Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

da | Mar 14, 2021 | Calcio Napoli

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno.

Gli azzurri arrivano alla sfida di San Siro, dopo tantissime partite, con una settimana di riposo dove Gattuso e il suo staff, hanno potuto preparare al meglio la trasferta di Milano. Atteggiamento con piĂą personalitĂ  da parte del Napoli sin dai primi minuti, non che tale personalitĂ  sia mancata, ma le difficoltĂ  incontrate nel periodo piĂą negativo dell’esperienza partenopea di Rino, hanno fatto latitare questa caratteristica essenziale per la funzionalitĂ  di una squadra di calcio, specialmente di seire A. Partita essenziale per il Napoli, puntare ad un rilancio in classifica e dare continuitĂ  ai risultati, questa era l’idea dei partenopei, idea che si concretizza grazie ad una prestazione dove si fa fatica a trovare un calciatore che non raggiunge la sufficienza. Sono 10 i punti nelle ultime quattro partite, veramente un peccato quel pareggio di Sassuolo.

Ritornando alla prestazione contro il Milan, l’inizio del match ha evidenziato come i due allenatori abbiano preparato al meglio la gara, poche occasioni e tanto giropalla da una parte e dall’altra, poche emozioni nei successivi minuti con il Napoli che nel primo tempo riesce a fare qualcosa in piĂą dei padroni di casa, ma con poca convinzione in fase offensiva dove in un paio di occasioni si sfiora il vantaggio. Nella ripresa il Milan parte forte, gli azzurri controllano l’avversario e in ripartenza, dopo solo 4 minuti dal ritorno in campo, trovano un gol bello per la costruzione e la velocitĂ  con cui si manda in porta Politano. La squadra ha saputo anche soffrire, infatti i ragazzi di Pioli nonostante le fatiche dell’Europa League, non hanno reso vita facile agli azzurri e dopo il gol che decide il match, i rossoneri raddoppiano le forze alla ricerca del pareggio, in alcune occasioni lo sfiorano anche, ma prima Ospina poi l’imprecisone sotto porta non sbloccano il risultato dallo 0 a 1. A pochi minuti dalla fine, le proteste rossonere sono veementi, Bakayoko tocca Theo in area azzurra, l’arbitro Pasqua fa segno di proseguire, Mazzoleni al VAR richiama il direttore di gara a riguardare l’episodio, dopo un consulto al monitor Pasqua conferma la sua decisone, no penalty, effettivamente il tocco tra il piede destro e l’esterno del polpaccio sinistro di Theo Hernandez c’è, ma è talmente lieve che il direttore di gara decide di non punirlo con il calcio di rigore e comunque è piĂą facile accettare una decisione arbitrale rivista al monitor anzichè, come successo piĂą volte ai danni del Napoli anche in questo campionato, una decisione errata non rivista all’on field review. Dopo quasi 6 minuti di recupero, l’arbitro decreta la vittoria azzurra che sbanca San Siro e conquista tre punti importantissimi.

La squadra di Gattuso è in ripresa, questo non si può non dirlo, ma effettivamente anche se è difficile trovare qualche insufficienza in campo tra i partenopei, i problemi ci sono ancora ma con la mentalitĂ  giusta e un pizzico di fortuna che non guasta mai, il Napoli si rilancia per un posto in Champions League. Ottima ancora una volta la prestazione di Insigne, il capitano sia in fase offensiva che in fase difensiva è un valore aggiunto di questo gruppo, ci mette sempre l’anima in campo per una maglia che è la sua seconda pelle. Buona anche la prestazione di Koulibaly, il senegalese sembra stia pian piano ritornando ai suoi livelli anche se in un’occasine, si perde Leao che fortunatamente non impatta bene la palla divorandosi il pareggio. Meno buona la prestazione di Zielinski, da un talento come quello del polacco, ci si aspetta sempre di piĂą. Appuntamento a Roma tra sette giorni, altra trasferta delicata prima della sosta per le nazionali.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te