Piazza Dante e gli umori della città

da | Feb 27, 2021 | Primo piano

Luogo di incontri, commerci, feste e proteste. Gli imprenditori storici, presidi di civiltà

Napoli città teatro, e piazza Dante ne è uno dei più vivaci palcoscenici, “contenitore” che accoglie e rappresenta fatti e misfatti di una intera comunità. La lucida sintesi è di Angelo Martino, patron dell’ormai quasi centenario ristorante “Al 53” e appassionato cultore di storia e di memorie. La vita scorre anche in tempi di Covid: “A ottobre è venuto Landini per la Whirpool. Poi c’è stata una manifestazione Lgbt ricca di musica e colori. Le proteste antiDad delle mamme. I mercatini della Coldiretti…”. Ogni giorno, insomma, stimoli e sorprese. Un luogo di incontri che riflette il fluire di una vita “comunitaria”, con presidi storici che sono un argine contro lo spirito “utilitaristico”.

Folta resta la presenza di locali ben frequentati e punti culturali. Se il ristorante “Dante e Beatrice” è caduto sotto i colpi del caro affitti, lungo l’emiciclo – oltre al tempio della gastronomia partenopea “Al 53”, cioè al civico 53 – si notano ancora, tra gli altri, la tipografia Graziani, la ditta di pianoforti Nunneri, il “Leon d’Oro” e al lato opposto dell’emiciclo la storica sede del libraio editore Tullio Pironti (e a Port’Alba l’accogliente libreria-bar dei Berisio, mentre la casa editrice Guida è ora in via Bisignano). I ristoratori non si lamentano: il Covid passerà; al cibo non si può rinunciare (intanto non va affatto male con il delivery, consegne a domicilio). Un po’ più avanti, gruppi di anziani si intrattengono sulle panchine socializzando sotto i raggi del sole. E poi, nell’ampio slargo, professionisti che discutono, studenti che parlottano e bambini che giocano sotto gli occhi delle mamme mentre un flusso incessante di italiani e stranieri va e viene dalla stazione del metrò. Un’ariosa scenografia arricchita da chioschi e bancarelle storiche (come quella dei fratelli Amodio che risale al 1906).

Un luogo che si è trasformato ma non troppo, l’ex largo del Mercatello (dove nel Settecento si svolgevano, appunto, mercati, spettacoli e persino lezioni di equitazione; ma vi si erano seppelliti i morti durante la peste del 1656). Allora era ancora “fuori le mura”. Dopo il 1754 su incarico dei Borbone fu il Vanvitelli a “sistemare” il largo così come appare ora. Vi si festeggiavano gli avvenimenti più importanti. L’ultima stagione di grandi fasti risale ai tempi della bella époque e dei café chantant (legata al periodo d’oro della canzone napoletana): tutti bar con dehors. Tra i caffè letterari più importanti, il caffè Diodato (all’angolo con vico Mastellone) e il caffè del greco Demetrio Gallo, poi ceduto nel 1874 alla famiglia Molaro (accanto all’edificio del Caravaggio e dunque al civico 88 o 92 di piazza Dante) mentre, siamo nel Novecento, in piazza Dante 88 c’era “Chez Thomas”, altro ritrovo di intellettuali e artisti, poi soppiantato da un negozio all’ingrosso e al dettaglio di banane e frutta secca ed esotica (rimasto attivo fino agli anni Ottanta) cui subentrò il Notting Hill, locale underground di musica dal vivo. Agli inizi del Duemila, in piazza Dante una fase di stravolgimento per i lavori del metrò linea 1, e poi la risistemazione (con il tocco di Gae Aulenti).

Una “agorà” più autentica (certamente meno patinata e “turistica”) di piazza del Plebiscito, in continuità con l’asse viario di via Toledo voluto nel Cinquecento da don Pedro per accompagnare l’espandersi della popolazione dal centro verso Capodimonte e zona settentrionale (via Toledo è stata la prima “tangenziale” di Napoli). Dallo scorso ottobre, in seguito alla chiusura della galleria Vittoria, in piazza Dante è stata sospesa la ZTL. “Ma una volta superati i problemi contingenti”, auspica Angelo Martino, “spero che la pedonalizzazione di via Toledo (che attualmente si ferma all’altezza della BNL dove il flusso di persone che arrivano da piazza Trieste e Trento finisce per disperdersi) sia estesa fino al Museo, anche per facilitare le visite al Museo archeologico più importante d’Europa”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te