Dodici puntate alla fine del romanzo

da | Mar 13, 2021 | Calcio Napoli

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League

Cessate le antiche turbolenze, dimenticati – per ora – i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate opportunamente le pesanti ripicche davanti a microfoni famelici di ascoltare il pensiero del Gattuso “furioso”, il tecnico azzurro, da qui alla fine della stagione deve solo impegnarsi a guidare con autorevolezza, leggerezza e maestria da scafato pilota, una squadra che ha recuperato quasi tutti i pezzi importanti che le sono mancati per oltre due mesi.

Va dato atto al presidente, non certo esempio impeccabile di chiarezza nei rapporti umani e lavorativi, di aver saputo però, ad un certo punto, tenere la bocca chiusa e a non rispondere alle parole più o meno dirette del suo allenatore, restituendo un attimo di serenità, fondamentale, all’ambiente.
Un piccolo miracolo compiuto, va pure riconosciuto a Insigne che, dopo lo sfogo sopra le righe di Sassuolo, con la sua classe, indubbia ma talvolta discontinua, con i suoi gol e la voglia di essere riconosciuto leader e profeta in patria, ha sicuramente attenuato e smussato polemiche, tradimenti e notti da… lunghi coltelli o di giustizia, fate voi, montati dopo Verona in particolare.
Il Napoli odierno non è certo un giardino fiorito dove si parla in dolce stil novo d’amorosi sensi o vengono lanciati languidi sguardi da Aurelio a Rino e alla sua truppa o viceversa, ma almeno per il momento polemiche e sospetti, tradimenti e contratti non firmati o non fatti più firmare sembrano allontanati in nome della “ragion di Stato”, cioè la rincorsa ad un posto Champions.
Mancano 13 partite al termine della stagione e Gattuso da qui alla fine, se si eccettuano due turni infrasettimanali, ha la totale disponibilità per lavorare tranquillo con una settimana-base. Ha quindi, tempo e modi per riprendere la rincorsa alla zona Champions dalla quale s’è bruscamente allontanato racimolando appena un punto nelle ultime quattro trasferte. Calendario e un pizzico di fatalità mettono ora il tecnico e la squadra di fronte a tre trasferte consecutive: Milan, Juventus e Roma. Tre scontri diretti con altrettante avversarie nella corsa all’Europa che conta. E la squadra, che fino a due mesi fa aveva un rendimento esterno migliore di quello casalingo, è improvvisamente ricaduta nelle sue antiche fragilità caratteriali e forse anche nell’idea di Gattuso di riproporre, seppure in modo diverso, quel “sarrismo” che è stato estasi pura in certi momenti per i tifosi e per gli esteti ma che non ha mai fatto vincere la “guerra” se non “esaltanti” ma effimere battaglie.

Gattuso ha avuto l’arduo compito, arrivando in un Napoli in crisi, di dover mediare una concezione di calcio “proletario” ma collettivo, spettacolare ma non vincente, con quella radical-chic fatta di ricca individualità e di “yes, we can” del carismatico Ancelotti.
Dare al gioco bellezza, continuità e risultati contemporaneamente, per accontentare tifosi, esteti e proprietà non è stato quasi mai possibile in un campionato tatticamente esasperato come quello italiano. Nelle prossime tre gare, a cominciare da quella contro il Milan, Gattuso passi in via definitiva dal calcio astratto e delle idee a quello della cruda e rude concretezza. Che è poi il calcio che ha giocato e conosce meglio. Servono convinzione e grinta e dopo le buone prestazioni di Reggio Emilia e il successo contro il Bologna, senza illudersi di essere il Psg o il Liverpool, Gattuso e i suoi devono ritrovare quella certezza che gli ultimi episodi avevano messo in discussione: che questo Napoli con il suo ritrovato capitano e il recupero degli infortunati, con l’unità d’intenti con la società non è tutto da buttare come hanno sostenuto prefiche e uccelli di malaugurio. E il recupero di un posto in Champions è ancora possibile. Se al Meazza calerà sul tavolo del match i suoi tre assi – Insigne, Zielinski e Osimhen (o Mertens, ndr) – le speranze di inizio stagione non saranno più traguardi impossibili. Alla faccia delle grosse e grasse Cassandre di social, televisioni e radio…

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te