Superlega, la rivoluzione è solo rimandata. Ceferin deve “svegliarsi”

da | Apr 24, 2021 | InEvidenza, Sport

C’era da aspettarselo che prima o poi il sistema calcio si sarebbe ribellato alle dittature dell’Uefa e della Fifa. E non tragga in inganno la veloce ritirata e resa di nove club su dodici che hanno tentato il golpe creando la Superlega. Ma Chi ha veramente tradito Chi? La goffaggine dei ribelli usciti allo scoperto lunedì notte passati nove minuti da mezzanotte, proprio alla vigilia della presentazione del discutibile nuovo format della Champions, è sembrato un terremoto senza danni. Volendo chiosare: i danni, presenti e futuri, sembra se li siano procurati solo i club ribelli. Ma è davvero così? A sommesso avviso di chi scrive, dopo questo primo scossone senza danni apparenti, a Nyon (sede Uefa) faranno bene a non ignorare le richieste di cambiamento e di aiuto, non solo dei top club, prigionieri dei loro fatturati miliardari e di debiti cui il Covid ha dato una mazzata definitiva. Florentino Perez, Andrea Agnelli e Juan Laporta hanno iniziato con il lanciare un sasso, e che sasso, nella piccionaia di un organismo come l’Uefa che, se si è arrivati a tanto, le sue brave colpe ce le ha, eccome.

Ceferin, per ora, è uscito tra gli applausi del popolo di tifosi, politici e tesserati che si è ribellato alla sola parola Superlega. Però, dopo danni enormi procurati ed aiuti non dati ai club, soprattutto durante la pandemia che ha finito di inguaiare le finanze del calcio, l’avvocato di Lubiana si è evangelicamente posto come il padre pronto a perdonare i figli ribelli tornati a casa. Ricordasse, però, Ceferin che nella parabola per il figliol prodigo il padre organizzò una grande festa uccidendo il vitello più grasso. In poche parole il numero uno dell’Uefa, prima o poi, dovrà allentare i cordoni della borsa e del potere per cedere qualcosa ai club, dando vita a progetti organizzati e programmati insieme e non imposti dall’alto con la nota arroganza per fini meramente economici e speculativi senza tener conto né dei calciatori, gli attori dello spettacolo, né dei tifosi, i primi e più importanti fruitori dello stesso.

Le minacce rilanciate nemmeno tanto velatamente venerdì verso i presidenti che ancora non hanno deposto le armi sono segnali inquietanti di quello che potrà accadere e che dire delle gare di Nations League imposte in piena pandemia con rischio di salute altissimo dei giocatori? A questo punto mi sorge spontanea la domanda: ma chi è il vero traditore del calcio? Coloro che ora si ergono a difensori del sistema, i loro capi; ma quale idea di calcio hanno mai veramente rispettato se non quello della logica del profitto a tutti i costi, prima ancora della salute? Quale proposta innovativa hanno mai portato avanti per il bene di tutto il sistema e dei club, senza distinzione tra quelli ricchi e quelli più poveri? Lo è forse l’incomprensibile format della nuova Champions fatto solo per giocare di più e di conseguenza guadagnare di più?

Il “serpente” Agnelli e Florentino Perez hanno ragione da vendere quando affermano che “l’idea era quella di creare un modello sostenibile di calcio”. Giusto. Ma per chi? Hanno torto marcio se tale modello era stato creato solo per dodici, quindici o al massimo venti società. Ceferin, per ora, ha vinto solo il primo round di una battaglia che si annuncia lunga e probabilmente con molti feriti. Perché se non capisce di ritrovarsi ora con una patata bollente tra le mani, rischia di farsi molto male. Anche più di chi al momento, parliamo dei proprietari dei club ribelli, volevano incendiare e sembra che siano rimasti col cerino in mano. Ribadiamo che le minacce di venerdì sono solo l’ulteriore pegno che il regime di Nyon vuole imporre. L’Uefa ha molto da farsi perdonare: ha sbagliato a non far rispettare il fair play finanziario, giocando su due tavoli, e a non introdurre per tempo un salary cup. Ora serve un fair play finanziario reale che venga attuato e rispettato, che dia libertà di investimento ma preveda tetti certi e non vincoli le spese. L’obiettivo non può che essere il controllo dei costi e riduzione dell’indebitamento. Cosa che i dodici volevano combattere aumentando ancora i fatturati, trovando soldi altrove. L’Uefa e Ceferin devono ora assumersi responsabilità enormi sul piano finanziario e su quello sportivo per non “tradire” politici e tifosi scesi in piazza per fermare la rivolta. Deve cioè l’organismo di Nyon trovare la ricetta per un calcio sostenibile fatto ancora di emozioni, di passioni e soprattutto di merito e non di soli soldi. Non sarà facile trovare la soluzione. Soprattutto farlo al più presto. Non dovesse riuscirci non solo debiti e problemi aumenteranno ma i traditori di ieri potrebbero diventare gli eroi di domani. E trovare molti altri alleati. Perché il calcio non può più attendere un nuovo e più democratico modello di business che non uccida lo sport. Perché la rivoluzione è ormai un fatto irreversibile.

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

Ora il calcio ha la necessità di ripartire

La teoria evoluzionistica di Darwin parte da un concetto fondamentale che è la capacità di adattamento degli esseri viventi, non necessariamente solo l’uomo, alle modificazioni dell’ambiente e di altri fattori naturali che possono intervenire. Trasmutando i fatti,...

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Sul calcio nessuno decide. Ecco le posizioni delle parti in causa

Ancora non sono riuscito a capire se il ministro Vincenzo Spadafora si stia comportando con il calcio e tutte le sue componenti come il bimbo che porta il pallone nel parco o nel cortile di casa che vuole decidere lui solo chi degli altri bimbi deve giocare, come deve...

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

Il braccio di ferro tra Lega e Coni che non conviene a nessuno

È diventato un braccio di ferro, politico ma non solo. Economico, sociale, ideologico? C'è di tutto dietro il “no” alla ripresa degli allenamenti di calcio per le società il 4 maggio prossimo. Ma c'è soprattutto l'arroganza, quella dell'inusuale tandem politico...

Ma questa politica è contro il calcio?

Ma questa politica è contro il calcio?

Oltre la notoria capacità degli italiani nell'arte di arrangiarsi, dimostrata una volta di più anche in occasione del Coronavirus, i "domiciliari" forzati cui siamo tutti costretti mi hanno portato una visione tragica e umoristica anche di questi momenti dolorosissimi...

Kenny Dalglish positivo al Coronavirus

Kenny Dalglish positivo al Coronavirus

Kenny Dalglish è risultato positivo al Coronavirus. A comunicarlo è il Liverpool, il club in cui lo scozzese ha scritto pagine di storia alzando svariati trofei da giocatore, in primis tre Coppe dei Campioni, e da allenatore. "Dalglish", si legge nel comunicato dei...

Scherma, rinviati i campionati italiani olimpici e paralimpici

Scherma, rinviati i campionati italiani olimpici e paralimpici

I Campionati italiani olimpici e paralimpici di Scherma sono rinviati. L’evento, previsto dal 4 al 7 giugno 2020 al PalaVesuvio di Napoli, è spostato al prossimo autunno, con data ancora da definire, dopo la sospensione dell’attività agonistica sul territorio...

SPORTIVI PARALIMPICI PER TOKYO 2020

SPORTIVI PARALIMPICI PER TOKYO 2020

SPORTIVI PARALIMPICI PER TOKYO 2020 In occasione della giornata mondiale dello sport Videotutorial dell’argento mondiale nel nuoto Angela Procida“A Tokyo non andrò solo per partecipare. Teniamoci in forma per le Paralimpiadi e la vita di tutti i giorni.”La...

Sport in casa, i napoletani primatisti in indoor rowing

Sport in casa, i napoletani primatisti in indoor rowing

In giorni in cui si è costretti a stare a casa e a fare movimento o ginnastica nelle proprie abitazioni, ci sono tre giovani campani che si sono fatti valere e che hanno addirittura battuto primati. Il primo è Giovanni Abagnale, che ha vinto una medaglia di bronzo a...

“Calcio, impossibile allenarsi in questo momento”

“Calcio, impossibile allenarsi in questo momento”

di Marco Martone Ha collaborato con alcuni grandi allenatori del calcio internazionale e ha fatto parte, nel ruolo di preparatore atletico dello staff medico di tante squadre, tra cui il Napoli. Eugenio Albarella vive questo momento di grande emergenza da cittadino ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te