Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

da | Feb 20, 2021 | Cultura&Spettacolo

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i più grandi intellettuali che la Città abbia partorito negli ultimi cinquant’anni. Volendo tracciare un rapido ritratto premetto che Isotta era, senza dubbio, il maggiore musicologo italiano; musicologo e critico per la precisione, ma con una vena letteraria capace di rendere avvincenti le più severe pagine di musicologia. Per il suo riconosciuto acume critico gli fu chiesta da Montanelli in persona una collaborazione stabile per l’appena fondato “Giornale ”, per il quale scrisse per circa sette anni a partire dal ‘74. Poi nel 1980 diede inizio ad una lunga collaborazione con “Corriere della Sera”, che ebbe durata trentennale e terminò, bruscamente, nel 2015 quando la severità delle sue osservazioni urtò le suscettibilità di personaggi che si credevano aprioristicamente eccellenti. Il suo impegno ebbe poi altre proficue collaborazioni fino a tempi recenti, come quella con “Libero” e con “Il fatto quotidiano”. Copiosa anche la produzione saggistica che ha avuto estimatori come il filosofo inglese Isaiah Berlin, il germanista Giorgio Zampa, il compositore musicologo Roman Vlad (ed altri). Stante la premessa possiamo solo aggiungere che numerosi suoi titoli sono annoverati tra le opere di primo piano della letteratura italiana.

Tra i libri più belli di Isotta piace ricordare l’ormai raro “I sentieri della musica”, pubblicato nel 1978 da Mondadori; numerose monografie di musicisti come quelle su Donizetti, Paisiello, Verdi, Wagner; un’avvincente storia dei Conservatori napoletani, De Parthenopes musices disciplina. Edizioni Artem 2018. Tra le opere di maggiore diffusione, che rappresentano anche la stabile collaborazione editoriale con l’editore Marsilio, ricordiamo “Altri canti di Marte” del 2015; “Il canto degli animali”, 2017, e il recentissimo “La virtù dell’elefante”, summa della sua esperienza umana. Nella sua indefessa attività, il raffinato saggista aveva però concepito un’opera ulteriore: un saggio intitolato “San Totò”, dedicato al personaggio di cui Isotta era estimatore, e che purtroppo non potrà vedere. Il libro – che si prospetta assai bello – uscirà il mese prossimo nella collana “Specchi” del medesimo editore Marsilio.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te