Conto pignorato, anziana in pericolo di vita costretta a fare causa alle Poste per poter ritirare la pensione

da | Apr 14, 2021 | Primo piano

Finirà davanti ad un giudice del tribunale di Torre Annunziata il calvario di una pensionata, come tanti utenti del sistema finanziario, che dopo un pignoramento si è vista bloccare dalle Poste l’intera pensione accreditata sul conto e da mesi non riesce più a prelevare neanche un euro “in violazioni di ogni diritto e principio di umanità” come sostenuto nel reclamo presentato dagli avvocati di Noi consumatori Angelo pisani e Simona Troncone che hanno denunciato la illegittima condotta di Poste Italiane, sempre più frequente nel sistema bancario, chiedendo lo sblocco del conto corrente sul quale l’anziana percepisce l’assegno pensionistico, che certo non può essere negato per i vari anni di durata della procedura.
“Qualsiasi tribunale non può che dare ragione alla pensionata ma è assurdo che per avere la pensione soprattutto in un periodo come questo di crisi e pandemia si debba entrare anche nel girone infernale della giustizia! Si tratta di per poter ritirare quanto occorre per sopravvivere e non pignorabile”  denuncia l’avvocato Angelo Pisani.

Non avendo sortito alcun effetto i pianti della signora e i reclami stragiudiziali  gli avvocati hanno presentato ricorso contro le Poste Italiane, chiedendo lo sblocco immediato del conto corrente sul quale l’anziana donna percepiva l’assegno pensionistico e che è bloccato a cause del pignoramento di un creditore,

rimarcando come l’ingiustizia subita dalla propria assistita può avere conseguenze drammatiche e pericolose .
Già da due mesi, infatti, la malcapitata utente che ha bisogno del denaro anche per far fronte a spese mediche quotidiane non ha potuto prelevare un solo euro. In tasca non le sono rimasti neanche i soldi per mangiare né tantomeno per poter acquistare i costosi farmaci salvavita che le occorrono, Questo perché anche i 600 euro al mese versati dall’Inps sul suo conto postale a dire della cassiera risultano inglobati in un pignoramento presso terzi esercitato da un creditore, nonostante l’articolo 545 del Codice civile, riformato di recente dal decreto legge numero 83 del 2015, preveda che “le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale aumentato della metà”
Ad oggi però nonostante il reclamo la pensione non è stata ancora corrisposta e dallo sportello postale nessuna risposta.
“La nostra cliente chiederà il risarcimento dei danni causati dal blocco illegittimo del conto e speriamo n una sentenza esemplare che possa evitare errori ed abusi  a tanti altri utenti” commentano gli avvocati, allertando le Poste che non hanno saputo gestire il conto corrente bloccandolo.
Gli avvocati intanto per evitare gesti estremi della disperata pensionata sono pronti ad impugnare il blocco del conto attraverso il ricorso all’ex articolo 700, una misura cautelare con funzione anticipatoria della decisione di merito per ottenere  un’ordinanza attraverso la quale garantire un po’ più velocemente tutela alla malcapitata pensionata.
Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te