Briganti o complici: decidiamo che popolo vogliamo essere Il futuro sindaco si comporterà di conseguenza

da | Feb 27, 2021 | editoriale

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro. E non a caso, il libro era un viaggio nei paradossi della città, nel marcio che c’era nelle istituzioni cittadine, negli errori commessi da chi avrebbe dovuto dare il buon esempio, nell’assurdità di certi comportamenti messi in atto da chi amministra la città. Totò avrebbe detto: “Lo so che chi amministra amminestra, ma lei amico caro, si è pappato tutto il minestrone!”. Ed è quello che è accaduto negli ultimi cinque anni. Non solo i napoletani non hanno avuto il rigurgito di dignità che mi aspettavo da loro, ma oggi sembrano ancor di più rassegnati a vivere e convivere con i disservizi, con la corruzione e con un sistema di potere che tiene in trappola la città. L’unico moto di orgoglio che c’è stato nel popolo partenopeo è stato quello neoborbonico, è stato quello dei tifosi offesi dal “Vesuvio lavali col fuoco” cantato negli stadi, è stato quello (tardivo) nei confronti dei piemontesi che hanno scippato le nostre terre e di chi parla e sparla in tv di Napoli senza conoscerla. Bene.

Diamo addosso agli altri. Ma dov’è la reazione, anzi la ribellione, nei confronti di chi governa e si dimentica della nostra città e di tutto il Sud, di chi gestisce gli appalti pubblici e soddisfa solo il suo ventre, di chi spara in mezzo alle strade uccidendo innocenti e per questo si crede “guappo”. Dove sono i tanti “masaniello” di oggi che dietro la tastiera del computer predicano bene e poi nella vita reale razzolano male? Due anni dopo l’uscita di “Paradossopoli”, scrissi un altro libro di inchiesta. Il titolo è molto diretto: “Che s’addà fa’ pe’ murì! Affari e speculazioni sui morti a Napoli”. Il tema del libro, oggi, quattro anni dopo, è divenuto attuale con la Procura che ha avviato indagini sulle operazioni commerciali che si compiono nei cimiteri cittadini e con il Comune di Napoli che ha addirittura chiesto a cento famiglie di liberare le loro cappelle perché, oggi, si accorge che forse gli acquisti non sono proprio regolari. Ma dov’era il Comune quattro anni fa? Nel mio libro-denuncia spiegavo che novemila morti all’anno, a Napoli, garantiscono un giro d’affari illecito tanto enorme quanto raccapricciante e che cartelli organizzati di privati e ditte funebri sapevano come lucrare su di esso.

Cadaveri che spariscono nel nulla, tombe profanate e rivendute, ossa che vengono spostate da una nicchia all’altra, morti che viaggiano di nascosto nelle ambulanze. L’inchiesta mirava a fare luce sul malaffare e la speculazione che circondano il mercato dei funerali, dei loculi e delle cappelle gentilizie. Anche quando ho pubblicato questo libro, nutrivo la speranza che i napoletani si sarebbero ribellati a chi li ricattava finanche nel momento del dolore per la morte di un parente. Ed invece no: si è continuato ad andare avanti, un po’ anche per ignoranza nella materia, favorendo il malaffare di chi specula sulla morte. Ora tutti sono concentrati su chi sarà il nuovo sindaco ma io credo che sia più importante stabilire quale sarà il nuovo popolo napoletano. Quello che prende le distanze dalla camorra, dal malaffare e dai politici corrotti oppure quello che fa finta di non vedere ciò che succede accanto a lui e poi rivendica l’orgoglio di essere partenopeo solo allo stadio oppure nei confronti di chi vive al Nord? Decidete prima questo e poi quale sindaco votare. Se volete essere come i briganti che difendono la nostra terra siatelo sempre, ogni giorno. In ogni occasione della vostra vita. Altrimenti sarete complici e non vittime della criminalità, dei disservizi e del degrado che rovinano Napoli. Decidiamo, insomma, che popolo vogliamo essere. Vi assicuro che il futuro sindaco si comporterà di conseguenza.

di Alessandro Migliaccio

Napoli centro, a lavoro nei bar senza mascherina: sanzionati

Napoli centro, a lavoro nei bar senza mascherina: sanzionati

I carabinieri della Compagnia Centro non abbassano la guardia e continuano senza sosta i controlli nei quartieri del cuore della città. Attenzione alta ancora per il rispetto delle norme anti-contagio. Sanzionato il titolare di un bar in Via Santa Chiara. I due...

Nola, dispersione scolastica: carabinieri denunciano tre genitori

Nola, dispersione scolastica: carabinieri denunciano tre genitori

I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli sono da sempre in prima linea nel contrasto alla dispersione scolastica. I militari dell’Arma, in una forte sinergia con le scuole presenti sul territorio e con la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli,...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Chiude Benincasa, il maestro del babà

Chiude Benincasa, il maestro del babà

La crisi dovuta all’epidemia e l’inesorabile incidenza dell’anagrafe hanno provocato un’altra chiusura illustre nel panorama commerciale napoletano e del Vomero in particolare. Ha abbassato le serrande in questi giorni la pasticceria Benincasa di via Suarez, un punto...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Il geologo Caniparoli  e le cause delle voragini

Il geologo Caniparoli e le cause delle voragini

Naturalmente non mancano i commenti sui social in merito al crollo al cimitero di Poggioreale. Per il geologo Riccardo Caniparoli, la causa dei crolli è la subsidenza (abbassamento del terreno dovuto a cause naturali o all’attività dell’uomo). Secondo Caniparoli, che...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

La metro a singhiozzo

La metro a singhiozzo

Corse a rilento, tratta limitata Piscinola-Dante e assenza di biglietti in stazione: il servizio di trasporto pubblico ha offerto un’altra pagina nera ai napoletani e ai turisti che, nonostante tutto, affollano anche in questi giorni la città. Tanti di loro, però,...

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

San Giovanni a Teduccio, inaugurato un nuovo hub vaccinale

La campagna vaccinale per la fascia di età 5 – 11 anni continua presso gli Istituti Comprensivi della Città di Napoli. Ieri, alla presenza del Vicesindaco con delega all’istruzione Maria Filippone, della Preside Teresa Sasso e dei Docenti delll’Istituto Sarria – Monti...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te