Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale.

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è arrivata la nona sconfitta stagionale, oggi erano fondamentali i 3 punti per rilanciarsi nelle zone alte della classifica. Contro la squadra di Ranieri però, si sa che non è mai facile, infatti amche se gli azzurri escono vittoriosi dal Marassi, la partita non è stata per nulla semplice.

Sin dai primi minuti della partita, il Napoli deve preoccuparsi più di contenere il buon approccio al match dei doriani che di cercare il gol, Quagliarella e compagni ci provano a far male al Napoli il quale sembra effettivamente entrato in campo con un pò di grinta in meno. La squadra di Rino mostra difficoltà nel gestire la palla, cercando spesso passaggi con lanci lunghi raramente precisi, a causa anche della pressione organizzata dai blucerchiati. Nonostante le difficoltà riscontrate però, il Napoli sfiora il vantaggio dopo solo 5 minuti, è Zielinski a divorare il gol, il polacco riceve palla da un cross di Politano ma di sinistro a pochi metri dalla porta difesa da Audero, spedisce clamorosamente fuori. Il gol lo trova invece al 35esimo Fabian Ruiz, bello scambio tra Demme, Ruiz, Osimhen e Zielinski che ritrova Fabian al limite dell’area di rigore avversaria, controllo e tiro di sinistro che non lasia scampo ad Audero. Dopo il vantaggio la squadra sembra giocare con più scioltezza, ritrovando un buon giro palla e sfiorando più volte il raddoppio, ma il primo tempo va in archivo con il solo gol di Ruiz.

Nella ripresa la squadra di casa inizia subito a provarci con più insistenza, il Napoli si limita spesso a contenere gli attacchi degli avversari, i quali, sfiorano il pareggio con Gabbiadini, altro ex del match che di sinistro impegna Ospina, successivamente trovano anche il gol con Thorsby che da calcio d’angolo svetta su Koulibaly e di testa trova il gol, dopo la convalida di Valeri è il Var ad intervenire chiamando il fischetto romano al monitor, breve consulta delle immagini e gol annullato per fallo di Keita su Ospina oltre all’appoggio sulle spalle proprio di Thorsby su KK. Passato lo spavento gli azzurri nel finale trovano il gol della sicurezza con Osimhen, il nigeriano sfrutta un passaggio in profondità di Mertens, si presenta in area con la stretta marcatura di Yoshida e di destro sul palo del portiere firma il definitivo 0-2.

Tra sette giorni al Maradona arriva la capolista, lanciatissima l’Inter di conte che in questa giornata calcistica firma l’11esima vittoria consecutiva nel girone di ritorno, un vero e proprio record che non era riuscito a nessun altra squadra in passato, peccato per Lozano che sarà assente per squalifica, il messicano diffidato impiega un solo minuto dal suo ingresso in campo per conquistare il cartellino giallo, comunque al Napoli servirà dimenticare la prestazione dell’Allianz Stadium e sfruttare l’entusiasmo proveniente dalla partita di Marassi per cercare una prestazione di altissimo livello, per stoppare una corazzata che ormai è ben avviata alla conquista dello scudetto.