’Nce vurrìa nu miraculo?

da | Feb 20, 2021 | Cultura&Spettacolo

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’

Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e chillu santo, mutivo pe nna dimustrazzione ’e prutesta tenuta ’ncopp’ô ponte d’ ’a Sanità. ’O ponte che Francesco Ruotolo (n’ecopacifista muorto a nnuvembre passato) se battette pe ffa’ ’ntitulà a Maddalena Cerasuolo, partiggiana d’ ’e Quatto Jurnate, addò se songo arraunate nu cuofeno ’e gente, cuntrarie ô fatto ca ’o ‘San Gennaro’ sta sempe ’nzerrato. ’A prutesta era urganizzata d’ ’e “Bbrigate medeche e ssulidale Francesco Ruotolo”, gruppo ’e miedece e ccetatìne che ddenunziano ’o scenufreggio d’ ’a sanità pubbleca e ’a mala sciorta d’ ’o spitale fantasima ’e nu rione che sse chiamma propio… Sanità.

Nun se po’ suppurtà – diceno ’e Cumitate – c’ ’a Reggione Campania e ll’Asl Na1 cuntinuano a sse ’ntallià, ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’a struttura e nnu’ ddecideno che ffuturo tene, pure mo ca stammo int’a na grossa emergenza sanitaria. So’ passate anne ’a quanno ’o “San Gennaro” fuje chiuso pe sparagnà sorde, fegnenno ca ll’avevan’ ’a mettere a pposto e rriconvertì, ma arreducennolo a nna scatula vacante, cu nu favezo prontoseccurzo senza pussibbeletà ’e ricoverà a nnisciuno. E ttutto a ffavore d’ ’a sanità privata, mentre nu quartiere populare e cchieno ’e necessità nu’ ttene nu presidio spitaliero, comme ’a cinc’anne denunzia ’o missiunario padre Alex Zanotelli.
’O “San Gennaro” è assaje cchiù ’e nu semplice spitale, ma ’a storia soja, antica e ccumplicata, poche napulitane ’a sapeno overamente. Tutto accummenciaje quanno ô 1282 muonace benedettine funnajeno nu cunvento sott’â cullina ’e Capemonte, che doppo diece anne ffuje trasfurmato d’ ’e Cavaliere Templare int’a nnu spitale p’ ’e puverielle, azzicco â Basileca paleocristiana ’e “San Gennaro extra moenia”. Ô ’500 addeventaje nu lazzaretto pe ll’appestate, che pperò fuje rimpiazzato d’ ’o “Spitale ’e ll’Incurabbile”, funnato ’a Maria Longo a Ccaponapule. Accussì fuje cagnato ancora int’a na struttura d’assistenza p’ ’a gente povera e pp’ ’e gguaglione ‘sedotte’ e abbandunate.

’Ste ggiovane sbenturate, ô 1631, fujeno sestimate int’a ll’ospizzio novo ’e San Gennaro a Mmaterdei e accussì “San Gennaro e ssan Pietro” turnaje a essere nu lazzaretto. Ma ô 1735 Carlo ’e Burbone ’o ffacette addiventà nu ‘Reggio Spitale’ e pe ttramente ’e giuvene puverielle, mascule e ffemmene, fujeno ssestimate int’ô “Riale Albergo d’’e Povere”, ditto pure ’o “Serraglio”.
A ll’Ottuciento, Giacchino Murat penzaje buono ’e piazzà dint’ô “San Gennaro” pperzone vecchie povere e struppiate, ausate pure p’accumpagnà ll’esequie, e ’mmece ’e giuvene fujeno spustate int’a Rretire e educandate d’ ’a Cità.
Doppo fatte paricchie accunciamiente d’ ’a vecchia struttura, passata ’a siconna guerra mundiale, lloco fuje criato nu ’mpurtante spitale psichiatreco, ’ntitulato ô duttore Gustavo Morvillo, siconna struttura dopp’ ’a “Neurodeliri” ’e Milano. Ô 1978, pe vvia d’ ’a legge Basaglia che ’nzerraje ’e manicomie, ’o “San Gennaro” fuje ricunvertito int’a nu centro aperto p’ ’a neuro-psichiatria e, dopp’ancora, turnaje spitale, cu nu prontoseccurzo p’ ’e ffemmene che s’avevan’ ’a sgravà. ’Sta longa e ttravagliosa storia ce fa capì che, int’a otto secule, ’o “San Gennaro” nun trovaje pace, passanno ’a spitale cruciato a llazzaretto; ’a retiro p’ ’e giuvene abbandunate a ospizzio p’ ’e viecchie puverielle e ppure a mmanicomio.
E nnun ha ttruvato pace manco chella maravigliosa Basileca rumaneca: primma sacchiata, po’ ausata malamente comm’a nnu deposito d’ ’o Spitale, e ppure mo scurdata, comme si fosse sulo na depennenza d’ ’e cchiù ffamose Catacombe. Embé, ce sta chi penza ca putimmo sulo dicere: “San Gennà, pienzace tu!”. Però chi vo’ bene a Nnapule nun s’ha dda rassignà a ’stu degrado e ppirciò – comme spiecajeno buono Francesco Ruotolo e ppadre Zanotelli, s’ha dda luttà pe ffa’ valé ’e deritte d’ ’a gente, accummincianno ’a chello â salute.

 

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te