Napoli, controlli anti-Covid: raffica di sanzioni. Al Vomero pub con dipendenti in nero e 15 clienti

da | Feb 21, 2021 | Cronaca

Il comando provinciale Carabinieri di Napoli ha previsto per il sabato appena trascorso un dispiegamento di militari in tutta la città volgendo particolare attenzione nelle zone della movida e dello “struscio” cittadino.

I Carabinieri della compagnia Napoli centro hanno setacciato le strade.
Sono 119 i cittadini identificati di cui oltre 40 con precedenti e 36 i veicoli controllati.
Tre i parcheggiatori abusivi denunciati a piede libero e 5 ragazzi segnalati alla prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti.

Massimo l’impegno profuso per il rispetto delle normative anti-contagio:
Ben 104 le sanzioni in totale e 3 locali chiusi.

I carabinieri della compagnia Napoli bagnoli hanno sanzionato per mancato uso della mascherina alcuni cittadini nei pressi degli chalet e del lungomare Mergellina.

Al Vomero è passata da poco la mezzanotte, i carabinieri della locale compagnia – allertati dal 112 – sono intervenuti presso un pub di via Malatesta.
Lì, i militari hanno sorpreso e sanzionato 15 persone che stavano cenando oltre l’orario consentito.
La titolare è stata denunciata per omessa visita medica ai 5 dipendenti presenti che erano in “nero”. Locale chiuso per 5 giorni, imprenditrice e dipendenti sanzionati.

Carabinieri impegnati nei controlli anche nell’area Flegrea. I militari della locale compagnia hanno arrestato per spaccio un cittadino di origine africana sorpreso a bordo della sua auto nell’atto di cedere una sostanza stupefacente di tipo eroina a un acquirente segnalato alla Prefettura.
79 persone identificate, 13 di queste sono state sanzionate perché non indossavano la prevista mascherina.
45 i veicoli controllati, 4 mezzi sono stati sequestrati.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te