Napoli, iniziati i lavori per il ripristino del parapetto di via Partenope

da | Feb 22, 2021 | Cronaca

Sono iniziati questa mattina i lavori per il ripristino del parapetto di via Partenope danneggiato dalla mareggiata del 28 dicembre scorso.

L’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, accompagnata dagli Uffici Comunali e dalla Direzione dei Lavori, ha visitato l’area di
cantiere con la ditta esecutrice dei lavori che ha allestito l’area ed iniziato le lavorazioni. La violenza della mareggiata ha fortemente
danneggiato la base del parapetto, il cosiddetto muro parabolico, scalzando il rivestimento in pietra vesuviana ed erodendo il terrapieno
sottostante il marciapiede. Un danno ingente e importante, non visibile dalla strada. La ditta esecutrice dei lavori sta ora recuperando i
materiali, di elevato pregio, divelti dalla mareggiata e trasportati dalla violenza del mare sulla scogliera e in acqua per essere lavorati e
di nuovo reimpiegati per il ripristino del rivestimento del muro e del parapetto. I lavori continueranno per i prossimi due mesi e prevedono il
restauro del muro parabolico, il ripristino del parapetto, la demolizione del marciapiede, il riempimento della cavità scavata dalla
mareggiata, il rifacimento del marciapiede e degli arredi. L’intervento è stato previsto con la delibera di Giunta Comunale dello scorso 12
febbraio per circa 230 mila euro.
Nella mattinata l’Assessore Clemente si è recata anche in via Ulderico Masoni dove sono iniziati i lavori per il rifacimento della strada, in
continuazione dell’intervento già ultimato. I lavori, iniziati in corrispondenza di via Santa Maria ai Monti, prevedono la sostituzione
della pavimentazione in cubetti di pietra con una più moderna e funzionale in conglomerato bituminoso. I lavori dureranno
complessivamente due mesi.
Successivamente si è svolto anche un altro sopralluogo degli Assessori Clemente e Gaudini al cantiere di piazza Carlo III. I lavori, molto
complessi per l’elevata interazione con il traffico veicolare, prevedono il rifacimento della pavimentazione in cubetti di pietra.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te