Slancio verso la zona Champions, i ragazzi di Gattuso espugnano anche l’Olimpico di Roma battendo i giallorossi con una doppietta di Mertens, 13 punti nelle ultime 5 parte portano il Napoli a -2 dal quarto posto.

Slancio verso la Champions, con la vittoria anche all’Olimpico di Roma, il Napoli si porta a -2 lunghezze sulla coppia Atalanta-Juventus che occupano il quarto posto, in una settimana dove gli azzurri erano chiamati a tre trasferte di fuoco, con la maggior parte dei sostenitori partenopei preoccupati e scettici della conquista del bottino pieno, Rino e i suoi, in attesa del recupero della partita Juventus-Napoli rinviata al 7 Aprile, portano a casa 6 punti insperati fino a poche settimane fa. Finalmente si vede la tanto attesa continuità, con 13 punti nelle ultime 5 partita, i partenopei stanno pian piano riprendendo il cammino interrottosi bruscamente dopo un ottimo avvio di stagione.

Il match inizia con il Napoli che da, sin da subito, dimostrazione della giusta mentalità che sta tornando in rosa, buon giro palla e tanta attenzione nel costruire azioni che possano scardinare la difesa giallorossa, purtroppo trovando poca fluidità nel reparto offensivo per finalizzare. Con un match del genere ci vuole tanta pazienza, il Napoli ne mette in campo tantissima e con la giusta calma, trova il vantaggio al minuto 27 con Ciro Dires Mertens, il belga trasforma un calcio di punizione dal limite dell’area, tiro di destro sul palo del portiere, Lopez coperto anche dalla barriera azzurra che si sposta all’ultimo momento, si tuffa ma non riesce a deviare, 0-1. Pochi minuti più tardi, 7 con precisione, arriva il raddoppio azzurro, bellissima azione che vede un lancio di Insigne pescare con precisione millimetrica, l’inserimento di Politano il quale di testa serve Mertens che con la porta spalancata, sempre di testa, insacca per la doppietta personale. La Roma prova a reagire ma sbatte sull’ottima fase difensiva partenopea e, quando la difesa azzura ha qualche sbavatura, c’è Ospina a togliere le casteagne dal fuoco, come sul tiro al volo di Cristante che da pochi metri dalla porta trova la giusta cordinazione ma trovando il portierone azzurro a deviare in angolo. Si va all’intevallo con il netto dominio della squadra azzurra.

Nella ripresa il Napoli tira un pò i remi in barca, complice il doppio vantaggio ma anche a causa di una Roma che rientra in campo alzando visibilmente il baricentro. Con i padroni di casa più sbilanciati in avanti, si aprono praterie per le ripartenze azzurre, ma il Napoli per la maggior parte della ripresa si limita a controllare gli avversari, rischiando veramente poco. Ovviamente, come già sottolineato più volte nel corso del campionato, solo gli azzurri si possono far del male quando giocano in modo ottimale, infatti l’unico vero pericolo del secondo tempo, gli azzurri, lo subiscono grazie all’errore di Koulibaly in una delle sue migliori partite, il senegalese rilancia in modo errato dalla difesa regalando palla ai giallorossi che stazionavano a ridosso dell’area azzurra, per evitare di far uscire il Napoli in modo facile con la palla al piede, la palla finisce a Pellegrini che a botta sicura dal limite colpisce clamorosamente il palo con Ospina battuto. Passato lo spavento, non resta che controllare gli avversari che non hanno più grandi occasioni per riaprire il match.

Da segnalare il recupero di Lozano che ritorna in campo dopo la partita vinta contro la Juventus al Maradona, circa un quarto d’ora per il messicano che ha avuto solo un occasione per mettere in mostra il suo recupero, poi tanta fase difensiva. Buon lavoro di tutta la squadra che batte una diretta concorrente per un posto Champions, adesso c’è la sosta per le nazionali, la speranza è che si possa ritrovare al più presto i calciatori che partiranno per preparare al meglio questo finale di stagione.