Conto pignorato, anziana in pericolo di vita costretta a fare causa alle Poste per poter ritirare la pensione

da | Apr 14, 2021 | Primo piano

Finirà davanti ad un giudice del tribunale di Torre Annunziata il calvario di una pensionata, come tanti utenti del sistema finanziario, che dopo un pignoramento si è vista bloccare dalle Poste l’intera pensione accreditata sul conto e da mesi non riesce più a prelevare neanche un euro “in violazioni di ogni diritto e principio di umanità” come sostenuto nel reclamo presentato dagli avvocati di Noi consumatori Angelo pisani e Simona Troncone che hanno denunciato la illegittima condotta di Poste Italiane, sempre più frequente nel sistema bancario, chiedendo lo sblocco del conto corrente sul quale l’anziana percepisce l’assegno pensionistico, che certo non può essere negato per i vari anni di durata della procedura.
“Qualsiasi tribunale non può che dare ragione alla pensionata ma è assurdo che per avere la pensione soprattutto in un periodo come questo di crisi e pandemia si debba entrare anche nel girone infernale della giustizia! Si tratta di per poter ritirare quanto occorre per sopravvivere e non pignorabile”  denuncia l’avvocato Angelo Pisani.

Non avendo sortito alcun effetto i pianti della signora e i reclami stragiudiziali  gli avvocati hanno presentato ricorso contro le Poste Italiane, chiedendo lo sblocco immediato del conto corrente sul quale l’anziana donna percepiva l’assegno pensionistico e che è bloccato a cause del pignoramento di un creditore,

rimarcando come l’ingiustizia subita dalla propria assistita può avere conseguenze drammatiche e pericolose .
Già da due mesi, infatti, la malcapitata utente che ha bisogno del denaro anche per far fronte a spese mediche quotidiane non ha potuto prelevare un solo euro. In tasca non le sono rimasti neanche i soldi per mangiare né tantomeno per poter acquistare i costosi farmaci salvavita che le occorrono, Questo perché anche i 600 euro al mese versati dall’Inps sul suo conto postale a dire della cassiera risultano inglobati in un pignoramento presso terzi esercitato da un creditore, nonostante l’articolo 545 del Codice civile, riformato di recente dal decreto legge numero 83 del 2015, preveda che “le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale aumentato della metà”
Ad oggi però nonostante il reclamo la pensione non è stata ancora corrisposta e dallo sportello postale nessuna risposta.
“La nostra cliente chiederà il risarcimento dei danni causati dal blocco illegittimo del conto e speriamo n una sentenza esemplare che possa evitare errori ed abusi  a tanti altri utenti” commentano gli avvocati, allertando le Poste che non hanno saputo gestire il conto corrente bloccandolo.
Gli avvocati intanto per evitare gesti estremi della disperata pensionata sono pronti ad impugnare il blocco del conto attraverso il ricorso all’ex articolo 700, una misura cautelare con funzione anticipatoria della decisione di merito per ottenere  un’ordinanza attraverso la quale garantire un po’ più velocemente tutela alla malcapitata pensionata.
Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te