Adolescenti in ansia da rientro

da | Apr 19, 2021 | Primo piano, Psicologia

di Cinzia Rosaria Baldi *

A scuola tra confusione e perplessità

Attenzione a tutto campo in questi giorni sul rientro a scuola, a lungo desiderato dagli adolescenti ma alla fine risultato difficile. I ragazzi hanno trascorso troppi mesi chiusi in casa, hanno potuto vedere solo attraverso uno schermo le insegnanti ed i loro compagni ed hanno assorbito il clima di incertezza vissuto in famiglia.
Molti degli stessi genitori, che chiedevano la didattica in presenza, oggi sono preoccupati e ritengono di esporre i propri figli ad un rischio troppo alto, visto che niente è stato fatto per rendere meno affollati gli autobus e sul piano della logistica all’interno delle scuole.
Secondo i dati riportati in un’intervista alla testata on line ‘Fanpage’, il presidente dell’Associazione Nazionale Di.Te. (Dipendenze Tecnologiche) il psicoterapeuta Giuseppe Lavenia evidenzia che ” il 38% degli adolescenti ha vissuto con molta ansia il rientro a scuola”, secondo Lavenia dietro l’ ansia del rientro a scuola non c‘è la paura del contagio da Coronavirus, ma quella che viene definita ansia da prestazione. Oggi i ragazzi cominciano ad avere paura di non essere all’altezza delle lezioni e di vivere le amicizie e le relazioni Non si può ignorare il fatto che nei mesi scorsi i ragazzi hanno convertito le loro abitudini giornaliere ed hanno fatto i conti con nuove modalità di studio e di gestione del tempo, inoltre sono stati coinvolti, loro malgrado, dai mass media, social e famiglie in un clamore che riguardava l’importanza della scuola. Quando l’ansia e lo stress diventano eccessivi e non più prestazionali o utili, ovvero, quando situazioni , che prima erano vissute normalmente, non sono più svolte con continuità, i ragazzi possono sviluppare un’ ansia da prestazione e possono preoccuparsi di fallire un’attività prima ancora che abbia inizio, forse pensando che il fallimento comporterà umiliazioni o un rifiuto. Tutto questo porta alla compromissione delle capacità generali della persona, all’evitamento di una situazione o di più situazioni e sofferenza.
Svariati fattori favoriscono il presentarsi dell’ansia prestazionale , infatti, ci sono persone il cui sistema nervoso o endocrino o le cui caratteristiche personali sono più predisposte allo stress, ma intervengono anche fattori legati all’ambiente. Una situazione familiare o sociale carica di tensioni o nervosismo rende il ragazzo più vulnerabile a questo tipo di ansia, così come le esperienze negative già vissute nell’ambito scolastico o nelle relazioni con i compagni di scuola. Inoltre come già evidenziato questo tipo di ansia si determina in presenza di un’ esperienza totalmente nuova, oppure, come nel caso della scuola che sia stata interrotta per molto tempo e non si ha esperienza di come si presenterà rispetto a prima e tanto meno di come si deve ad affrontare.
L’ansia da prestazione, indipendentemente da questo periodo difficile per il Covid, è molto comune tra i bambini: può essere legata allo svolgimento di attività sportive, alle interazioni con i compagni o alle prestazioni scolastiche. Il ruolo dei genitori in questo è fondamentale, infatti hanno il compito far sentire amato il figlio a prescindere dai risultati ottenuti dalle prestazioni, evitando di mostrare delusione, o di creare competizione a lungo termine tra i bambini ( ad esempio in attività agonistiche) e danneggiando in tal modo la loro autostima. I genitori possono ridurre la loro ansia aiutandoli nei preparativi, in questo modo li aiutano a gestire meglio tutte le loro emozioni. Molto validi sono, anche, i cosiddetti discorsi di incoraggiamento.

Come aiutare in conclusione i bambini con l’ansia da prestazione scolastica?

Ho raccolto qui alcuni punti da tenere sempre a mente:
1. Riconosci e accogli l’angoscia di tuo figlio: alcuni genitori rifiutano la sua ansia, dicendo ai figli “smettila di preoccuparti” oppure “fallo e basta!“. Ma non ci si può liberare delle proprie paure così , in questo modo facciamo sentire il bambino sbagliato ed accresciamo ancor più le sue insicurezze.
2. Riconosci l’importanza dell’evento: dire a tuo figlio che un evento per lui significativo non è “niente di che” significa sminuire le sue emozioni. Ricordati che lui sta mettendo impegno in ciò che sta facendo ed è nervoso. Ha bisogno che tu ci sia per lui e comprenda i suoi sforzi , non minimizzare.
3. Incoraggialo durante la preparazione e premia il suo impegno: complimentarsi per l’impegno è fondamentale per la fiducia in se stessi. Troppo spesso ci si focalizza solo sul risultato finale ma ciò è distruttivo: anche se tuo figlio non dovesse raggiungere un particolare risultato, ciò non significa che non si sia impegnato. Incoraggialo sempre ad impegnarsi e lascia stare il risultato.
4. Offri un supporto senza condizioni: i genitori che mettono pressione o criticano il proprio figlio finiscono per aumentare la sua ansia da prestazione. Ricorda di far sapere a tuo figlio che non importa se avrà successo o meno, lo amerai comunque.

Come riconoscere l’ansia

Esistono vari tipi di ansia da prestazione cognitiva, somatica (con alto grado di attivazione fisiologica nel corpo), entrambe ossia cognitiva- somatica.
I sintomi più frequenti di ansia da prestazione sono:
• sensazione di malessere fisico oltre che mentale
• ipersudorazione
• tremori fini, tensione muscolare
• palpitazioni
• bocca asciutta
• voce roca
• difficoltà di concentrazione e memoria
• nausea
• fino a forme più gravi con disturbi d’ansia e d’umore strutturati e compromissione del funzionamento globale della persona.Ci sono alcune strategie che possono aiutare combatterla e superare l’ansia, di sicuro riferimento può essere il pediatra di fiducia, il psicologo ed aprire un dialogo con la scuola.
* psicologa età evolutiva
Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

Pozzuoli, pornografia minorile: arrestato 27enne

I militari della Stazione Carabinieri di Monteruscello, in esito a una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Palermo a seguito di una denuncia sporta dai genitori di un minore presso la Stazione di Palermo Borgo Nuovo, hanno tratto in...

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Napoli, piazza Amedeo: tenta una rapina. Fermato

Martedì scorso gli agenti del Commissariato San Ferdinando, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti all’interno della stazione metropolitana di piazza Amedeo per la segnalazione di una tentata rapina commessa da un uomo armato di un coccio di...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Napoli, ripartono le visite guidate nella Galleria Borbonica

Napoli, ripartono le visite guidate nella Galleria Borbonica

Finalmente, dopo mesi di stop, da Venerdì 30 aprile, ripartono le visite guidate nella Galleria Borbonica.  Gli enormi spazi e le altissime volte scavate nel tufo che la caratterizzano, consentono, senza alcun rischio,  il rispetto delle misure del Piano antiCovid e...

Vomero, arrestato un uomo per furto aggravato.

Vomero, arrestato un uomo per furto aggravato.

Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato Vomero e i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, nell’ambito dei servizi tesi al rispetto delle norme anti Covid-19...

Vaccini in Campania, via alle adesioni per gli “over 50”

Vaccini in Campania, via alle adesioni per gli “over 50”

L'unità di crisi regionale attraverso una nota ha comunicato che da stamattina sarà aperta la piattaforma per le adesioni al piano vaccinale della fascia di età 50-59 anni. Le convocazioni si attiveranno nei tempi più rapidi possibile, compatibilmente con l'arrivo dei...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te