Violenza sulle donne, il segnale di sos

da | Apr 3, 2021 | Cronaca, Psicologia

di Cinzia Rosaria Baldi *

#SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza

Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per chiedere aiuto nel caso si stia subendo “violenza domestica”. È stato lanciato durante la pandemia da Covid-19 dalla Canadian Women’s Foundation, il muto segnale ha attraversato l’oceano ed ora è virale su tutti i social e sui siti al femminile ed anche in Italia con l’hastag #SignalForHelp. L’idea è di fornire un semplice strumento per richiedere soccorso in caso di pericolo immediato o di violenza subita. Quando la situazione è molto grave e si è in una situazione di emergenza un semplice gesto può davvero essere d’aiuto, ma se si usano prudenza e cautela.

Perché l’ Sos funzioni è, infatti, fondamentale che chi riceve il messaggio sappia riconoscerlo, ma soprattutto sappia come comportarsi. Ogni iniziativa estemporanea, seppure fatta col desidero di aiutare, può aggravare la situazione della vittima e mettere in pericolo anche se stessi. L’unica cosa da fare in questi casi è chiedere aiuto a chi ha le competenze per gestire la situazione. Che fare dunque? Chiamare subito il 1522. Nel caso il 112 o il 113. Nel 2020, infatti, anno dell’emergenza Covid-19, le denunce di violenza domestica sono aumentate in tutto il mondo. Tanto che l’agenzia dell’Onu per l’uguaglianza di genere, Un Women, ha parlato di una “pandemia ombra” che colpisce le donne, costituita dall’intensificarsi di abusi fisici e psicologici su di loro ad opera di partner ed ex, parenti o conoscenti.
Da tempo si avvertiva l’esigenza di un segnale universale per lanciare l’allarme quando ci si trovava in una situazione di grave emergenza e si aveva paura di farsi scoprire. La casa da luogo sicuro è divenuto un luogo di pericolo, la convivenza forzata dei lockdown, ansie, paure, spesso la perdita del lavoro. La casa è sempre più luogo dove si concentrano malessere e disfunzioni .
Lo scorso 25 novembre, giornata Internazionale della violenza sulla donna, infatti, TikTok ci aveva già provato lanciando la challenge #Call4Margherita in sostegno ad ActionAid, raggiungendo da subito più di 3 milioni di visualizzazioni totali. La #Call4Margherita prende spunto da una storia realmente accaduta, nei mesi scorsi ad una giovane donna di 35 anni che si trovava in casa aggredita con violenza dal compagno. La donna con prontezza di spirito ha finto di ordinare una pizza a domicilio, ma in realtà invece del numero della pizzeria ha fatto il numero della polizia che di fronte alla strana richiesta è intervenuta in suo aiuto.
Una finta pizza, un saluto in codice con la mano basterà questo per dar voce alle mute richieste di aiuto delle donne? Servirà a colmare i silenzi che le stesse vittime non hanno riempito, denunciando prima che la violenza arrivasse al culmine? Sensibilizzare sull’argomento non significa solo far vedere i video tutoriali che spiegano come usare e riconoscere il #SignalForHelp ma convincere le donne ad agire prima, a riconoscere quando un partner è violento. Gli uomini che usano violenza sulle donne sono uomini “normali”, dal punto di vista clinico con vita sociale di relazioni interpersonali e lavorative soddisfacenti, uomini insospettabili, provenienti da diverse realtà socioculturali, che solo nell’8% dei casi fanno uso abituale di alcol o di sostanze, che spesso perseguitano, terrorizzano per nascondere la loro fragilità, o sono tormentati da un’angoscia interna, che vogliono dominare, che perdono le staffe senza un motivo apparente.
La violenza non è mai normalità, ma nemmeno espressione di una patologia, spesso di una fragilità psicologica temporanea, che può essere corretta o migliorata se riconosciuta, per dirla con Marie France Hirigoyen che descrive e teorizza la Sindrome della donna picchiata.

Nella coppia la violenza non arriva all’improvviso, ma è preceduta da micro violenze, attacchi verbali, scrive Marie France Hirigoyen, la donna non se ne accorge subito, sembrano semplici attacchi di gelosia, piano piano perde la capacità critica e si abitua alla violenza. Le fasi che si ripetono ciclicamente nell’abuso di tipo familiare, che costringono la donna a passare dalla situazione di tensione conflittuale, a quella di aggressione, e poi alla riconciliazione. È questo il momento delle scuse del compagno e delle promesse che la violenza non accadrà più, che prelude ad uno stato di ri-innamoramento per poi trovarsi di nuovo nella disperazione, quando la violenza riprende. Queste fasi creano nella vittima un forte disorientamento, le tolgono lucidità, ma soprattutto ogni periodo di riappacificazione e calma fittizia crea l’illusione nella vittima della fine della situazione di violenza e ri-istaura i legami affettivi: una spirale che crea dipendenza e spinge le donne a non a non cercare nemmeno più un aiuto esterno. Aprirsi agli altri è, invece, importante per interrompere il susseguirsi dell’alternarsi della paura, degli inganni, della violenza. ‘Signal for help’: il messaggio in codice per chiedere aiuto deve essere l’ultimo passo a cui non bisogna arrivare denunciando prima e sul territorio ci sono tanti centri e tanti psicologi ed operatori sociali che possono dare indicazioni giuste, non arriviamo a questo.

* psicologa

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te