Insigne, contratto ridotto! Addio?

da | Apr 3, 2021 | Primo piano

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall’offerta di De Laurentiis

Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali arriveranno i giocatori dopo aver disputato praticamente due stagioni senza interruzioni? E sì, perché di gioco e spettacolo se n’è visto davvero poco ed anche le grandi hanno stentato se non addirittura perso contro formazioni ben più modeste.
in questo senso, l’Italia, senza brillare moltissimo ha tuttavia iniziato nel migliore dei modi il suo cammino verso il Katar. Tre vittorie in tre gare disputate, 9 punti raccolti e 6 reti realizzate senza averne subita alcuna. Mancini ha allungato il suo record d’imbattibilità portandolo a 25 partite, raggiungendo Lippi ma soprattutto ha dimostrato con un coraggio davvero sconosciuto ai tecnici del nostro campionato che l’idea del gioco, se ben spiegata, può essere addirittura più importante della tattica. Riprendo perciò un tema che ho toccato appena qualche settimana fa sulle colonne di questo giornale quando scrissi delle difficoltà delle nostre squadre di club in Europa, dopo che tutte erano state eliminate dalla Champions e dall’Europa League eccetto la Roma che ha un allenatore straniero, il portoghese Fonseca. Perché viene spontaneo chiedersi come sia possibile che una selezione di giocatori, molti dei quali eliminati in Europa con le proprie squadre di club riescano a comportarsi e a giocare da squadra in nazionale. Perché, inutile girarci attorno, anche quando non brilla per velocità di manovra e intensità, la selezione di Mancini, a ben vedere, è l’unica che ha valori e gioca un calcio europeo di ampio respiro. Il merito è soprattutto di Mancini che, anche nell’ultima gara contro la Lituania, pur mandando in campo una squadra completamente nuova rispetto alle due precedenti, ha chiesto ai vari Toloi, Bastoni, Bernardeschi di mettere la stessa personalità dei titolari. Ed infatti, anche cambiando gli interpreti la squadra ha giocato cercando la profondità e sfruttando le corsie esterne per creare una manovra efficace. I limiti, come detto, ci sono stati per le ragioni che hanno fatto soffrire un po’ tutte le nazionali, ma resta il fatto che anche con nove undicesimi diversi, l’idea di gioco, la filosofia di Mancini resta preponderante rispetto a quella del risultato a tutti i costi ed è così che è nata una nazionale che è, fortunatamente, espressione reale del patrimonio pedatorio italiano ma non rispecchia affatto quello che i club dimostrano nelle competizioni continentali.

In tale contesto non va taciuta l’importanza di Insigne al quale Mancini ha destinato la maglia numero 10. Una maglia “pesante” e di grande responsabilità che il capitano del Napoli sta onorando e meritando con prestazioni sempre all’altezza. Sia contro l’Irlanda del Nord che contro la Bulgaria dai suoi piedi sono venuti gli assist vincenti, confermando, ove mai ce ne fosse ancora bisogno, di essere il talento più puro del nostro calcio. E ci sembra strano che un giocatore così importante non solo in Nazionale ma anche nel Napoli abbia ricevuto una proposta di rinnovo contrattuale a cifre addirittura inferiori rispetto a quelle dell’attuale contratto in scadenza a giugno 2022. A 30 anni, nel pieno della maturità psico-fisica, con una stagione sin qui disputata che forse è stata la migliore per continuità e spirito di sacrificio, ripagata anche con un buon numero di reti, Lorenzo e il suo procuratore si son visti recapitare da De Laurentiis un’offerta quadriennale a 3 milioni a stagione, bonus compresi. Un contratto da buon giocatore, niente di più e niente di meno, per un talento vero che deve redditivizzare al massimo quello che sarà sicuramente l’ultimo importante contratto della sua carriera. Ridicolo se non offensivo per Lorenzo il Magnifico.
C’è una volontà della proprietà a non rinnovare o è una strategia in attesa dell’esito del campionato?

Di questi tempi tra Kafka e Pirandello il gioco delle parti è spesso fatto surreale, considerato che il Covid è ormai entrato a far parte del nostro quotidiano. Certo che dopo i “casi” Milik, Hysaj e Maksimovic sarebbe il massimo se anche Insigne si liberasse a parametro zero. O il ridimensionamento già programmato interesserà anche la cessione del talento di Frattamaggiore? E allora la domanda sorge spontanea: Che Napoli vedremo nella prossima stagione? Ma soprattutto: chi vorrà mai accomodarsi su una panchina che è una graticola con un presidente in continua… eruzione post Covid?

Coronavirus, De Luca contro tutti

Coronavirus, De Luca contro tutti

Parla di zona rosé in Campania e attacca Di Maio, Zaia, de Magistris e gli ispettori. Sulla scuola dice: Non riapriamo senza sicurezza De Luca contro tutti. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nella consueta diretta Facebook in cui fa il punto sulla...

Benvenuti nella “zona rosé”

Benvenuti nella “zona rosé”

Vincenzo De Luca in questo ultimo periodo ha chiaramente smarrito la lungimiranza e la lucidità che lo avevano caratterizzato durante tutta la prima fase dell’epidemia. È un dato di fatto incontrovertibile, checché lui ne pensi, che ancora continua a negare l’evidenza...

Campania zona rossa

Campania zona rossa

Ci sono volute solo le inoppugnabili e terrificanti scene, alcune filmate di nascosto dai malati, che certificavano il disastro del sistema sanitario ed ospedaliero della Campania per convincere il Governo, con colpevole ritardo, a decretare la Campania “zona rossa”....

La via dei presepi rischia di sparire

La via dei presepi rischia di sparire

San Gregorio Armeno è un deserto e le numerose richieste di aiuto degli artigiani a Governo e Regione sono rimaste inascoltate “Questa passeggiata che ci facciamo è un po’ strana… prima quasi maledicevo tutta la folla che si accumulava fuori al negozio perché per non...

Maradona operato con successo. I medici: “Sta bene”

A Buenos Aires Diego Armando Maradona è stato operato con successo al cervello.  "Siamo riusciti a rimuovere il coagulo di sangue. Diego ha affrontato bene l'operazione", ha detto il dottor Leopoldo Luque presso la sua clinica privata di Buenos Aires. "È sotto...

Monopattini e metro veicoli di contagio del virus

Monopattini e metro veicoli di contagio del virus

Niente disinfettante per chi usa i mezzi elettrici del Comune e la Linea 1 Se dovessimo stilare una ipotetica classifica dei luoghi di Napoli dove è maggiore il rischio di contagio da Covid, i trasporti pubblici si piazzerebbero certamente al primo posto: assenza di...

Il deserto che fa bene al Centro storico

Il deserto che fa bene al Centro storico

Strade e monumenti puliti, niente cartacce a terra e nessun atto vandalico ai danni dell’arte grazie all’assenza di turisti e studenti Passeggiare per il Centro storico di Napoli, in questi giorni, è un’esperienza unica. Strade e vicoli sono semi deserti, popolati...

Covid, chiuse le materne

Covid, chiuse le materne

Gli asili chiusi e un appello agli anestesisti in pensione. È così che la Campania cerca di fronteggiare i contagi e la seconda ondata dell’epidemia da Coronavirus. Non c’è tempo da perdere, servono medici anestesisti. “Ho inviato una lettera a Silvestro Scotti...

De Luca ci ripensa: “Niente lockdown in Campania”

De Luca ci ripensa: “Niente lockdown in Campania”

Il governatore della Campania ci ripensa: per ora niente lockdown in Campania. Secondo quanto emerso da una nota dell'unità di crisi “nel corso della riunione della Conferenza delle Regioni, alla presenza dei ministri Speranza e Boccia e del Commissario Arcuri, è...

De Luca: “L’ora delle decisioni drastiche è arrivata”

De Luca: “L’ora delle decisioni drastiche è arrivata”

“È l’ora delle decisioni drastiche”: così, con un’espressione che rimanda alla famosa dichiarazione di guerra pronunciata a piazza Venezia (“L’ora delle decisioni irrevocabili è arrivata”, ndr) Vincenzo De Luca annuncia un nuovo lockdown per la Campania. Come allora,...

La mascherina sì, il bavaglio no!

La mascherina sì, il bavaglio no!

A sentire De Luca fino a ieri mattina, tra un “allawin” e un’imbecillità americana, sembrava proprio che la Campania fosse l’isola felice di cui strombazzava quando i guai si erano concentrati solo sulla opulenta Lombardia. Era partito bene, certo, anche con la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te