“Piccolo Grande Amore” la nuova associazione che aiuta i bambini oncologici

da | Apr 8, 2021 | Cronaca

Nata a Santa Maria la Carità nel 2021, l’associazione “Piccolo Grande Amore” sostiene la ricerca e aiuta i bambini oncologici, con l’intento di vedere un sorriso sul loro volto.

Santa Maria la Carità 2021 – Nasce l’associazione “Piccolo Grande Amore”, un’idea della famiglia Malafronte che con l’esperienza vissuta dal 2018, per la malattia del loro piccolo guerriero affetto da Leucemia Linfobastica acuta, forma rara di leucemia che deriva dalla trasformazione dei linfociti, ha incrociato e incrocia tutti i giorni, gli occhi dei bambini malati e dei loro genitori, imparando sempre di più a leggere il profondo della loro sofferenza, molto spesso scovando il disagio che affligge alcune famiglie che seppur dignitosamente, affrontano una situazione molto difficile da sostenere. Così nasce l’associazione, per la gioia di aiutare tanti piccoli guerrieri, per poter strappare loro un sorriso che molte volte fatica a risplendere sui volti di questi eroi.

Per la prima Pasqua all’insegna della solidarietà dell’associazione “Piccolo Grande Amore”, si è conclusa in questi giorni la campagna di raccolta fondi Uniti per la Ricerca, con la vendita delle uova solidali. “E’ stata una campagna particolare a causa della pandemia”, queste le parole del presidente Alfonso Malafronte che continua dicendo: “ringrazio tutto il direttivo, i volontari, le tante persone che hanno contribuito all’acquisto delle uova solidali e anche se ci troviamo in un periodo triste, non abbiamo perso la speranza e siamo andati avanti, come dico sempre tutti insieme possiamo fare grandi cose”. Mentre il vice presidente, Desiderio D’Amato ci ricorda che l’importanza è donare il sangue e le piastrine, “dona il sangue dona la vita ai tanti bambini”. L’associazione ricorda che se sarà necessario, metterà anche a disposizione un servizio navetta.

“Ringraziamo in particolar modo la nostra volontaria Anna Sica di Baronissi per l’iniziativa del Carrello Solidale, dove sono stati raccolti beni di prima necessità da donare alle famiglie dell’ospedale Pausilipon di Napoli. Inoltre c’è stata la consegna delle uova agli ospedali Pausilipon di Napoli, Umberto I di Nocera, Gemelli di Roma, per regalare un sorriso e un momento di festa ai bambini ricoverati, facendo dimenticare anche per poco, di essere in un posto che non gli appartiene e che sicuramente non fa parte del loro mondo”.

Inoltre per chi volesse sostenere le iniziative e la ricerca, può farlo con una donazione volontaria al seguente IBAN:IT07K0306909606100000178057 -per info: 3391194605

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te