Tumori: “raro” non vuol dire incurabile. Speranze per terapie su misura contro osteosarcoma e sarcomi

da | Feb 21, 2021 | Salute

Le persone con tumore raro sono circa 5 milioni in Europa e 900mila in Italia. I tumori rari riconosciuti sono 198 e rappresentano il 24% di tutti i nuovi casi di tumore. Raro, però, non vuol dire incurabile, anche se secondo i dati del registro dell’Associazione Italiana Registro Tumori (AIRTUM), la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è del 68% per i tumori comuni e del 55% per quelli rari, alcune forme hanno percentuali di guarigione o di controllo della patologia, superiori ai tumori più diffusi. Tuttavia la diagnosi arriva spesso in ritardo.
“La rarità di queste ed altre forme tumorali rappresenta una duplice sfida. Da un lato per la difficoltà di effettuare la diagnosi o di incontrare medici veramente esperti nella scelta e nella gestione della terapia, legata anche alla mancanza di studi clinici su numeri elevati di pazienti, come per esempio per il tumore del polmone o della mammella. Dall’altro, proprio perchè l’esiguo numero di pazienti con queste patologie, rende spesso meno attraente per il mondo della ricerca farmacologica investire ingenti somme di denaro per un numero così piccolo di persone potenzialmente interessate – spiega Anna Sapino, Direttore Scientifico dell’IRCCS di Candiolo –  Nell’ambito della ricerca pre-clinica e clinica queste difficoltà sono state affrontate creando reti collaborative a livello regionale, nazionale ed internazionale così da riuscire a superare almeno in parte la complessità intrinseca a questo eterogeneo gruppo di malattie oncologiche”. Ma ovviamente questo non basta. Occorre trovare nuove vie per l’approccio a queste neoplasie attraverso la ricerca per personalizzare le cure e proprio questo è l’obiettivo dell’IRCCS di Candiolo. La sfida si vince attraverso la ricerca: gli scienziati dell’Istituto si sono concentrati in particolare sui sarcomi che colpiscono muscoli, ossa, tessuto adiposo e vasi sanguigni, attraverso la creazione di un’équipe multidisciplinare plurispecialistica che ha garantito i migliori standard di cura anche per i pazienti affetti da queste forme di tumore inserendosi nel contesto di collaborazioni nazionali ed internazionali. “Grazie a questo lavoro l’Istituto è divenuto protagonista nel panorama della ricerca scientifica e clinica per individuare nuove strategie di cura in diversi ambiti: nell’osteosarcoma introducendo la terapia a bersaglio molecolare; nel trattamento dei sarcomi dei tessuti molli con combinazioni di terapia che uniscono farmaci a bersaglio molecolare alla chemioterapia ed all’immunoterapia – spiega la Sapino – La presenza tra i Centri di ricerca internazionali ha permesso a molti pazienti seguiti presso il Centro di Candiolo di accedere, attraverso la partecipazione a studi clinici, a farmaci innovativi nella cura dei tumori rari prima ancora che queste molecole divenissero parte della normale pratica clinica”.
Pascale, doppio intervento in un sol tempo su paziente 81enne

Pascale, doppio intervento in un sol tempo su paziente 81enne

Affetto da tumore del colon e con metastasi al fegato, all’Istituto dei tumori di Napoli gli evitano due operazioni. E grazie alla robotica l’uomo torna a casa dopo soli 5 giorni Due equipe insieme, un intervento durato 5 ore, un paziente complesso di 81 anni, affetto...

Cannabis light: in Italia è legale o no?

Cannabis light: in Italia è legale o no?

Nonostante in materia ci sia ancora molta confusione, ormai sempre più italiani sembrano capire ma soprattutto apprezzare i prodotti derivanti dalle inflorescenze o dalla resina della marijuana, o cannabis. Per saperne di più sui benefici di questi prodotti, clicca su...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

L’esposizione al sole è fondamentale come medicina naturale sia per grandi che per piccini, ha davvero molti diversi benefici. Pensare solamente che già solo far entrare il sole nelle nostre case dalle finestre la mattina ha un forte potere rigenerante e tonico,...

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Primo intervento in Europa da quando il dispositivo ha superato la fase di sperimentazione clinica È stato impiantato all’Ospedale Monaldi di Napoli, per la prima volta in Europa dopo la fase di sperimentazione clinica, il primo cuore bioartificiale totale Carmat...

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Con oltre 50 protocolli attivi e centinaia di donne arruolate, Michelino de Laurentiis ha aperto nei giorni scorsi due nuovi studi. Unico, ad oggi, a livello internazionale l’Istituto dei tumori di Napoli sperimenterà farmaci innovativi nell’ambito di questi nuovi...

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica 27 giugno si terrà la seconda edizione dell’evento “La pedalata del cuore”. La manifestazione nasce con il chiaro intento di sensibilizzare le persone, incentivando l’attività fisica e promuovendo, nell’occasione, una passeggiata in bicicletta. “Se ascolto il...

Viaggi della speranza? Anche no!

Viaggi della speranza? Anche no!

In tempo di pandemia, in Campania si riscoprono le eccellenze per la cura delle patologie cardiovascolari Nel 2020 si è registrata una diminuzione dei viaggi della speranza verso le regioni del Nord per quel che riguarda gli interventi relativi all’apparato...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te