Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno.

Gli azzurri arrivano alla sfida di San Siro, dopo tantissime partite, con una settimana di riposo dove Gattuso e il suo staff, hanno potuto preparare al meglio la trasferta di Milano. Atteggiamento con più personalità da parte del Napoli sin dai primi minuti, non che tale personalità sia mancata, ma le difficoltà incontrate nel periodo più negativo dell’esperienza partenopea di Rino, hanno fatto latitare questa caratteristica essenziale per la funzionalità di una squadra di calcio, specialmente di seire A. Partita essenziale per il Napoli, puntare ad un rilancio in classifica e dare continuità ai risultati, questa era l’idea dei partenopei, idea che si concretizza grazie ad una prestazione dove si fa fatica a trovare un calciatore che non raggiunge la sufficienza. Sono 10 i punti nelle ultime quattro partite, veramente un peccato quel pareggio di Sassuolo.

Ritornando alla prestazione contro il Milan, l’inizio del match ha evidenziato come i due allenatori abbiano preparato al meglio la gara, poche occasioni e tanto giropalla da una parte e dall’altra, poche emozioni nei successivi minuti con il Napoli che nel primo tempo riesce a fare qualcosa in più dei padroni di casa, ma con poca convinzione in fase offensiva dove in un paio di occasioni si sfiora il vantaggio. Nella ripresa il Milan parte forte, gli azzurri controllano l’avversario e in ripartenza, dopo solo 4 minuti dal ritorno in campo, trovano un gol bello per la costruzione e la velocità con cui si manda in porta Politano. La squadra ha saputo anche soffrire, infatti i ragazzi di Pioli nonostante le fatiche dell’Europa League, non hanno reso vita facile agli azzurri e dopo il gol che decide il match, i rossoneri raddoppiano le forze alla ricerca del pareggio, in alcune occasioni lo sfiorano anche, ma prima Ospina poi l’imprecisone sotto porta non sbloccano il risultato dallo 0 a 1. A pochi minuti dalla fine, le proteste rossonere sono veementi, Bakayoko tocca Theo in area azzurra, l’arbitro Pasqua fa segno di proseguire, Mazzoleni al VAR richiama il direttore di gara a riguardare l’episodio, dopo un consulto al monitor Pasqua conferma la sua decisone, no penalty, effettivamente il tocco tra il piede destro e l’esterno del polpaccio sinistro di Theo Hernandez c’è, ma è talmente lieve che il direttore di gara decide di non punirlo con il calcio di rigore e comunque è più facile accettare una decisione arbitrale rivista al monitor anzichè, come successo più volte ai danni del Napoli anche in questo campionato, una decisione errata non rivista all’on field review. Dopo quasi 6 minuti di recupero, l’arbitro decreta la vittoria azzurra che sbanca San Siro e conquista tre punti importantissimi.

La squadra di Gattuso è in ripresa, questo non si può non dirlo, ma effettivamente anche se è difficile trovare qualche insufficienza in campo tra i partenopei, i problemi ci sono ancora ma con la mentalità giusta e un pizzico di fortuna che non guasta mai, il Napoli si rilancia per un posto in Champions League. Ottima ancora una volta la prestazione di Insigne, il capitano sia in fase offensiva che in fase difensiva è un valore aggiunto di questo gruppo, ci mette sempre l’anima in campo per una maglia che è la sua seconda pelle. Buona anche la prestazione di Koulibaly, il senegalese sembra stia pian piano ritornando ai suoi livelli anche se in un’occasine, si perde Leao che fortunatamente non impatta bene la palla divorandosi il pareggio. Meno buona la prestazione di Zielinski, da un talento come quello del polacco, ci si aspetta sempre di più. Appuntamento a Roma tra sette giorni, altra trasferta delicata prima della sosta per le nazionali.