme aggressive a volte anche fisiche. Quando il bambino per più tempo assiste  al conflitto, in particolare a quello aggressivo, presenta un aumento dell’insicurezza nella relazione con i genitori, da cui possono derivare una serie di difficoltà nelle relazioni sociali,  il calo della prestazione scolastica, disturbi del sonno. E’ anche dimostrato  che se si raggiunge la risoluzione nel conflitto trai  coniugi ciò riduce lo stress nei figli.
In conclusione non sarebbe comunque sbagliato impegnarsi un po’ di più a gestire la rabbia, ma se non ci si riesce, almeno ricercando modalità di espressione funzionali che favoriscano la propria libertà di espressione preservando il diritto del figlio di un sereno sviluppo.
* psicologa età evolutiva
Vomero, strade ancora invase dai residui dei botti di Capodanno

Vomero, strade ancora invase dai residui dei botti di Capodanno

È trascorso quasi un mese da Capodanno e all'uscita della stazione metropolitana di Medaglie d'oro ci sono ancora i residui dei botti. A segnalare la situazione di degrado il Comitato civico del Vomero, presieduto da Mario Fontana. Non solo botti, la raccolta procede...

Napoli centro, a lavoro nei bar senza mascherina: sanzionati

Napoli centro, a lavoro nei bar senza mascherina: sanzionati

I carabinieri della Compagnia Centro non abbassano la guardia e continuano senza sosta i controlli nei quartieri del cuore della città. Attenzione alta ancora per il rispetto delle norme anti-contagio. Sanzionato il titolare di un bar in Via Santa Chiara. I due...

Nola, dispersione scolastica: carabinieri denunciano tre genitori

Nola, dispersione scolastica: carabinieri denunciano tre genitori

I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli sono da sempre in prima linea nel contrasto alla dispersione scolastica. I militari dell’Arma, in una forte sinergia con le scuole presenti sul territorio e con la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli,...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Chiude Benincasa, il maestro del babà

Chiude Benincasa, il maestro del babà

La crisi dovuta all’epidemia e l’inesorabile incidenza dell’anagrafe hanno provocato un’altra chiusura illustre nel panorama commerciale napoletano e del Vomero in particolare. Ha abbassato le serrande in questi giorni la pasticceria Benincasa di via Suarez, un punto...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Il geologo Caniparoli  e le cause delle voragini

Il geologo Caniparoli e le cause delle voragini

Naturalmente non mancano i commenti sui social in merito al crollo al cimitero di Poggioreale. Per il geologo Riccardo Caniparoli, la causa dei crolli è la subsidenza (abbassamento del terreno dovuto a cause naturali o all’attività dell’uomo). Secondo Caniparoli, che...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

La metro a singhiozzo

La metro a singhiozzo

Corse a rilento, tratta limitata Piscinola-Dante e assenza di biglietti in stazione: il servizio di trasporto pubblico ha offerto un’altra pagina nera ai napoletani e ai turisti che, nonostante tutto, affollano anche in questi giorni la città. Tanti di loro, però,...

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

La campagna vaccinale per la fascia di età 5 – 11 anni continua presso gli Istituti Comprensivi della Città di Napoli. Ieri, alla presenza del Vicesindaco con delega all’istruzione Maria Filippone, della Preside Teresa Sasso e dei Docenti delll’Istituto Sarria – Monti...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te