Sassuolo-Napoli 3 a 3, suicidio azzurro a pochi secondi dalla fine

da | Mar 3, 2021 | Calcio Napoli

Sassuolo-Napoli 3 a 3, i ragazzi di Gattuso dopo aver sofferto riescono a raddrizzare la partita, ma la buttano a pochi secondi dalla fine.

Sassuolo-Napoli deve essere la partita del  riscatto per gli azzurri, la lotta per il quarto posto comprende più squadre che di certo non aspettano, Gattuso schiera tra i pali Meret mentre Manolas parte dalla panchina, dal primo minuto la difesa che non ha brillato il più delle volte ma che è riuscita a fermare la vecchia signora e i suoi “fenomeni”, quindi Rrahmani e Maksimovic con Hysaj e Di Lorenzo i terzini, panchina per Ghoulam che gradualmente sta trovando la condizione migliore. Centrocampo composto dal rientrante Demme e Ruiz con Zielinski che opera più avanzato, in attacco Insigne Politano e Mertens.

Partita bella per gli amanti del calcio, quando ci sono i gol durante un match, per gli sportivi è sempre sinonimo di divertimento, purtroppo questo non si può dire per i tifosi delle squadre di quel match, infatti il Napoli stava per portare a casa un risultato insperato, ci è andato ad un passo ma purtroppo i ragazzi di De Zerbi trovano il rigore proprio allo scadere, inguardabile la rimessa, a 20 secondi dal triplice fischio, di Di Lorenzo che da la palla ad un Bakayoko marcato stretto che non riesce a difendere la sfera e fa ripartire il Sassuolo, palla sulla fascia per Haraslin che punta Manolas, entrato da pochi minuti il difensore del Napoli aspetta prima che il calciatore neroverde entri in area, poi lo affronta fallosamente e regala letteralmente il rigore per il pareggio al Sassuolo, proprio quando non ci credeva più nessuno. Due punti buttati che sono l’emblema del Napoli in questa stagione, errori dei singoli che stanno condizionando pesantemente la posizione in classifica, ma in questa partita ci sono tantissimi rimpianti in più perchè nonostante questi errori, gli azzurri l’avevano messa sul binario giusto anche con l’aiuto della fortuna, dopo il gol annullato ad Insigne per fuorigioco millimetrico, dopo aver subito il primo gol su un colpo di testa preciso di Maksimovic, si proprio Maksimovic porta in vantaggio il Sassuolo e poi ha due occasioni di testa per fare gol nella porta giusta e le sbaglia, ma dopo anche l’errore di Hysaj che affronta Caputo con un fallo a dir poco ingenuo che regala il rigore del nuovo vantaggio ai neroverdi, il Napoli ha sbandato spaventosamente all’ora di gioco, quando prima Berardi colpisce la traversa a Meret battuto, poi Caputo calcia di potenza sul palo, sempre con il portiere azzurro battuto, la fortuna salva il Napoli e pochi minuti più tardi arriva il gol di Di Lorenzo su un assist del migliore in campo, Insigne. Si poteva, sul 2 a 2, segnare anche il terzo gol, Fabian si intromette tra Ferrari e Consigli rubando palla sul retropassaggio del difensore, ma lo spagnolo calcia debolmente permettendo la parata a Consigli. Nonostante tutto allo scadere, si riesce a trovare il rigore per il sorpasso trasformato da Insigne, ma tutto è reso vano dall’incapacità di gestire quei maledetti 20 secondi con una rimessa da battere.

Delusione per tutto il Napoli, il nervosismo la fa da padrona all’uscita dal campo, il capitano è una furia l’allenatore non è da meno, questi errori possono compromettere la ripresa di una squadra che da molto ormai non riesce ad avere la giusta continuità di risultati per raggiungere l’obiettivo stagionale.

 

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te