Ansaldo e il mitico re degli scoop

da | Mar 6, 2021 | Primo piano

Quando il direttore del Mattino chiese a Salvatore Maffei di tradurgli le parole di Truman

Quando Giovanni Ansaldo arrivò al “Mattino” si capì subito che in pochi sarebbero stati ammessi alla sua corte. Il direttore ligure seguiva le vie gerarchiche (vicedirettore, redattore capo, capo cronista…) per i rapporti con la redazione. Senonché, in occasione dell’incontro con Harry Truman, si avvicina con fare cordiale a Salvatore Maffei – che aveva lasciato da 4 anni “Il Mattino” – e l’invita a sedersi accanto a sé. Aveva visto che scambiava qualche parola in inglese con l’accompagnatore dell’ex presidente Usa (viaggio in Europa del 1956). Truman esordisce con una battuta, suscitando una risata collettiva. “Che cosa ha detto?” domanda, serio, Ansaldo a Maffei… Ecco spiegato il motivo della tardiva affabilità: non conosceva l’inglese.

Il divertente aneddoto su uno dei più grandi giornalisti del Novecento è venuto fuori in occasione del convegno-mostra per i 50 anni dalla morte del direttore per antonomasia del Mattino, organizzato, proprio da Salvatore Maffei, all’Emeroteca Tucci (nel Palazzo delle Poste in piazza Matteotti) – della quale Maffei è presidente – dove ora c’è una sala dedicata al poliedrico e prolifico giornalista (scrisse su oltre 100 testate) arredata con la libreria ch’egli si fece costruire quando arrivò a Napoli per dirigere il Mattino (1950-1965), donata all’Emeroteca dai figli.
“Il Mattino” riprendeva le pubblicazioni dopo sette anni di silenzio dal 1943 (all’indomani della Liberazione il comando alleato aveva chiuso il “Roma”, “Il Mattino” e “Il Corriere di Napoli” per la loro connivenza col fascismo concentrandoli ne “Il Risorgimento”). Era stato De Gasperi, col beneplacito di Croce, a volere Ansaldo direttore. Un personaggio controverso (1895-1969) ch’era stato battagliero antifascista e poi come tanti altri (Biagi, Bocca, Bontempelli, Longanesi, Montanelli…) per un breve periodo fascista (nel 1936 direttore de “Il Telegrafo” dei Ciano) ma sempre pagando di persona (arresti, confino, campo di concentramento) in un arco di vita comprendente tre esperienze belliche (conflitto 1915-18, in Africa nel 1935, in Dalmazia nel 1944). Senza rinnegare il passato, Ansaldo accettò l’incarico mettendo bene in chiaro che non avrebbe tollerato condizionamenti.
E con Napoli fu subito amore, un processo di identificazione tra la città e il Mattino che non avrebbe più avuto eguali. Erano i tempi di accese battaglie tra la sinistra e il partito monarchico di Lauro. Il Mattino teneva una linea centrista. Non v’era professionista che non leggesse gli editoriali di Ansaldo, che poi erano argomento di discussione. Fu quello il periodo di maggiore “influenza” del Mattino, in felice sintonia con i lettori.
L’opera omnia di Ansaldo è solo parte dei tesori racchiusi nell’Emeroteca Tucci fondata nel 1907 per esigenze professionali dal Sindacato giornalisti corrispondenti e, dopo varie traversie, salvata e arricchita grazie “alla raffinata competenza e al tenace spirito di servizio pubblico di Salvatore Maffei, maestro di giornalismo militante e cultore della memoria” nonché tecnico del diritto: nelle motivazioni dei Premi a lui assegnati, se ne evidenzia “la schiva generosità”. Il re degli scoop. Laurea in Giurisprudenza, ha lavorato anche per i quotidiani “Roma” di Napoli , “La Nazione” di Firenze, “Il Resto del Carlino” di Bologna occupandosi a lungo di cronaca giudiziaria. Figura autorevole del giornalismo nazionale.
Sulla mostra e sul convegno (relatori Ermanno Corsi, Ernesto Mazzetti, Francesco Palmieri) c’è ora un bel catalogo a cura di Maffei e della collega Stefania De Bonis, responsabile delle comunicazioni presso l’Emeroteca Tucci: una monografia fuori commercio ricca di immagini rare. L’Emeroteca, che svolge un servizio gratuito per la consultazione dei giornali, funziona anche in questo periodo (il Dpcm lo autorizza) ma con ingressi contingentati e prenotazioni via email. Lo staff risponde alle mail, che sono aumentate, e si fanno anche consulenze online.

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

Dpcm 16 gennaio, ecco tutte le regole

In vigore da oggi il nuovo decreto di gennaio: spostamenti fra regioni vietati. Norme su palestre, musei, bar, visite in due, seconde case Entra in vigore oggi 16 gennaio 2021 il nuovo Dpcm che regola le norme anti-contagio per fronteggiare il Covid-19. Gli impianti...

Coronavirus, De Luca contro tutti

Coronavirus, De Luca contro tutti

Parla di zona rosé in Campania e attacca Di Maio, Zaia, de Magistris e gli ispettori. Sulla scuola dice: Non riapriamo senza sicurezza De Luca contro tutti. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nella consueta diretta Facebook in cui fa il punto sulla...

Benvenuti nella “zona rosé”

Benvenuti nella “zona rosé”

Vincenzo De Luca in questo ultimo periodo ha chiaramente smarrito la lungimiranza e la lucidità che lo avevano caratterizzato durante tutta la prima fase dell’epidemia. È un dato di fatto incontrovertibile, checché lui ne pensi, che ancora continua a negare l’evidenza...

Campania zona rossa

Campania zona rossa

Ci sono volute solo le inoppugnabili e terrificanti scene, alcune filmate di nascosto dai malati, che certificavano il disastro del sistema sanitario ed ospedaliero della Campania per convincere il Governo, con colpevole ritardo, a decretare la Campania “zona rossa”....

La via dei presepi rischia di sparire

La via dei presepi rischia di sparire

San Gregorio Armeno è un deserto e le numerose richieste di aiuto degli artigiani a Governo e Regione sono rimaste inascoltate “Questa passeggiata che ci facciamo è un po’ strana… prima quasi maledicevo tutta la folla che si accumulava fuori al negozio perché per non...

Maradona operato con successo. I medici: “Sta bene”

A Buenos Aires Diego Armando Maradona è stato operato con successo al cervello.  "Siamo riusciti a rimuovere il coagulo di sangue. Diego ha affrontato bene l'operazione", ha detto il dottor Leopoldo Luque presso la sua clinica privata di Buenos Aires. "È sotto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te