Piazza Dante e gli umori della città

da | Feb 27, 2021 | Primo piano

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà

Napoli città teatro, e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi è di Angelo Martino, patron dell’ormai quasi centenario ristorante “Al 53” e appassionato cultore di storia e di memorie. La vita scorre anche in tempi di Covid: “A ottobre è venuto Landini per la Whirpool. Poi c’è stata una manifestazione Lgbt ricca di musica e colori. Le proteste antiDad delle mamme. I mercatini della Coldiretti…”. Ogni giorno, insomma, stimoli e sorprese. Un luogo di incontri che riflette il fluire di una vita “comunitaria”, con presidi storici che sono un argine contro lo spirito “utilitaristico”.

Folta resta la presenza di locali ben frequentati e punti culturali. Se il ristorante “Dante e Beatrice” è caduto sotto i colpi del caro affitti, lungo l’emiciclo – oltre al tempio della gastronomia partenopea “Al 53”, cioè al civico 53 – si notano ancora, tra gli altri, la tipografia Graziani, la ditta di pianoforti Nunneri, il “Leon d’Oro” e al lato opposto dell’emiciclo la storica sede del libraio editore Tullio Pironti (e a Port’Alba l’accogliente libreria-bar dei Berisio, mentre la casa editrice Guida è ora in via Bisignano). I ristoratori non si lamentano: il Covid passerà; al cibo non si può rinunciare (intanto non va affatto male con il delivery, consegne a domicilio). Un po’ più avanti, gruppi di anziani si intrattengono sulle panchine socializzando sotto i raggi del sole. E poi, nell’ampio slargo, professionisti che discutono, studenti che parlottano e bambini che giocano sotto gli occhi delle mamme mentre un flusso incessante di italiani e stranieri va e viene dalla stazione del metrò. Un’ariosa scenografia arricchita da chioschi e bancarelle storiche (come quella dei fratelli Amodio che risale al 1906).

Un luogo che si è trasformato ma non troppo, l’ex largo del Mercatello (dove nel Settecento si svolgevano, appunto, mercati, spettacoli e persino lezioni di equitazione; ma vi si erano seppelliti i morti durante la peste del 1656). Allora era ancora “fuori le mura”. Dopo il 1754 su incarico dei Borbone fu il Vanvitelli a “sistemare” il largo così come appare ora. Vi si festeggiavano gli avvenimenti più importanti. L’ultima stagione di grandi fasti risale ai tempi della bella époque e dei café chantant (legata al periodo d’oro della canzone napoletana): tutti bar con dehors. Tra i caffè letterari più importanti, il caffè Diodato (all’angolo con vico Mastellone) e il caffè del greco Demetrio Gallo, poi ceduto nel 1874 alla famiglia Molaro (accanto all’edificio del Caravaggio e dunque al civico 88 o 92 di piazza Dante) mentre, siamo nel Novecento, in piazza Dante 88 c’era “Chez Thomas”, altro ritrovo di intellettuali e artisti, poi soppiantato da un negozio all’ingrosso e al dettaglio di banane e frutta secca ed esotica (rimasto attivo fino agli anni Ottanta) cui subentrò il Notting Hill, locale underground di musica dal vivo. Agli inizi del Duemila, in piazza Dante una fase di stravolgimento per i lavori del metrò linea 1, e poi la risistemazione (con il tocco di Gae Aulenti).

Una “agorà” più autentica (certamente meno patinata e “turistica”) di piazza del Plebiscito, in continuità con l’asse viario di via Toledo voluto nel Cinquecento da don Pedro per accompagnare l’espandersi della popolazione dal centro verso Capodimonte e zona settentrionale (via Toledo è stata la prima “tangenziale” di Napoli). Dallo scorso ottobre, in seguito alla chiusura della galleria Vittoria, in piazza Dante è stata sospesa la ZTL. “Ma una volta superati i problemi contingenti”, auspica Angelo Martino, “spero che la pedonalizzazione di via Toledo (che attualmente si ferma all’altezza della BNL dove il flusso di persone che arrivano da piazza Trieste e Trento finisce per disperdersi) sia estesa fino al Museo, anche per facilitare le visite al Museo archeologico più importante d’Europa”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te