Condizionatore sì o no? I pro e i contro dell’aria condizionata

da | Mar 19, 2021 | Cronaca

Non tutti lo sanno, ma condizionatore e climatizzatore sono due impianti diversi di regolazione della temperatura degli spazi interni. Nel secondo caso si tratta di un dispositivo più avanzato che permette di sfruttare opzioni aggiuntive tra cui la gestione del grado di umidità. Tuttavia, essendo dotato di una pompa di calore, si tratta di un sistema più complesso che comporta un investimento non indifferente. Al contrario, il condizionatore è semplice da installare e permette di rinfrescare qualsiasi ambiente. Cerchiamo quindi di capire quando conviene usare il condizionatore e quando è meglio evitare di esporsi all’aria condizionata.

I vantaggi del condizionatore

Questo dispositivo è ovviamente essenziale in estate, perché permette di combattere la calura e di trovare un po’ di refrigerio in casa. Non stupisce quindi che sempre più persone ne abbiano almeno uno all’interno della propria abitazione. Oggi chi desidera installarli, può trovare ottimi condizionatori in offerta anche online e volendo può approfittare della cessione del credito per risparmiare sul costo finale. Quasi tutti i condizionatori permettono di impostare la temperatura ideale che si vuole raggiungere così che il getto di aria fredda vi si adegui e si disattivi in automatico una volta arrivato a quel valore. I condizionatori consentono poi di regolare anche il flusso d’aria, aumentandolo o diminuendolo manualmente a seconda delle esigenze del momento. Se poi si acquista un dispositivo di ultima generazione, dotato di sensori, è possibile usarlo anche di notte: il condizionatore sarà infatti in grado di regolare da solo le temperature, evitando i classici colpi di freddo tipici di quando lo si lascia acceso durante le ore notturne.

Quando l’aria condizionata può essere dannosa

Il dispositivo di per sé non è pericoloso ma, se usato nella maniera sbagliata, può diventarlo. Si deve infatti sempre prestare grande attenzione a non abusare del condizionatore, sia per una questione di salute ma anche di portafogli e di tutela ambientale. Se si tiene acceso nelle notti più afose per riuscire a dormire sonni tranquilli, bisogna fare molta attenzione a impostare temperature non troppo basse, perché quando si dorme la temperatura del corpo cala e un’aria troppo fredda può diventare deleteria. In linea di massima, vanno sempre evitati bruschi cambi di temperatura, perché possono avere conseguenze negative sul nostro organismo. Si parla ad esempio di problemi all’apparato respiratorio, del calo delle barriere immunitarie, delle influenze, della tosse e via discorrendo. Altri classici sintomi dell’uso scorretto dell’aria condizionata sono i dolori ai muscoli e alle articolazioni, il mal di testa, il raffreddore e la bronchite nei casi peggiori. Per questo motivo conviene sempre evitare di indirizzare il getto d’aria direttamente sulle persone, impostare la temperatura corretta e preferire programmi a basso consumo.

In sintesi, i condizionatori sono molto utili e sanno come regalarci diversi vantaggi, a patto di usarli sempre nella maniera corretta. Un utilizzo improprio dell’aria condizionata può infatti causare svariate problematiche di salute, rendendoci più sensibili alle influenze e ai dolori muscolari. Ecco perché conviene seguire i consigli visti oggi, così da godere di un po’ di sana frescura senza nessuna spiacevole conseguenza.

 

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te