“Lassamo fa ’ a Ddio”?

da | Mar 6, 2021 | Cronaca

Si nun guardammo Napule sulo ’a luntano, ce accurgimmo ca ce stanno troppe ccose che nnun se ponno vedé

Ô ssòleto, quanno guardammo na situazzione ’a coppa, ’a nu pizzo àuto, ’e ccose pareno cchiù mmeglie ’e quanno ’nce stammo ’mmiézo. ’A luntano, ’nfatte, nun se vedono tante defiette e ttenimmo na veduta cchiù llarga, addò ’e particulare se perdeno int’a nna visione panurameca e spettaculosa. Ô ssoleto, però, nu’ ssempe. ’Ncopp’ô ‘Mattino’ aggio truvato n’articulo che overo fa penzà, pecché parla ’e comme po’ pparé Napule nosta si ’a guardammo ’a nu satellite. Nun se tratta ’e fantascienza. Parlammo ’e nu strumiento tecnologgeco c’ausammo quase tuttequante: ‘Google Maps’. ’E vvedute che ’st’applicazzione ce dà ’e na cità e dd’ ’e vvie e cchiazze soje, songo sì ‘virtuale’, però songo immaggene che ffotografano situazzione verace e riale. Embé, liggenno ’st’articulo, venimmo a ssapé ca Napule – a vvolo d’auciello – è na cità overamente maravigliosa e rricca ’e monumiente eccezziunale, ma chiena pure ’e munnezza, schifenzarie, casine e abbuse. ’E ffotografie ’e ‘Street View’ ce ’mmòstano ’nfatte strate affullate e ttraffecate, addò â soleta ammuina d’ ’e mmachine, camionne, pulmanne e mmotorine, s’agghiogne l’indisciplina d’ ’a gente a ppede e ’e chi venne nu poco ’e tutto comme ambulante, o tene na puteca, però occupa pure ’o spazzio ’mmiéz’â via. Pe nnu’ pparlà po’ d’ ’o fenomeno eterno d’ ’e parcheggiature abbusive…

‘Google Maps’ ce porta a gguardà chello che ssoletamente nu’ vvedimmo cammenanno, â autezza d’ommo, p’essempio centinara ’e palazze – pure chille assaje ’mpurtante e antiche – ammalurate, stunacate, cu bbarcune sgarrupate e mmarmule periculante. Ma quanno guardammo assaje cchiù vvascio – dice ll’articulo – ce truvammo annanz’a ate bbruttezze: asfarde crepate, sajittere sparafunnate, sfussecature pe ttutte parte, assaje periculose pe cchi nu’ rriesce a lle scanzà. Nun mancano maje ’e cummule ’e munnezza, pure annant’ê bidune d’ ’a differenziata, specialmente addò se vènneno cose ’a magnà, comme pizze e ppizzette, robba fritta, amburghèr e ppanuozze. Ma ll’uocchio ’e ‘Google Maps’ ce conta pure situazzione streuze e ’mbarazzante: na femmena ch’è ’nciampecata e ccaduta ’nterra, na machina d’ ’a polizzia munecipale parcheggiata ’ncopp’ô marciappiede, o n’ommo che nnun po’ ffa’ a mmeno ’e piscià mmiez’â via…
Nuje, oramaje, ce âmmo fatto l’abbitudene, però n’atu ‘spettaculo’ brutto assaje è chillo d’ ’e mmura d’ ’e palazze spisso ’nguacchiate ’a graffite, cartielle abbusive e manefieste ’ncullate a ccome vene vene. Nun se tratta d’opere d’arte comme ’e murales che stanno spuntanno a tutte parte, ma quase sempe songo scritte – sceme, scrianzate e oscene – o spiringuacchie senza valore. L’urdema cosa che nun po’ scampà a ll’uocchio satellitare è ’o scenufreggio d’ ’o ‘verde urbano ’e Napule. Arbere schiantate, abbattute o atturzate malamente, arreducennole a mmazze senza forma. Pe nnun parlà d’ ’e ciardine pubbleche abbandunate, spuorche e spisso senz’evera, quanno nun stanno pure ’nzerrate… Embé, nu’ ssempe ’e ccose, pure si songo guardate ’a luntano, pônno annasconnere tutto chello che nun va buono. Chello ch’è ssicuro è cca pe ccanoscere na cità s’ha dda scennere ’a coppa a bbascio, comme cuntaje Salvatore di Giacomo c’ ’o puemetto sujo “Lassammo fa’ a Ddio”. ’E vierze ’e ’stu pueta parlano ’e nu viaggio c’ ’o Signore vulette fa’ pe ccapì – cu ll’ajuto ’e san Pietro, comme fosse pussibbele ca Napule, nu Paraviso ’nterra, putesse addiventà nu ‘nfierno pe ttanta gente.
«Oh, qual vista gentile! / (dicette ‘o Pateterno /pusanno o’ cucchiarino) / Ma com’ è che si dice, / caro quel mio Pierino / che la Terra è infelice? / Ma guarda, guarda un po’ che movimento / che scena pittoresca e che allegria! /Via, son proprio contento… /Be’?… Pietro?… E parla, vecchio brontolone! […] Dio guardaie – spaventato. Mmiez’ ‘a strata, /stuorte, struppie, cecate, giuvene e bicchiarielle /guagliune senza scarpe / vicchiarelle appuiate a ‘e bastuncielle /scartellate, malate /e ciert’ uocchie arrussute / chine ‘e lacreme – e mane /secche, aperte, stennute… – ‘A carità!…».
Certamente mo pe mmiéz’a via nun se vedono cchiù gente struppiate e ccecate comm’a ttanno però, si nun guardammo Napule sulo ’a luntano, sicuramente ce accurgimmo ca ce stanno ancora troppe ccose che nnun se ponno vedé. Nun putimmo aspetta sulo ’e miracule p’arresorvere ’sti pprubbleme.
Lassammo fa’ a Ddio” va buono, però pure nuje âmm’ ’a fa’ ’a parta nosta.

 

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te