L’appello della famiglia Mirabella: “Diteci dov’è il corpo di Maurilio, solo per portare un fiore”

da | Mar 17, 2021 | Cronaca

Esattamente undici anni fa, il 17 marzo del 2010, sull’isola honduregna di Roatan, scompariva in circostanze misteriose Maurilio Mirabella, istruttore di diving. Un vero e proprio giallo a cui neppure gli investigatori napoletani, in missione più volte sull’isola tropicale, hanno mai saputo dare una risposta.

Sulla scomparsa di Maurilio la stampa italiana ha dedicato intere pagine di quotidiani. La trasmissione “Chi l’ha visto” pure è intervenuta con numerose puntate. Ma del napoletano – che qualche anno prima di quel 17 marzo del 2010 si era trasferito sull’isola al largo dell’Honduras, sposando una donna del posto dalla quale aveva avuto due figli – non si sono mai trovate tracce. Numerose le ipotesi avanzate dalla polizia di Roatan. Ma nessuna è stata confermata dalle indagini.

La famiglia Mirabella non si è mai rassegnata. E si è sempre battuta affinchè la polizia, soprattutto quella italiana, potesse far luce su quella scomparsa. Oggi, però, a distanza di undici anni, le speranze che Maurilio sia vivo, sono quasi del tutto scomparse. Per questo lanciano un ultimo appello: “Chi sa parli. Vogliamo soltanto portare un fiore sul luogo dove ha cessato di vivere Maurilio. Sull’isola qualcuno deve sapere almeno dove è il suo corpo.  Ce lo faccia sapere. Anche in forma anonima. Solo così possiamo tentare di dare pace alle nostre anime”.

Cinzia Mirabella, attrice, sorella di Maurilio si fa portavoce della famiglia. Dice: “Le nostre vite sono ferme a quel maledetto giorno in cui ci venne detto, al telefono, che Maurilio aveva fatto perdere le proprie tracce. Non c’è stato giorno in cui non abbiamo sperato che venisse ritrovato. Vivo. Ma la ragione oggi ha preso il sopravvento. E vogliamo solo, con un fiore, onorare la sua morte. Ma vogliamo sapere dove portare questo fiore”.

 

“Sulla vicenda di mio fratello – dice ancora Cinzia Mirabella, che oltre ad attrice è anche regista – da più parti mi è stato sollecitato di realizzare la sceneggiatura di un film. Sarebbe un modo per riportare l’attenzione nuovamente su di lui. Forse lo farò “

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te