Il “Napoli” ai pazienti del Cotugno: “Grazie alla vostra redazione”

da | Apr 3, 2021 | Cronaca

La lettera del dott. Alberto Vito

Desidero ringraziare la Direzione e la Redazione del giornale gratuito Napoli per aver scelto di inviare 200 copie del giornale all’Ospedale Cotugno che l’Unità di Psicologia provvede a distribuire nei reparti di degenza. Si tratta di un piccolo ma concreto gesto che serve a rendere meno faticoso il periodo di ricovero ospedaliero. La moderna medicina si è affrancata da una concezione esclusivamente biologica del concetto di cura, a favore di un modello più integrato in cui rientrano a pieno diritto i bisogni psicologici, emotivi e familiari dei pazienti affetti da malattie organiche.

Con una sintesi, possiamo dire che “non curiamo più malattie, ma persone”, intendendo proprio che vi è la consapevolezza di quanto gli stati emotivi, le aspettative, il vissuto che accompagna l’esperienza di malattia possa influenzare in modo attivo il percorso di guarigione. In tale modello, acquistano centralità la comunicazione, la relazione operatore sanitario-paziente, il coinvolgimento del paziente e dei suoi familiari nel percorso di cura. Nello specifico, la psicologia ospedaliera, si occupa proprio di ridurre lo stress aggiuntivo che l’esperienza del ricovero, con la separazione dai ritmi quotidiana, la riduzione della privacy e l’allontanamento dai familiari, inevitabilmente provoca. Allo stress legato allo stato di malattia e alle proprie condizioni fisiche, si aggiunge un ulteriore quota di disagio. È evidente come le necessità infettivologiche legate ad evitare l’ulteriore diffusione del contagio, rendano l’attuale situazione dei ricoverati per Covid 19 ancora più pesante. Essi, infatti, non vedono in viso neanche gli operatori sanitari che entrano nelle loro stanze e sono vietate le visite dei familiari. A ciò si deve aggiungere l’inevitabile stress per le preoccupazioni per il proprio stato di salute e di quello dei propri cari, oltre che le possibili ripercussioni fisiche della malattia. Già da diversi anni, alcune Associazioni di volontariato, tra cui Compagni di Viaggio onlus, con il Progetto di “Bookcrossing in corsia”, e l’Associazione Koinè, si sono prodigate con progetti che prevedono la donazione di libri ai pazienti, proprio per rendere meno faticoso il periodo di ricovero.
La donazione del giornale gratuito Napoli si inscrive dunque all’interno di una tradizione di iniziative di psicologia ospedaliera volte ad umanizzare le strutture sanitarie. La lettura del vostro giornale può rappresentare un piccolo momento di svago, oltre che l’esempio di un’attenzione costante alla qualità del ricovero ospedaliero. Occuparsi di dettagli apparentemente secondari è ciò che differenzia le strutture sanitarie di eccellenza.


dott. Alberto Vito

 

Biglietti Unico, la protesta di Giraservice

Biglietti Unico, la protesta di Giraservice

Continua la protesta dei lavoratori Giraservice che ieri hanno manifestato sotto la sede della Regione a Palazzo Santa Lucia contro la decisione del Consorzio Unico Campania di rescindere dal prossimo primo aprile il contratto con la loro società, da oltre 25 anni...

La Regione compra Sputnik

La Regione compra Sputnik

Per fronteggiare il Coronavirus, la Campania punta sul vaccino russo. Ma serve l’ok da Aifa e Ema La Regione Campania acquisterà il vaccino anti Covid russo Sputnik. La notizia ufficiale arriva dall’Adnkronos che spiega che Soresa, società della Regione Campania che...

Diffama avvocato dopo condanna, multe per diecimila euro

Diffama avvocato dopo condanna, multe per diecimila euro

Mai diffamare l'avvocato che ti fa perdere una causa. Il rischio è rimetterci un bel po' di danaro. E' successo a un professore di liceo che si è beccato una condanna di svariate migliaia di euro. Una sentenza già confermata dalla Suprema Corte di Cassazione. Vediamo...

Napoli, via Depretis: sorpresi a giocare a carte dentro un b&b

Napoli, via Depretis: sorpresi a giocare a carte dentro un b&b

Ieri sera gli agenti del Commissariato Decumani, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Depretis per una segnalazione di una festa in corso all’interno di una stanza di un bed and breakfast....

Quando l’alternativa non c’è

Quando l’alternativa non c’è

di Cinzia Rosaria Baldi * Ancora molti gli interrogativi sul suicidio del sedicenne in comunità Il drammatico suicidio di Vincenzo A., all’interno della casa per minorenni di Villa di Briano, «Cento Passi», sollecita un dibattito sulla funzione delle comunità di...

’A memmoria storeca d’ ’e traspuorte

’A memmoria storeca d’ ’e traspuorte

A.N.M. se venne ’e viecchie ‘trammuè’ napulitane Ê 31 d’uttombre 2019 ascette ’ncopp’ô giurnale “napoli” n’articulo d’ ’o mio ’ntitulato: “Atan…a mmo”, addò facevo nu pucurillo ’e storia, accummincianno d’ ’o 1876, quanno ’o belga Edouard Otlet funnaje ’a Satn...

Piazza Leonardo per Luigi Necco

Piazza Leonardo per Luigi Necco

Sarà intitolato al giornalista scomparso il largo ricavato dal cantiere del parcheggio mai realizzato Piazza Leonardo era la sua seconda casa. Abitava lì vicino, a Villa Majo, e trascorreva la maggior parte dei suoi pomeriggi, soprattutto d’estate, seduto al tavolino...

Agnano, 40 anni di progetti falliti

Agnano, 40 anni di progetti falliti

Una mostra on line ripercorre tutti i tentativi di recupero dell’ex area Italsider L’iniziativa è certamente meritoria. Ma finisce con il trasformarsi in un pesantissimo atto di accusa contro la classe politica napoletana (e non solo) che in quaranta anni non è...

Young, architetto visionario

Young, architetto visionario

Promossa una racconta di fondi per realizzare un documentario sull’urbanista napoletano-scozzese Nella Napoli di quei tempi, a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, era un personaggio straordinario, leggendario. Lo riconoscevano tutti, incontrarlo per strada era un...

Partite Iva, ecco le agevolazioni previste dal Decreto Sostegni

Partite Iva, ecco le agevolazioni previste dal Decreto Sostegni

Oggi si sente spesso parlare di categorie a rischio, a causa della pandemia e di tutte le conseguenze che i lockdown e le misure anti-Covid hanno avuto sui mercati di tutto il mondo. E di riflesso sui lavoratori, non solo sugli impiegati ma anche sugli autonomi, come...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te