La nascita di Neapolis

da | Mar 27, 2021 | Storia

Seconda tappa nel viaggio alla scoperta della storia della nostra città dalla fondazione ad oggi

Una terra baciata dagli dei: a Nord alture imponenti che proteggevano dai venti, a Sud lo scenario di uno splendido mare, ad Est il misterioso pennacchio del Vesuvio e ad ovest i fertili Campi Flegrei .
Napoli diventò così tra le città più importanti e floride della Magna Grecia, grazie agli scambi commerciali continui con Atene e grazie al suo ruolo guida assunto esercitando anche una notevole influenza culturale sulle popolazioni circostanti tanto da divenire il centro della filosofia epicurea la cui etica era quella di permettere all’uomo di raggiungere la felicità aiutandolo a liberarsi dalle sue paure e ad attenuare il suo senso di precarietà e incertezza che derivava dalla sua condizione storica, politica e sociale.

La nascita di Neapolis si ritenne opportuno, simbolicamente, datarla il 21 dicembre 475 a.C. in quanto coincidente, per il mese e per il giorno, con il solstizio d’inverno, consuetudine, per i popoli antichi, di far combaciare la costruzione di un tempio o di una città, con i beneauguranti fenomeni astrali.
Non si hanno notizie certe sulla Napoli antica, molto probabilmente fu una Repubblica Aristocratica governata da due arconti coadiuvati da un consiglio di nobili mentre il popolo era organizzato in “Fratrie” specie di confraternite, i cui componenti pensavano di discendere da un comune capostipite e si sentivano perciò legati da vincoli “fraterni”.
La lingua parlata, ovviamente, era il greco così come i riti, gli usi e i costumi e l’architettura: i templi, il teatro, l’ippodromo, l’odeon ed altri edifici di culto, di pubblica utilità e divertimento.
Il centro della vita cittadina era rappresentato dall’attuale via dei Tribunali e precisamente da piazza san Gaetano dove, seppur rimaneggiate, continuano a testimoniare il glorioso passato colonne e mura; quelle in piazza Bellini acquisiscono notevole importanza perché, sottoposte rispetto alla strada attuale, confermano come Napoli si sia sviluppata nei secoli “stratificandosi” come in una sorta di civiltà sovrapposte: la greca soppiantata da quella romana e quella romana sottoposta dalle successive dominazioni.
L’impianto urbanistico di Neapolis, così come per altre importanti città dell’epoca, progettato dall’architetto greco Ippodamo di Mileto, era stato concepito a griglia: tre grandi strade, da est verso ovest, dette “decumani”, intersecate da altre strade, tra nord e sud, chiamate “cardines”.

L’importanza che man mano assunse Neapolis, la cui posizione strategica era un valore aggiunto, non sfuggì ai due popoli bellicosi che si affacciarono prepotentemente sulla scena di quei tempi: i Sanniti ed i Romani che si contesero, infatti, la città. Scenario che vide la vittoria dei romani nel 326 a. C. Il popolo napoletano era un popolo pacifista che pur dotandosi di spesse mura difensive formate da blocchi di tufo che circondavano la città (e che ,in corrispondenza delle principali strade della città, avevano dei varchi o porte d’ingresso) e pur essendo guerrieri per genetica, non vollero impegnarsi in attività di offese e guerre potendo contare sulla salubrità e sul benessere economico che le ricche terre ed un sapiente commercio riuscivano a garantire, quindi non risposero alle dichiarazioni di guerra. Accettarono, invece, la “Confederazione” con Roma che consentiva loro di conservare pressoché inalterati i loro privilegi e la loro autonomia ma soprattutto la forte identità che già si era saldamente radicata. Questa resa pacifica convenne anche ai romani che, perdutamente innamorati della civiltà greca, attinsero a piene mani per arricchirsi culturalmente conferendo alla città di Napoli il ruolo di mediatrice ed ispiratrice.

Oggi Carlo di Borbone cambiò la storia

Oggi Carlo di Borbone cambiò la storia

di Gennaro De Crescenzo Era la mattina del 10 maggio del 1734, era un lunedì ed esattamente 285 anni fa la città di Napoli era pronta per una festa che non era nuova nella sua storia: stava per arrivare un nuovo re. Ma quella sarebbe stata una festa diversa perché...

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Il naufragio di Costantino e la chiesa di San Giovanni

Tra i frammenti della tradizione popolare napoletana ritroviamo un antico racconto che vede come protagonista l'imperatore Costantino e parte della sua famiglia. Il racconto narra di un terribile naufragio che colpì il re, la figlia Costanza e la nipote Patrizia,...

San Pietro, Candida e Aspreno

San Pietro, Candida e Aspreno

Questo racconto è stato trasmesso nei secoli oralmente, per tanto non ha mai avuto una stesura definitiva. Prima che la parola di Cristo arrivasse fino alla città di Napoli, i napoletani erano devoti agli dei pagani e dedicavano loro sacrifici e preghiere su di un...

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano e le grida di Giuditta

Castel Capuano,che un tempo è stato sede della sezione civile e penale del tribunale di Napoli, risulta essere, prima ancora di Castel dell'Ovo, il più antico castello della città. Fu costruito nella metà del XII secolo, di origine normanna e prende il suo nome dalla...

La strega del Vesuvio

La strega del Vesuvio

Napoli e il Vesuvio, emblema di potenza distruttrice e di infinita bellezza, ma anche scenario di tante leggende. Tra queste quella della "Strega del Vesuvio", risalente al 1858, e tramandata solo oralmente, che inizia con un'irruenta eruzione del vulcano. Il fenomeno...

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

Quando Ribera temeva la “Pietà” di Stanzione

La  Certosa di San Martino è tra i più grandi complessi monumentali religiosi di Napoli. Sorge sulla collina del Vomero, vicino al Castel Sant'Elmo, e regala una splendida vista su tutta la città e il suo magnifico golfo. Contiene la chiesa dedicata a San Martino che...

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Amore e gelosia a Palazzo Donn’Anna

Napoli è avvolta da molteplici miti e leggende che si nascondono tra le sue antiche strade e quartieri, dove il sacro e il profano si incontrano dando luce a storie misteriose. Ricco di fascino è il Palazzo Donn'Anna, una costruzione in tufo risalente al XVII secolo,...

La bimba di Palazzo Spinelli di Laurino

La bimba di Palazzo Spinelli di Laurino

Nel pieno del centro storico di Napoli, precisamente in via dei Tribunali, sorge un palazzo risalente al XV secolo: Palazzo Spinelli Laurino, che fu restaurato nel 1767 dal duca di Laurino, Troiano Spinelli, da cui acquisisce il nome. Attorno al palazzo, prende forma...

Gaiola, una maledizione che non perdona

Gaiola, una maledizione che non perdona

Il mare di Posillipo incanta ogni estate tantissimi bagnanti che si recano sulle sue spiagge per godersi il sole e il mare. Tra i posti più ambiti, la Gaiola fa da regina. E proprio intorno all'isolotto della nota Gaiola si aggirano storie e vicende spiacevoli legate...

La storia degli amanti di Palazzo Sansevero

La storia degli amanti di Palazzo Sansevero

Napoli è la città del sole, del mare e dell'allegria. Eppure sono tanti i racconti che nascondono anche un suo lato tetro e oscuro, storie e leggende misteriose e condite da atroci omicidi. Celebre è la storia di Palazzo Sansevero, in Piazza San Domenico, una storia...

Pogerola e il “Miracolo del latte”

Pogerola e il “Miracolo del latte”

La Costiera Amalfitana è un luogo dove si intrecciano molte leggende, tra queste, c'è una in particolare che riguarda la chiesa di Pogerola (situata in una frazione di Amalfi). La storia in questione racconta di un evento alquanto miracoloso su una statua di legno...

Piano di Sorrento e la storia della Madonna di Galatea

Piano di Sorrento e la storia della Madonna di Galatea

Il Piano di Sorrento è ricco di famose leggende, tra queste, una in particolare è legata all'ambito ecclesiastico: la storia del ritrovamento dell'antica immagine della Madonna di Galatea. Il racconto ha inizio durante una mattina primaverile del 1580, e ha come...

Positano e la leggenda di Montepertuso

Positano e la leggenda di Montepertuso

Tra le perle della costiera amalfitana ritroviamo l'incantevole Positano, che ogni anno si rivela tra le attrazioni turistiche più gettonate del paese. I visitatori più attenti nell'ammirare il paesaggio mozzafiato di questa cittadina, di sicuro non si saranno fatti...

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni

La Mostra d’Oltremare compie 78 anni. Si tratta della struttura di Fuorigrotta che i napoletani vivono tuttora quotidianamente e che fu realizzata, per volere di Mussolini, nell'ambito del rinnovamento urbanistico cittadino dell’epoca. È il più importante complesso...

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno. Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere...

Il cavallo Napoletano: una storia favolosa

Il cavallo Napoletano: una storia favolosa

Cavallo Napoletano. Che se ne dica o meno, l’equitazione, ovvero l’arte di andare a cavallo, nacque a Napoli. La passione per il cavallo a Napoli nacque dall'ammirazione per il cavallo Napoletano, la razza nostrana (a detta di molti) perfetta. Principi, re e regine di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te