Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

da | Apr 11, 2021 | Cronaca

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il tratto di piazza, posto tra viale Michelangelo e salita Cacciottoli, è stato completamente liberato.

 

Al riguardo, poco prima delle ultime festività natalizie, lo stesso Capodanno, intervenendo per l’ennesima volta sulla vicenda, aveva scritto provocatoriamente una lettera a Babbo Natale chiedendogli di adoperarsi affinché la piazza in questione, dopo tanti anni, nel corso dei quali la fruizione  per i cittadini e per le attività in essa presenti era stata limitata dalla presenza del cantiere in questione, peraltro da tempo abbandonato e in pessime condizioni manutentive, finalmente, venisse completamente restituita ai cittadini.

“A novembre dell’anno scorso  – ricostruisce Capodanno -, dopo una lunga battaglia giudiziaria, il Consiglio di Stato aveva messo la parola fine al progetto che prevedeva, in base a una convenzione stipulata nel lontano 2013, la realizzazione, da parte di una società privata, di 153 box auto sotto la suddetta piazza. A quel punto ci si auspicava che finalmente,  dopo tanto tempo, partissero immediatamente i lavori per eliminare il cantiere installato per la realizzazione del parcheggio interrato, con il ripristino della pavimentazione, restituendo così alla piena fruibilità l’area transennata. Peraltro, all’indomani della sentenza – aggiunge Capodanno -, sugli organi d’informazione era comparsa la notizia sulla diffida che il Comune di Napoli aveva inoltrato affinché la ditta incaricata provvedesse allo sgombero delle aree interessate dal cantiere, ripristinando, nel contempo, lo stato dei luoghi. Nell’occasione si apprendeva pure che il Comune di Napoli, in caso di ulteriori ritardi, avrebbe provveduto autonomamente al ripristino. Poi finalmente, agli inizi di gennaio  – sottolinea Capodanno -, dopo quasi due mesi da quegli annunci, il Comune di Napoli avviò i lavori di ripristino necessari per liberare  l’area occupata dal cantiere, aprendo il cuore alla speranza che finalmente si procedesse, in tempi rapidi, a ripristinare lo stato quo ante. Invece ci sono voluti tre lunghi mesi – puntualizza Capodanno – durante i quali i lavori sono andati avanti con una lentezza esasperante. Un tempo, quello impiegato, che presumibilmente avrebbe consentito la riqualificazione dell’intera piazza invece che delle poche decine di metri del cantiere. Ma adesso finalmente un primo risultato, quello di liberare la piazza dal cantiere, è stato ottenuto. Ma le battaglie non finiscono qui. Da domani – annuncia Capodanno – riprenderemo l’impegno affinché l’amministrazione comunale vari, in tempi rapidi, un idoneo progetto  che riguardi i  lavori di restyling dell’intera piazza, in modo da  donarle una nuova veste più bella ed elegante, evitando che rimanga terra di nessuno, con auto parcheggiate un poco dovunque”

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te