La scuola dei giusti nascosti

da | Mar 20, 2021 | Cultura&Spettacolo

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia, ebrea di modesta condizione una, figlia di un funzionario fascista l’altra. Esse frequentano il medesimo istituto e sono legate da una profonda amicizia, non curandosi del ruolo sociale delle rispettive famiglie. Il loro sodalizio è suggellato da una grande passione per lo studio, e per la scuola, avvertita con reverenziale affetto. E sulla scuola l’autore concentra particolare attenzione, rappresentandola luogo di apprendimento ma anche fucina di conoscenza in senso ampio, capace per natura di educare all’altro da sé. Suggestivi, nello sviluppo della trama, i quadri sociali di una Roma antica, in cui vive da secoli una comunità ebraica costituita da gente modesta e proba, con tradizioni proprie ma integrate nel contesto socio-culturale cittadino. La distinzione, compensata da questa affezione per lo studio, evolve però in uno strappo: l’avvento delle leggi razziali degli anni ‘30 che travolgono ogni certezza. Si innestano allora nella trama gli eventi noti che trasformano rapidamente un luogo, che pare immutabile, nello scenario di una parabola degenerativa sancita legalmente dall’alleanza con Hitler. Con ritmo incalzante la placida Roma diventa il teatro dei feroci rastrellamenti nazisti e vano è il tentativo della figlia del funzionario di salvare l’amica supplicando il padre, incapace di fare alcunché. Lo sviluppo successivo è il vero fulcro della narrazione in cui ancora l’istituzione formativa assurge al ruolo primario di fucina potenziale di giustizia, un vivaio di Tsaddikim, di Giusti, capaci di “vedere” e inibire i semi di follia collettiva. Un libro di notevole qualità narrativa quello di Kalowski il cui valore è implementato dai sensibili spunti di riflessione per i più giovani. “La scuola dei giusti nascosti”, Besa 2020.

Teatro Il Piccolo, Gennaro De Crescenzo in concerto

Teatro Il Piccolo, Gennaro De Crescenzo in concerto

Questa sera appuntamento in piazzale Vincenzo Tecchio 3 Napoli, al “Teatro Il Piccolo”, il “Concerto Flegreo” di Gennaro De Crescenzo. L’album dal titolo “Musica per Napoli”, segna il suo esordio, le sue canzoni all’insegna dell’amore che hanno riscontrato grande...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te