Divieti di apertura, nasce a Napoli il comitato gioiellieri e orefici per il diritto al lavoro

da | Apr 1, 2021 | Cronaca

Nasce a Napoli il comitato di gioiellieri e orefici “per il diritto al lavoro e alla sopravvivenza”, contro quelli che vengono definiti “contraddittori ed insensati divieti di apertura delle attività che condannano al fallimento, contenuti negli anticostituzionali Dpcm”.

I fondatori del comitato, che sono titolari di importanti aziende orafe a Napoli e in provincia, stanno coinvolgendo i colleghi imprenditori di tutta la Campania per “denunciare le gravi violazioni subite” e annunciare la “riapertura in piena sicurezza, prima che sia troppo tardi e per evitare che speculatori di professione possano acquisire per pochi euro le loro attività”. “Oltre che pregiudizievole ed insensata – ricordano i promotori – è palesemente ingiustificata la chiusura delle gioiellerie dove, per sicurezza e prassi, non sono mai stati permessi assembramenti o ingressi non selezionati. Quindi, non possono valere le misure che sono state adottate per bar, ristoranti e alcune categorie di abbigliamento”.

“Abbiamo bisogno di lavorare – aggiungono i rappresentanti della categoria – per mantenere le nostre aziende e i nostri dipendenti. Riteniamo quindi indispensabile la sospensione del pagamento delle tasse. Anche questo nuovo governo non ha risposto alle richieste più urgenti ed elementari delle partite iva e promette ancora ristori ed indennizzi solo per prender tempo ma senza tutelare nessuno”.

Cassa integrazione immediata ed adeguata, blocco dei fitti negozi in caso di chiusura ed almeno riduzione del 50% dei fitti fino a fine pandemia, sospensione di tasse, contributi e Iva, sospensione del pagamenti delle utenze ad oltranza fino alla ripresa economica. Queste le richieste principali che imprenditori e gioiellieri, come tanti titolari di bar, ristoranti, gelaterie, pub, negozi, attraverso l’associazione Noi Consumatori, guidata dall’avvocato Angelo Pisani, rappresenteranno nelle diffide al governo e alle Regioni, prima di notificare gli atti di citazione in tribunale per chiedere un indennizzo economico in base all’articolo 2045. “Alla fine, se non si muore di Covid – afferma Pisani – senza rispetto e organizzazione ci sarà la fine del nostro sistema economico”.

Biglietti Unico, la protesta di Giraservice

Biglietti Unico, la protesta di Giraservice

Continua la protesta dei lavoratori Giraservice che ieri hanno manifestato sotto la sede della Regione a Palazzo Santa Lucia contro la decisione del Consorzio Unico Campania di rescindere dal prossimo primo aprile il contratto con la loro società, da oltre 25 anni...

La Regione compra Sputnik

La Regione compra Sputnik

Per fronteggiare il Coronavirus, la Campania punta sul vaccino russo. Ma serve l’ok da Aifa e Ema La Regione Campania acquisterà il vaccino anti Covid russo Sputnik. La notizia ufficiale arriva dall’Adnkronos che spiega che Soresa, società della Regione Campania che...

Diffama avvocato dopo condanna, multe per diecimila euro

Diffama avvocato dopo condanna, multe per diecimila euro

Mai diffamare l'avvocato che ti fa perdere una causa. Il rischio è rimetterci un bel po' di danaro. E' successo a un professore di liceo che si è beccato una condanna di svariate migliaia di euro. Una sentenza già confermata dalla Suprema Corte di Cassazione. Vediamo...

Napoli, via Depretis: sorpresi a giocare a carte dentro un b&b

Napoli, via Depretis: sorpresi a giocare a carte dentro un b&b

Ieri sera gli agenti del Commissariato Decumani, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Depretis per una segnalazione di una festa in corso all’interno di una stanza di un bed and breakfast....

Quando l’alternativa non c’è

Quando l’alternativa non c’è

di Cinzia Rosaria Baldi * Ancora molti gli interrogativi sul suicidio del sedicenne in comunità Il drammatico suicidio di Vincenzo A., all’interno della casa per minorenni di Villa di Briano, «Cento Passi», sollecita un dibattito sulla funzione delle comunità di...

’A memmoria storeca d’ ’e traspuorte

’A memmoria storeca d’ ’e traspuorte

A.N.M. se venne ’e viecchie ‘trammuè’ napulitane Ê 31 d’uttombre 2019 ascette ’ncopp’ô giurnale “napoli” n’articulo d’ ’o mio ’ntitulato: “Atan…a mmo”, addò facevo nu pucurillo ’e storia, accummincianno d’ ’o 1876, quanno ’o belga Edouard Otlet funnaje ’a Satn...

Piazza Leonardo per Luigi Necco

Piazza Leonardo per Luigi Necco

Sarà intitolato al giornalista scomparso il largo ricavato dal cantiere del parcheggio mai realizzato Piazza Leonardo era la sua seconda casa. Abitava lì vicino, a Villa Majo, e trascorreva la maggior parte dei suoi pomeriggi, soprattutto d’estate, seduto al tavolino...

Agnano, 40 anni di progetti falliti

Agnano, 40 anni di progetti falliti

Una mostra on line ripercorre tutti i tentativi di recupero dell’ex area Italsider L’iniziativa è certamente meritoria. Ma finisce con il trasformarsi in un pesantissimo atto di accusa contro la classe politica napoletana (e non solo) che in quaranta anni non è...

Young, architetto visionario

Young, architetto visionario

Promossa una racconta di fondi per realizzare un documentario sull’urbanista napoletano-scozzese Nella Napoli di quei tempi, a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, era un personaggio straordinario, leggendario. Lo riconoscevano tutti, incontrarlo per strada era un...

Partite Iva, ecco le agevolazioni previste dal Decreto Sostegni

Partite Iva, ecco le agevolazioni previste dal Decreto Sostegni

Oggi si sente spesso parlare di categorie a rischio, a causa della pandemia e di tutte le conseguenze che i lockdown e le misure anti-Covid hanno avuto sui mercati di tutto il mondo. E di riflesso sui lavoratori, non solo sugli impiegati ma anche sugli autonomi, come...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te