Ninfa plebea di Domenico Rea

da | Apr 24, 2021 | Cultura&Spettacolo

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente.

Parliamo di Ninfa plebea di Domenico Rea, libro sconvolgente, capace di rappresentare la figura femminile in modo potente, narrando una vessazione storica, considerata fino a tempi recentissimi accettabile. Lambendo certe tematiche riferibili alla violenza, in questo caso psicologica, di genere, anticipandone di quasi vent’anni la denuncia. Sono tematiche che fanno avvertire al lettore, chiunque egli sia, un risoluto sdegno nei confronti di una società biecamente fallocratica. Soprattutto la lettura muove nel pubblico  la commossa partecipazione alle vicissitudini del bellissimo personaggio femminile, la cui vicenda parte da quando è bambina.

Volendo esporre un rapido disegno della trama diciamo che la storia ha inizio nel seno di una famiglia di estrazione popolare, in un paese dell’Agro Nocerino che è verosimilmente la stessa Nocera. Le relazioni sono tutte incentrate sul leitmotiv della sopravvivenza, un mondo basato sulla necessità di guadagnare per non soccombere, e pertanto anche la sessualità assume questo connotato, pur senza diventare prostituzione. L’utilizzo del sesso assume cioè fin dalle prime pagine la fisionomia di strumento preteso dagli uomini, di qualsiasi ceto e ruolo; dispensato quasi sempre con avveduta rassegnazione dalle donne, senza in esso riporre enfasi e significati elevati se non, appunto, quello di strumento per la sopravvivenza. Il sesso che assume invece senso è quello piacevolmente affettivo che sperimentano due bambine, Miluzza, la protagonista, e Nannina una sua amica. Improvvisamente però la bambina resta orfana, dapprima della madre, donna chiacchierata ma tollerata; poi del padre invalido. L’ultimo adulto che si occupa di Miluzza è il nonno paterno, il quale afflitto dalla preoccupazione si duole per la sorte della sciagurata nipote che presto si troverà in balia di un mondo spietato, senza il sostegno dei genitori. Prima di morire pertanto, pensando di fare bene, riesce a collocarla come operaia nell’azienda di un ricco possidente ma, venuto a mancare in concomitanza con l’adolescenza della nipote, tutto lascia supporre la rovina. L’industriale che ne è attratto la irretisce, la moglie di lui la aggredisce, ne consegue la condanna sociale perché, la morale comune è spietata con una miserabile, qual è Miluzza, che insidia – non volendo – l’onore di una famiglia che conta. Poi, provvidenzialmente, la guerra. Tutta la società ne è sconvolta, ogni vicenda dimenticata e Miluzza con la sua capacità di sopravvivenza sopravanza tutti fino a quando, al termine del conflitto salverà un soldato di Corbara, reduce da una perigliosa fuga di ritorno dal fronte e, col lieto fine, si sposa e vive felice. Eppure anche il finale, apparentemente banale, sottolinea sempre la brutalità del mondo maschile e lo spessore umano della donna, capace di elevare gli affetti sopra la grossolanità dell’uomo.

Ma venendo alla seconda questione, ovvero quelle consuetudini di un “Paese straordinario” cui facevamo cenno, ricordiamo che Ninfa plebea è un libro insignito del maggiore riconoscimento per la letteratura nazionale: il Premio Strega, che gli è stato attribuito nel 1993.

Ebbene qual è la sorte di un’opera che, di diritto, sta nell’olimpo dei classici? In Italia è quella di non essere più editata. Eh già.

Invito infatti il lettore a verificare sui maggiori negozi on-line se sia possibile trovare un’opera di Domenico Rea che sia successiva ai primi anni 2000. E specialmente si guardi se sia possibile trovare il succitato libro, che non sia una vecchia e malandata edizione.

Ci chiediamo allora quale sia la ragione di cotale oblio, e andiamo convincendoci che Rea non piace a  certa editoria perché non risponde a ciò che del Meridione, e di Napoli, ci si aspetta. Non camorre dunque, non folklore, non “i segreti” noti che supponenti giornalisti settentrionali pretendono spiegare, a chi poi?

Diciamo allora che Domenico Rea è un autore troppo emancipato per un Paese così retrivo come il nostro, che abbisogna della stabilità dei luoghi comuni per vivere sereno. Che per esistere abbisogna della narrazione di una parte buona e una cattiva. Ben trista esistenza si è scelta un Paese così. Ma un classico è un classico, sicché capita che dove l’autore è obliato in patria vi sia abbondanza di pubblicazioni straniere che vanno da un’olandese “De nimf van Napels”, al francese “Jesus fais la lumiere”, Édition Actes Sud. Raro al punto, questo Rea che, per sbaglio, volendo comprare un altrettanto introvabile “Spaccanapoli”, sua opera prima, lo scrivente lo abbia involontariamente acquistato nell’edizione francese Verdier,  ma tant’è. Pertanto chi vorrà seguire il mio suggerimento su “Ninfa plebea”, e facesse fatica a trovarlo nelle librerie di Napoli (che poi sono anche chiuse), troverà questo volume, come quello dell’autore precedente, alla Biblioteca Nazionale o in qualsiasi biblioteca comunale che sia degna di tale definizione.

 

 

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te