Piazza Dante e gli umori della città

da | Feb 27, 2021 | Primo piano

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà

Napoli città teatro, e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi è di Angelo Martino, patron dell’ormai quasi centenario ristorante “Al 53” e appassionato cultore di storia e di memorie. La vita scorre anche in tempi di Covid: “A ottobre è venuto Landini per la Whirpool. Poi c’è stata una manifestazione Lgbt ricca di musica e colori. Le proteste antiDad delle mamme. I mercatini della Coldiretti…”. Ogni giorno, insomma, stimoli e sorprese. Un luogo di incontri che riflette il fluire di una vita “comunitaria”, con presidi storici che sono un argine contro lo spirito “utilitaristico”.

Folta resta la presenza di locali ben frequentati e punti culturali. Se il ristorante “Dante e Beatrice” è caduto sotto i colpi del caro affitti, lungo l’emiciclo – oltre al tempio della gastronomia partenopea “Al 53”, cioè al civico 53 – si notano ancora, tra gli altri, la tipografia Graziani, la ditta di pianoforti Nunneri, il “Leon d’Oro” e al lato opposto dell’emiciclo la storica sede del libraio editore Tullio Pironti (e a Port’Alba l’accogliente libreria-bar dei Berisio, mentre la casa editrice Guida è ora in via Bisignano). I ristoratori non si lamentano: il Covid passerà; al cibo non si può rinunciare (intanto non va affatto male con il delivery, consegne a domicilio). Un po’ più avanti, gruppi di anziani si intrattengono sulle panchine socializzando sotto i raggi del sole. E poi, nell’ampio slargo, professionisti che discutono, studenti che parlottano e bambini che giocano sotto gli occhi delle mamme mentre un flusso incessante di italiani e stranieri va e viene dalla stazione del metrò. Un’ariosa scenografia arricchita da chioschi e bancarelle storiche (come quella dei fratelli Amodio che risale al 1906).

Un luogo che si è trasformato ma non troppo, l’ex largo del Mercatello (dove nel Settecento si svolgevano, appunto, mercati, spettacoli e persino lezioni di equitazione; ma vi si erano seppelliti i morti durante la peste del 1656). Allora era ancora “fuori le mura”. Dopo il 1754 su incarico dei Borbone fu il Vanvitelli a “sistemare” il largo così come appare ora. Vi si festeggiavano gli avvenimenti più importanti. L’ultima stagione di grandi fasti risale ai tempi della bella époque e dei café chantant (legata al periodo d’oro della canzone napoletana): tutti bar con dehors. Tra i caffè letterari più importanti, il caffè Diodato (all’angolo con vico Mastellone) e il caffè del greco Demetrio Gallo, poi ceduto nel 1874 alla famiglia Molaro (accanto all’edificio del Caravaggio e dunque al civico 88 o 92 di piazza Dante) mentre, siamo nel Novecento, in piazza Dante 88 c’era “Chez Thomas”, altro ritrovo di intellettuali e artisti, poi soppiantato da un negozio all’ingrosso e al dettaglio di banane e frutta secca ed esotica (rimasto attivo fino agli anni Ottanta) cui subentrò il Notting Hill, locale underground di musica dal vivo. Agli inizi del Duemila, in piazza Dante una fase di stravolgimento per i lavori del metrò linea 1, e poi la risistemazione (con il tocco di Gae Aulenti).

Una “agorà” più autentica (certamente meno patinata e “turistica”) di piazza del Plebiscito, in continuità con l’asse viario di via Toledo voluto nel Cinquecento da don Pedro per accompagnare l’espandersi della popolazione dal centro verso Capodimonte e zona settentrionale (via Toledo è stata la prima “tangenziale” di Napoli). Dallo scorso ottobre, in seguito alla chiusura della galleria Vittoria, in piazza Dante è stata sospesa la ZTL. “Ma una volta superati i problemi contingenti”, auspica Angelo Martino, “spero che la pedonalizzazione di via Toledo (che attualmente si ferma all’altezza della BNL dove il flusso di persone che arrivano da piazza Trieste e Trento finisce per disperdersi) sia estesa fino al Museo, anche per facilitare le visite al Museo archeologico più importante d’Europa”.

 

 

 

 

 

 

 

 

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te