Vaccini, italiani sempre più disorientati

da | Mar 13, 2021 | Cronaca

di Cinzia Rosaria Baldi *

Il terrore corre su internet contemporaneamente all’invito a vaccinarsi. Da giovedì la notizia che il vaccino AstraZeneca possa causare danni alla salute e, forse, anche la morte rimbalza in rete dall’Europa all’Italia. Le Regioni italiane, dalla Lombardia alla Campania, dalla Sicilia al Veneto e man mano tutte le altre hanno provveduto a ritirare le dosi di un lotto sospetto di AstraZeneca dall’utilizzo.
La stessa Danimarca ha sospeso in via precauzionale la somministrazione del vaccino AstraZeneca, dopo la segnalazione di alcuni gravi episodi circolatori. Vero o falso: ancora non si sa se le patologie riscontrate, malesseri, morte siano conseguenza del vaccino e nemmeno cosa stia accadendo veramente, se è tutto il vaccino ad essere dannoso o un lotto solo di esso. La notizia scorre parallela e si scontra con l’informazione del risultato dell’autopsia su Annamaria Mantile, l’insegnante 62enne che si credeva morta per lo stesso vaccino. L’esito dell’autopsia dimostra che non c’è correlazione tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e la morte di Annamaria Mantile, causata, invece, da un infarto intestinale.

La paura è uno dei principali strumenti di difesa imprescindibile dell’individuo, stimolo importante che permette di attivare reazioni utili alla difesa personale dai pericoli dell’ambiente. La paura è “generata” da un’area precisa del cervello: l’amigdala. È la parte più antica del nostro encefalo (ci accomuna addirittura ai rettili) e possiamo considerarla come la nostra “memoria emotiva”; è in questa zona che viene memorizzato il “dolore” e con esso la possibilità di poterlo superare grazie all’esperienza. Quando abbiamo paura di qualcosa, l’amigdala invia un segnale di allarme al resto del cervello, che a sua volta comunica al corpo l’esigenza di produrre quegli ormoni necessari ad attivare i centri del movimento (per avviare le reazioni di difesa, fuga o combattimento), che attivano il sistema cardiovascolare. Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che guardare notiziari che diffondo informazioni di paura e disperazione, dopo attentati terroristici o disastri naturali, aumenta in modo costante il rischio di sviluppare Depressione o Disturbo Post traumatico da stress. Le cronache a cui ci espongono i media hanno un impatto enorme sul nostro stato di benessere. La comunicazione dovrebbe porsi il problema delle conseguenze che ne derivano a chi la riceve. La notizia deve essere data, anzi è un diritto di tutti riceverla ma nel modo giusto. Ad esempio ci sono diversi modi di raccontare un evento tragico, soffermandosi su alcuni dettagli invece che su altri; ovvero cambiare il modo di raccontare i fatti e creare una narrazione che ponga al centro la rigenerazione.
Siamo di fronte ad un evento epocale, che mette a repentaglio il futuro dei giovani e che fa temere la morte agli anziani, tutti attendono una speranza e chiedono di essere informati in modo corretto e veritiero, ma chiedono anche una narrazione incentrata sulla narrazione dei processi di recupero ad esempio: come si ricostruiscono le comunità dopo una tragedia, o un disastro, o un’emergenza sanitaria? Come faranno le persone, quando tutto sarà finito, a ritornare ad impegnarsi? Oppure come nasce un significato dopo un trauma cosi forte?
Quando le persone ascoltano approfondiscono storie video, narrazioni su questi elementi e si percepiscono meno disperate e più speranzose, meno impaurite e più coraggiose, maggiormente disposte a mettere in atto cambiamenti positivi anche nella loro vita.

La resilienza, cioè la capacità di una persona di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà, se raccontata attraverso una storia ha il potere di diventare contagiosa. A tal proposito credo sia necessario, anche nel privato, porre l’attenzione alle storie che raccontiamo alle persone, che ci circondano, ciò che scegliamo di condividere può contaminare e generare una cultura della resilienza. È giusto raccontare le sofferenze, le fatiche, i problemi che si possono incontrare nella vita di tutti i giorni, ma non dimentichiamoci mai di affiancare al racconto del disagio anche le parti della storia di coraggio o compassione: la resilienza che vive in noi e nella nostra comunità.

*psicologa età evolutiva

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Lo scorso 22 novembre in via Pigna un uomo con volto coperto da un casco era entrato in un supermercato e, simulando di essere armato, aveva minacciato la cassiera facendosi consegnare 750 euro per poi fuggire a bordo di un motoveicolo. Martedì scorso i Falchi della...

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

La Polizia Locale ha  intensificato le attività di controllo delle norme che regolano la “movida” cittadina accertando violazioni al Codice della Strada e al rispetto delle misure di prevenzione sanitarie. Dal Lungomare alle aree di Chiaia, dal Centro Storico  al...

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Un dono alla città di Napoli e al suo campione più amato: è così che il Comune di Napoli ricorderà oggi, giovedì 25 novembre alle ore 13.30 Diego Armando ad un anno dalla sua scomparsa. Nel piazzale antistante i varchi d'ingresso del settore Distinti dello stadio a...

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premiati i vincitori della terza edizione del Premio nazionale di poesia e fotografia Cesare Filangieri (intitolato al padre del famoso giurista del Settecento) promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e Sant’Antonio” con il patrocinio dei Comuni di Napoli e di...

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e l'Agenzia delle Dogane di Napoli hanno individuato, all’interno del porto, nel contesto delle attività congiunte di analisi di rischio in ambito doganale, oltre 1900 biciclette con componenti di un noto gruppo...

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalla mezzanotte fino alle 23.59 di domani, lunedì 22 novembre, su tutto il territorio regionale, ad esclusione delle zone 4 e 7 (Alta Irpinia e Sannio;...

La Parthenope “plastic free”

La Parthenope “plastic free”

Intervista all’architetto Luciano Esposito, curatore dell’iniziativa di distribuzione borracce In questi giorni l’Università degli Studi di Napoli Parthenope sta regalando ai suoi studenti centinaia di borracce in alluminio per supportare la campagna nazionale Plastic...

Linea 1 tra ritardi e incubo Covid

Linea 1 tra ritardi e incubo Covid

Corse dei treni col contagocce e assembramenti indotti dai guasti. Disagi in aumento per l’utenza Un utente chiede spiegazioni al dipendente in servizio nella stazione della Linea 1 di Medaglie d’oro sul motivo del ritardo dell’arrivo del treno della metropolitana...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te