La scuola dei giusti nascosti

da | Mar 20, 2021 | Cultura&Spettacolo

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia, ebrea di modesta condizione una, figlia di un funzionario fascista l’altra. Esse frequentano il medesimo istituto e sono legate da una profonda amicizia, non curandosi del ruolo sociale delle rispettive famiglie. Il loro sodalizio è suggellato da una grande passione per lo studio, e per la scuola, avvertita con reverenziale affetto. E sulla scuola l’autore concentra particolare attenzione, rappresentandola luogo di apprendimento ma anche fucina di conoscenza in senso ampio, capace per natura di educare all’altro da sé. Suggestivi, nello sviluppo della trama, i quadri sociali di una Roma antica, in cui vive da secoli una comunità ebraica costituita da gente modesta e proba, con tradizioni proprie ma integrate nel contesto socio-culturale cittadino. La distinzione, compensata da questa affezione per lo studio, evolve però in uno strappo: l’avvento delle leggi razziali degli anni ‘30 che travolgono ogni certezza. Si innestano allora nella trama gli eventi noti che trasformano rapidamente un luogo, che pare immutabile, nello scenario di una parabola degenerativa sancita legalmente dall’alleanza con Hitler. Con ritmo incalzante la placida Roma diventa il teatro dei feroci rastrellamenti nazisti e vano è il tentativo della figlia del funzionario di salvare l’amica supplicando il padre, incapace di fare alcunché. Lo sviluppo successivo è il vero fulcro della narrazione in cui ancora l’istituzione formativa assurge al ruolo primario di fucina potenziale di giustizia, un vivaio di Tsaddikim, di Giusti, capaci di “vedere” e inibire i semi di follia collettiva. Un libro di notevole qualità narrativa quello di Kalowski il cui valore è implementato dai sensibili spunti di riflessione per i più giovani. “La scuola dei giusti nascosti”, Besa 2020.

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

Happening di scrittori  nella cornice di Sant’Angelo

Happening di scrittori nella cornice di Sant’Angelo

Sabato 17 luglio 2021, nella suggestiva cornice del molo turistico “Pablo Neruda” di Sant’Angelo d’Ischia, ventotto tra scrittori, imprenditori, artisti, docenti, autori emergenti ed esperti di comunicazione saranno i protagonisti della diciassettesima edizione del...

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te