Corso Malta, sorpresi a festeggiare in un residence: sanzionate 46 persone e denunciato il titolare

da | Feb 14, 2021 | Cronaca

Stanotte gli agenti dei Commissariati Poggioreale, Ponticelli, San Giovanni-Barra e Vasto Arenaccia, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in corso Malta per una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti da un residence.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno udito forti rumori e diverse voci provenienti dall’interno dello stabile e alcune persone ferme all’ingresso che, alla loro vista, sono rientrate rapidamente in direzione dei piani superiori; vi era inoltre un uomo, identificato poi nel gestore della struttura, che ritardava l’apertura della porta d’ingresso nonostante gli fosse stato intimato più volte.

Una volta entrati, non senza difficoltà, gli operatori hanno ispezionato le camere della struttura in cui hanno sorpreso 46 persone, molte delle quali stipate in un’unica stanza, accertando che era in corso una festa; tutti i presenti sono stati sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19.
Inoltre, in alcune stanze della struttura, gli agenti hanno rinvenuto un involucro di cocaina, una stecca di hashish e una bustina contenente marijuana.

Il gestore del locale, alla richiesta di fornire i nominativi, ha ammesso di non aver registrato alcun ospite e di aver soltanto annotato sommariamente a penna i nominativi su un foglio; l’uomo, un 42enne napoletano con precedenti di polizia, è stato denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e per mancata comunicazione delle persone alloggiate all’AutoritĂ  di Pubblica Sicurezza, nonchĂ© sanzionato per inottemperanza alle misure anti Covid-19; infine, è stata disposta  la chiusura della struttura per 5 giorni.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te