Il latte materno protegge i bambini dalle allergie: lo studio del Ceinge

da | Mar 16, 2021 | Salute

Le allergie sono le patologie croniche più diffuse nei bambini italiani: ne soffre, infatti, oltre un bambino su quattro. Da tempo il latte materno è stato proposto come prima e fondamentale strategia di prevenzione per contrastare tali patologie, ma i dati clinici sui quali gli scienziati si sono basati finora appaiono, talvolta, discordanti ed i meccanismi d’azione ancora poco definiti.

I ricercatori del CEINGE-Biotecnologie avanzate hanno analizzato una popolazione di 100 madri campane, a cui è stato chiesto di donare un campione di latte nei primi mesi di allattamento, ed hanno individuato in esso un composto in grado di esercitare un’azione protettiva molto potente nei confronti delle patologie allergiche dei bambini.

«Si chiama butirrato – spiega Roberto Berni Canani, uno dei massimi esperti nel campo della gastroenterologia e nutrizione pediatrica, direttore del Laboratorio di Immunonutrizione del CEINGE e del Programma di Allergologia Pediatrica del Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II -. Si tratta di un piccolo acido grasso a catena corta, molto preservato nelle specie viventi, in grado di regolare efficacemente tutti i principali meccanismi di difesa nei riguardi della comparsa delle patologie allergiche nei più piccoli. Ricevere attraverso il latte materno quotidianamente elevati livelli di butirrato è quindi un grande vantaggio per il bambino».

Lo studio*, svolto dal gruppo del professor Berni Canani, in collaborazione con ricercatori dell’Università di Salerno, del CNR e dell’Ospedale Evangelico Betania, pubblicato sulla prestigiosa rivista Allergy, organo ufficiale dell’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica, ha anche evidenziato come i livelli di butirrato nel latte materno siano influenzati dalla dieta materna. «Più la madre segue una dieta sana ricca di fibre e aderente alla Dieta Mediterranea – afferma Berni Canani –, più elevati sono i livelli di butirrato nel latte materno».

I risultati ottenuti grazie a questa ricerca potrebbero nel loro complesso spiegare i dati talvolta contrastanti presenti in letteratura sull’efficacia del latte materno nella prevenzione delle allergie del bambino. «L’efficacia del latte materno – chiarisce l’esperto – si basa sul contenuto di composti immunoregolatori in esso contenuti, come il butirrato. Aumentare la concentrazione di tale composto nel latte materno, modulando la dieta materna (favorendo, ad esempio, il consumo di cibi ricchi di fibre vegetali), potrebbe essere una strategia efficace per amplificare il ruolo protettivo del latte materno contro la comparsa di patologie allergiche».

Ma c’è anche un’altra possibilità: «I dati dello studio – sottolinea Berni Canani – rivelano che si può utilizzare il butirrato, composto naturale e sicuro, come ingrediente da poter aggiungere alle formule per i bambini che non hanno la fortuna di ricevere il latte materno, per favorire la prevenzione dell’allergia anche in questi soggetti».

* Allergy 2020 – Butyrate as bioactive human milk protective component against food allergy -Paparo L, Nocerino R, Ciaglia E, Di Scala C, De Caro C, Russo R, Trinchese G, Aitoro R, Amoroso A, Bruno C, Di Costanzo M, Passariello A, Messina F, Agangi A, Napolitano M, Voto L, Gatta GD, Pisapia L, Montella F, Mollica MP, Calignano A, Puca A, Berni Canani R.

 

Viaggi della speranza? Anche no!

Viaggi della speranza? Anche no!

In tempo di pandemia, in Campania si riscoprono le eccellenze per la cura delle patologie cardiovascolari Nel 2020 si è registrata una diminuzione dei viaggi della speranza verso le regioni del Nord per quel che riguarda gli interventi relativi all’apparato...

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Seri conflitti di coppia esacerbati dalla convivenza obbligata, distruzione della routine domestica, insicurezza economica per le famiglie ed ecco che la pandemia può vestire i panni dell’’orco’, costituendo un fardello pesantissimo per bambini e adolescenti. Diversi...

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

 I pazienti con mieloma multiplo sono tra i più fragili nei confronti del Covid-19. Non solo perché se contagiati hanno un maggior rischio di andare incontro a complicanze gravi, soprattutto polmoniti, ma anche perché devono spesso recarsi in ospedale per controlli e...

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Stanchezza e affanno, ma soprattutto dolori alle articolazioni, ai muscoli, al torace che non passano anche a distanza di settimane o mesi dalla diagnosi di Covid-19: è la sindrome post-coronavirus che si stima riguardi, con almeno un sintomo, fino all’80% dei...

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Il volume, scritto da Elisabetta Rea e Salvio Salzano, fondatori del centro Neafit, è pubblicato da Graus e venduto in libreria Una guida alimentare per depurarsi e vivere in forma? Ecco Detox 555. Si tratta di una formula vincente per depurarsi (e perdere qualche...

Un virus utile contro il cancro. La scoperta del Ceinge

Un virus utile contro il cancro. La scoperta del Ceinge

I sorprendenti risultati di uno studio realizzato in sinergia con la Federico II Il virus Herpes simplex per generare farmaci anti tumorali. La scoperta dei ricercatori del Ceinge-Biotecnologie Avanzate di Napoli e del Dipartimento di Medicina Molecolare e...

Non trovi il tuo medico di base? Videoconsulta uno specialista

Non trovi il tuo medico di base? Videoconsulta uno specialista

Consulti medici online. Attraverso il portale www.idubbidelpaziente.it ci si può rivolgere a uno specialista per un confronto gratuito “faccia a faccia” attraverso lo schermo del personal computer o del telefonino. Un servizio di medicina sociale nato dalla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te