Il Napoli è ora equilibrato

da | Mar 27, 2021 | Calcio Napoli

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite

Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo ad Ancelotti in un gruppo devastato tecnicamente e moralmente. Poi quando ancora era nel bel mezzo del suo problema fisico, ha confessato alla stampa: “Sono deluso dal comportamento avuto nei miei confronti dalla società” riferendosi ai contatti, strombazzati perfino sul Corrierino del rione, del presidente con altri allenatori, la simpatia è diventata empatia. Perciò, il fatto che adesso il Napoli, recuperati gli infortunati e i positivi da Covid-19, abbia ripreso a marciare spedito, come ritenevo sarebbe accaduto, mi sia consentito un suggerimento di natura personale: mantenga il silenzio stampa e si faccia più furbo nei rapporti con certe persone e con la stessa carta stampata. Gli amici veri sono pochi in questo ambiente e passare da brocco ad eroe e viceversa è un attimo. Faccia quello che sa fare bene, allenare, e lasci perdere il resto. Non ne vale la pena. Anteponga i fatti che ci sono, alle parole che finiscono al vento. Con il 2-0 alla Roma, e dopo la vittoria al Meazza col Milan, ha dimostrato di essere ben più che un tecnico in grado di allenare in serie A anche squadre competitive, perché, forse nella partita più attesa e difficile del periodo, ha mandato in campo una squadra di grandissimo equilibrio, cioè la dote più importante per una squadra di alto livello.

In trasferta su un campo difficile come l’Olimpico e contro una squadra galvanizzata dal passaggio ai quarti di Europa League, al di là del risultato e nonostante qualche pericoloso preziosismo, palle trattenute un po’ troppo per voler uscire costruendo il gioco dal basso o dribbling e passaggi rischiosi nella propria metà campo, soprattutto nel secondo tempo quando la Roma ha cercato di tornare in partita, il Napoli è apparso squadra solida, convinta e appunto equilibrata. Gattuso, appena avuta la possibilità di lavorare in continuo durante la settimana, ha messo ogni giocatore al suo posto, e nessuno è apparso fuori ruolo. Soprattutto ha risolto il problema connivenza Fabian Ruiz-Zielinski nel modo migliore tatticamente. I due, a detta di tutti, messi sulla stessa linea di gioco, non funzionavano. L’intuizione di portare e far giocare il polacco da trequartista dando più libertà di manovra a Fabian Ruiz nella zona nevralgica di campo, coperto da un Demme geometrico ed attento e dallo stesso Zielinski portato a ripiegare e non a partire dal basso, è stata una mossa felice ed importante. Da 2-3 gare a questa parte, il Napoli è tornato ed è diventato una squadra che si regge su una sincronia quasi totale e soprattutto sulla effettiva partecipazione alla manovra di tutti gli uomini in campo. E si è visto nella pressione alta che ha inibito la costruzione del gioco giallorosso e nella grande attenzione difensiva della linea a 4. Lo avevamo detto e non siamo stati, a differenza di tanti soloni da salotto o da taverna, tra quelli che cambiano giudizio ad ogni spiffero di vento. Gattuso è un tecnico in continua progressione e con il gruppo coeso stanno cercando insieme la loro giusta dimensione. Si sono studiati, hanno sofferto insieme tra Covid ed infortuni gravissimi, ma hanno mantenuto stima e soprattutto fiducia l’uno dell’altro, scoprendosi più che mai uniti e adesso andando in campo anche divertendosi. Quel siparietto finale tra Gattuso divertito che prende a calci un Politano sorridente come mai è la cartina di tornasole di quello che è in questo momento il blocco famiglia Napoli. Che forse avrebbe solo bisogno di un… papà un po’ più sincero e tifoso.

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby

Il Napoli ritrova Dries e si aggiudica il derby, il belga firma il vantaggio, mentre il raddoppio è un gol su deviazione decisiva di Politano. Il Napoli ritrova Dries per il derby con il Benevento, i titolari sono: Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Ghoulam;...

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo

Atalanta-Napoli: azzurri ancora sconfitti a Bergamo, i ragazzi di Gattuso ne incassano 4 dalla Dea e la zona champions si allontana. Atalanta-Napoli, match che si ripete a distanza di 11 giorni gli azzurri hanno affrontato la Juventus e il Granada dopo la sconfitta di...

Napoli, la Champions non aspetta

Napoli, la Champions non aspetta

I continui passi falsi degli azzurri allontanano l’obiettivo del quarto posto. Serve continuità nei risultati Nemmeno il tempo di assaporare la gioia della vittoria contro la Juve, che il Napoli ripiomba nell’oblio. Questa sera la tecnica: “aspettiamo l’episodio...

Un Napoli decimato batte i campioni d’Italia

Un Napoli decimato batte i campioni d’Italia

Un Napoli decimato batte i campioni d'Italia, con un gol di Insigne che scaccia i fantasmi dei tre errori precedenti contro i bianconeri e fa 100 con la maglia azzurra. Un Napoli decimato batte i campioni d'Italia -Alla vigilia di questa partita nessuno avrebbe...

Noi umilmente lo avevamo detto

Noi umilmente lo avevamo detto

Una rosa incompleta per gli esterni e i centrali. Ed ora il Napoli piange Il 17 ottobre, quattordici giorni dopo la chiusura del mercato, questo giornale aveva avanzato pesanti dubbi sulla validità della campagna acquisti. Rimanevano scoperti settori nevralgici,...

Non sarà mai solo una partita

Non sarà mai solo una partita

La sfida con i bianconeri è molto più che una semplice gara di campionato Sabato, per la prima volta allo stadio Diego Armando Maradona, andrà in scena Napoli-Juventus. La gara contro la “Vecchia signora” non è una gara qualsiasi, il popolo napoletano la vive in...

Una battaglia per sopravvivere

Una battaglia per sopravvivere

Napoli-Juventus non sembra più la partita dell’anno ma solo un’occasione per riprendere slancio Questo Napoli-Juve poteva e doveva essere la partita sulla quale giocare il campionato e le aspettative di alta classifica. Invece sarà solo l’ulteriore gara di sofferenza...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te