Voglia di tornare in campo

da | Mag 9, 2021 | Primo piano, Psicologia

di Cinzia Rosaria Baldi*

Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l’attività sportiva anche di contatto ma all’aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma soprattutto per i bambini ed i ragazzi  che non aspettavano altro che poter tornare a giocare insieme,  e fare esercizio fisico. Dunque si può correre, o  andare in bicicletta,  mentre dal 15 maggio riaprono le piscine all’aperto e le spiagge e dal primo giugno tornano finalmente anche le palestre. E’ il momento di essere vicini ai ragazzi per aiutarli superare questo lungo periodo di lockdown, di isolamento dagli amici, dove la routine veniva trascorsa con attività  svolte al pc o attraverso l’ uso dello smartphone.
Per gli adolescenti e pre adolescenti, come risulta da diversi studi, l’esercizio fisico individuale o di squadra è necessario per un equilibrato  sviluppo cognititivo-comportamentale, favorisce  l’autonomia, sviluppa estro e creatività, permette di sviluppare abilità di  problem solving, migliora l’attenzione e la  concentrazione, insegna a stare con altri, accresce l’autostima. Per questo da subito cerchiamo di far riprendere, quando possibile, le attività che i nostri figli erano abituati a svolgere, o proponiamone loro  delle nuove.
Le soluzioni all’aria aperta mettono allegria e sono numerose si può andare al parco, nei prati, sulla spiaggia a correre, o per nuotare, si possono organizzare giochi di squadra, oppure ci si può  mettere d’accordo con gli altri genitori per andare insieme  in bicicletta, o sui pattini, o con lo skateboard. E’ molto utile  per i nostri bambini, avere la possibilità di essere guidati da qualcuno più esperto. Questo permette loro di scoprire i loro limiti, di apprendere nuove abilità, di esplorare tutto ciò che il loro corpo può fare. Inoltre lo stare  con gli altri crea sentimenti di accettazione e integrazione che aiutano gli adolescenti pieni di  dubbi e incertezze sul sé.
Durante l’adolescenza, lo sport al pari della famiglia e della scuola si configura come un ambiente di apprendimento alternativo per tanti adolescenti, capace di trasmettere valori e principi che formano e strutturano la personalità.
Nell’adolescenza e preadolescenza sono i genitori a scegliere le opportunità di crescita e a scegliere i contesti a cui i figli devono rivolgersi, tra questi rientra  anche la scelta di far svolgere o meno un’attività sportiva e quale attività  intraprendere.  La scelta dei genitori avviene tenendo conto di aspetti legati alla salute ed allo sviluppo psicofisico del bambino, ma spesso  tiene conto anche di altre contingenze esterne, il luogo dove è possibile far svolgere un dato sport, gli orari.  Può accadere  che la scelta dei genitori non corrisponda a pieno ai desideri dei bambini e questo presto o tardi può portare all’abbandono dello sport, se i genitori non  sostengono i figli accompagnandoli  nella scelta e nel proseguimento delle varie attività motorie, comprese quelle sportive.
In questo momento in cui  i ragazzi devono riprendere a fare sport   la motivazione gioca un ruolo fondamentale,  influenza la decisione di continuare o meno uno sport  ed interviene sull’impegno che si dedica ad un’attività fisica. In questa fase I genitori devono essere pronti ad ascoltare e  rispettare i desideri degli stessi bambini.
Ricordiamo che un’attività fisica vissuta come divertimento crea la passione per lo sport che si svolge, aumenta l’impegno, la concentrazione e la  motivazione, ovvero di quelle caratteristiche che contribuiscono non solo alla crescita fisica, ma anche a quella emotiva.
Il messaggio che va trasmesso in questo momento è che importante ricominciare l’attività fisica, ovviamente prendendo le necessarie cautele,  lo stesso il parlamento europeo ha lanciato nei giorni scorsi  l’invito a  “far tornare presto i più giovani a fare sport” anche prevedendo  sostegni alle famiglie a basso reddito, come ha ricordato Carla Garlatti, Garante per l’infanzia e l’adolescenza. “Lo sport è divertimento e gioco – ha affermato l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza – una dimensione e un diritto che appartengono al mondo dei più piccoli e che sono fondamentali per il loro sviluppo, anche sul piano delle competenze. L’attività sportiva promuove e insegna valori che in una fase di crisi diventano fondamentali: il rispetto, la solidarietà, la cooperazione, la condivisione e l’impegno. Lo sport di base rafforza l’inclusione sociale e l’integrazione dei bambini e ragazzi con minori opportunità”.
*psicologa età evolutiva
Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

È passato solo un anno dal debutto di Giovanni Taranto, con “La fiamma spezzata”. Ed eccolo ora riproporsi con un nuovo romanzo, sullo stesso tema, intrighi ed affari della criminalità organizzata vesuviana al vaglio di un investigatore serio e determinato. Siamo...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

La geniale intuizione di Fortuna Imperatore, game designer napoletana laureata in Psicologia A chi poteva venire in mente l’idea di creare un videogioco che avesse per protagonisti Freud e la psicoanalisi? O a un matto o ad un genio, ma sicuramente con l’inventiva e...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Grande successo per il concerto di musica classica “Note di pace” a Casavatore Grande successo di partecipazione e di pubblico per il concerto di musica classica per violino e pianoforte tenutosi presso la parrocchia di Gesù Cristo lavoratore a Casavatore, intitolato...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te