Al Vomero la “scalinata Aldo Giuffré” tra pittori, scultori, architetti e musicisti…

da | Apr 6, 2021 | Primo piano

In attesa dell’intitolazione di un luogo pubblico ad Aldo Giuffrè si dava per scontato che gli sarebbe stata dedicata una strada del centro storico – dove nacque e visse assorbendo gli umori che hanno arricchito la sua caratura d’artista – invece, a sorpresa, gli è stata intitolata una scalinata del Vomero: i gradini fra via Michetti e via Mancini. Insomma,  sarà in compagnia di due pittori… In quest’area del quartiere collinare infatti le strade sono per lo più intitolate a pittori (Palizzi, Toma, Luca Giordano, Solimena, Stanzione, De Mura) scultori (Morghen, Bernini, Merliani) architetti (Fuga, Alvino)  musicisti  (Cimarosa, Scarlatti, Puccini, Donizetti)… E a pochi passi c’è la casa dove è vissuto Roberto Murolo.

Omaggio  dunque  a un caposaldo del teatro partenopeo ma non solo. Aldo Giuffrè  non fu soltanto un poliedrico attore bensì anche doppiatore, annunciatore radiofonico, conduttore televisivo,  regista, scrittore (quattro romanzi) e dunque  merita  di essere ricordato tra coloro che hanno rappresentato l’identità culturale e civile della nostra città: la proposta  avanzata un paio di anni fa dal consigliere della II Municipalità Pino De Stasio  con la collega Bianca Verde Damm  (e che fu approvata all’unanimità dal Consiglio) è stata fatta propria dal sindaco De Magistris e dall’assessore Alessandra Clemente, la quale, qualche giorno fa, ha annunciato questa ed altre novità toponomastiche. Ma…

Aldo Giuffrè (1924-2010) e il fratello Carlo (altro attore notevole, scomparso nel 2018) nacquero  e vissero  a lungo in via Del  Sole,  a ridosso del vecchio policlinico e a due passi dal Conservatorio e da piazza San Domenico Maggiore. “Perciò si credeva che gli sarebbe stata dedicata una zona all’interno della perimetrazione ideale dell’Unesco”, commenta Pino De Stasio: “L’Unesco non protegge solo i monumenti ma tutto il patrimonio materiale e immateriale, e loro sono un patrimonio della cultura. Un patrimonio popolare. Il Vomero non c’entra”.

Il padre dei Giuffré, violoncellista, morì giovane: Carlo, 8 anni, fu messo in collegio, e Aldo a 12 anni cominciò a lavorare.  Debuttò nel 1947 con la compagnia di Eduardo che fu il suo primo grande maestro, poi lavorò con Strehler e Baseggio. Era entrato in radio a Napoli come annunciatore; poi alla Rai di Roma (il 25 aprile 1945 annunciò dai microfoni di via Asiago la fine della guerra). L’approdo al cinema con Anna Magnani.  E  poi film con De Sica, Sergio Leone, Massimo Costa, Nanni  Loy.  E ancora in scena (per una decina di anni col fratello Carlo): teatro dialettale e grandi classici.  Dal 1960 lavorò  in varie commedie e sceneggiati  tv, nel ’73 condusse il varietà “Senza rete”.  Nel 1979 un’operazione ad una delle corde vocali lo privò della sua voce pastosa.

L’iniziativa per tutelarne la memoria  era stata sollecitata a Pino De Stasio, presidente della commissione cultura della II Municipalità, da varie associazioni e dalla compagna  Elena,  che gli è rimasta accanto fino all’ultimo giorno.

Coronavirus, De Luca contro tutti

Coronavirus, De Luca contro tutti

Parla di zona rosé in Campania e attacca Di Maio, Zaia, de Magistris e gli ispettori. Sulla scuola dice: Non riapriamo senza sicurezza De Luca contro tutti. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nella consueta diretta Facebook in cui fa il punto sulla...

Benvenuti nella “zona rosé”

Benvenuti nella “zona rosé”

Vincenzo De Luca in questo ultimo periodo ha chiaramente smarrito la lungimiranza e la lucidità che lo avevano caratterizzato durante tutta la prima fase dell’epidemia. È un dato di fatto incontrovertibile, checché lui ne pensi, che ancora continua a negare l’evidenza...

Campania zona rossa

Campania zona rossa

Ci sono volute solo le inoppugnabili e terrificanti scene, alcune filmate di nascosto dai malati, che certificavano il disastro del sistema sanitario ed ospedaliero della Campania per convincere il Governo, con colpevole ritardo, a decretare la Campania “zona rossa”....

La via dei presepi rischia di sparire

La via dei presepi rischia di sparire

San Gregorio Armeno è un deserto e le numerose richieste di aiuto degli artigiani a Governo e Regione sono rimaste inascoltate “Questa passeggiata che ci facciamo è un po’ strana… prima quasi maledicevo tutta la folla che si accumulava fuori al negozio perché per non...

Maradona operato con successo. I medici: “Sta bene”

A Buenos Aires Diego Armando Maradona è stato operato con successo al cervello.  "Siamo riusciti a rimuovere il coagulo di sangue. Diego ha affrontato bene l'operazione", ha detto il dottor Leopoldo Luque presso la sua clinica privata di Buenos Aires. "È sotto...

Monopattini e metro veicoli di contagio del virus

Monopattini e metro veicoli di contagio del virus

Niente disinfettante per chi usa i mezzi elettrici del Comune e la Linea 1 Se dovessimo stilare una ipotetica classifica dei luoghi di Napoli dove è maggiore il rischio di contagio da Covid, i trasporti pubblici si piazzerebbero certamente al primo posto: assenza di...

Il deserto che fa bene al Centro storico

Il deserto che fa bene al Centro storico

Strade e monumenti puliti, niente cartacce a terra e nessun atto vandalico ai danni dell’arte grazie all’assenza di turisti e studenti Passeggiare per il Centro storico di Napoli, in questi giorni, è un’esperienza unica. Strade e vicoli sono semi deserti, popolati...

Covid, chiuse le materne

Covid, chiuse le materne

Gli asili chiusi e un appello agli anestesisti in pensione. È così che la Campania cerca di fronteggiare i contagi e la seconda ondata dell’epidemia da Coronavirus. Non c’è tempo da perdere, servono medici anestesisti. “Ho inviato una lettera a Silvestro Scotti...

De Luca ci ripensa: “Niente lockdown in Campania”

De Luca ci ripensa: “Niente lockdown in Campania”

Il governatore della Campania ci ripensa: per ora niente lockdown in Campania. Secondo quanto emerso da una nota dell'unità di crisi “nel corso della riunione della Conferenza delle Regioni, alla presenza dei ministri Speranza e Boccia e del Commissario Arcuri, è...

De Luca: “L’ora delle decisioni drastiche è arrivata”

De Luca: “L’ora delle decisioni drastiche è arrivata”

“È l’ora delle decisioni drastiche”: così, con un’espressione che rimanda alla famosa dichiarazione di guerra pronunciata a piazza Venezia (“L’ora delle decisioni irrevocabili è arrivata”, ndr) Vincenzo De Luca annuncia un nuovo lockdown per la Campania. Come allora,...

La mascherina sì, il bavaglio no!

La mascherina sì, il bavaglio no!

A sentire De Luca fino a ieri mattina, tra un “allawin” e un’imbecillità americana, sembrava proprio che la Campania fosse l’isola felice di cui strombazzava quando i guai si erano concentrati solo sulla opulenta Lombardia. Era partito bene, certo, anche con la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te