Questa volta benedette Nazionali!

da | Apr 3, 2021 | Calcio Napoli

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie

Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora l’esperienza dei giocatori del Napoli nelle nazionali si è rivelata assolutamente positiva. Tornano quasi tutti gasatissimi, hanno spopolato in patria e il Napoli potrà fare pieno affidamento su di loro. Semmai la beffa si è rivelata l’esser rimasti in sede, visto che in allenamento si sono infortunati Ospina e Demme e che saranno costretti a saltare il match con il Crotone.
Ma torniamo ai nazionali. Il più entusiasta di tutti è Osimhen.

Capocannoniere insieme a Daka del Salisburgo nel torneo di qualificazione per la Coppa d’Africa, ha segnato anche contro il Lesotho (tre gol in tutto nelle ultime quattro partite con la Nigeria). Riconosciuto come migliore in campo dalla stampa nigeriana si è beccato persino un 9 in pagella. Una prestazione stellare da vero trascinatore, con gol, assist e persino una rete annullata. Insomma un giocatore ritrovato che probabilmente Gattuso risparmierà contro il Crotone per trovarselo poi in piena forma contro la Juventus mercoledì. E un Osimhen al massimo può essere certamente una freccia in più nel finale arroventato.
Anche Mertens torna ringalluzzito. Ha dato una mano considerevole al suo Belgio ed è stato tenuto a riposo nell’ultima uscita. Fresco dunque ed operativo immediatamente per Gattuso. Note assolutamente positive vengono anche da Elmas. Il ragazzo a Napoli finora ha stentato. Mai convintamente utilizzato, nemmeno dallo stesso Ancelotti che pure lo aveva fortemente voluto. È sempre apparso un giocatore senza nerbo e soprattutto senza una collocazione precisa. Quando è stato impiegato da titolare ha sempre fallito, né meglio si è comportato tutte le volte che ha giocato da subentrante. Con la sua Macedonia, invece, si trasforma, anche perché viene usato come terzo di centrocampo in un settore schierato a tre. È il suo ruolo, forse. Fatto sta che insieme all’intramontabile Pandev ha steso la gloriosa Germania ed ha anche segnato il gol decisivo. Anche lui potrà tornare utile alla causa del Napoli impegnato a lottare per il quarto posto. Hanno contribuito alle fortune delle loro nazionali anche Fabian e Hysaj. Entrambi quasi sempre titolari si sono espressi sui livelli che sono loro congeniali, soprattutto quando giocano in difesa dei colori delle loro patria. Euforico poi è certamente Lozano che con il suo Messico ha giocato, vinto e segnato.

Infine Insigne. Ormai è l’uomo simbolo della Nazionale di Mancini. Sarà il leader dell’Italia agli Europei. Mancini lo ha fatto capire e lui lo ricambia da par suo. Nell’ultima contro la Lituania il tecnico azzurro lo ha tenuto a riposo, giustamente. Non ha bisogno di sperimentarlo contro squadre-cuscinetto. Ed ora Lorenzo è tornato a Napoli, pronto a spronare i compagni, come ha sempre fatto in questo ultimo periodo, per lo sprint finale.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te