Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

da | Feb 13, 2021 | Cultura&Spettacolo

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo

Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500 Cinìse che stanno ’nCampania, cchiù ’e 9.500 sulo a Nnapule e ppruvincia. ’Nfatte, accummincianno d’ ’e cinch’ ’e sera ’e miercurì 11 ’e febbraro, festiggiajeno pure a Nnapule ’o Capo ’e ll’Anno lloro, cu nn’evento urganizzato ’a ll’Istituto ‘Confucio’ e ll’assuciazzione ‘Ciao Cina’, patrucinato d’ ’o Cumune ’e Napule. ’Nc’è stato pure nu bellu spettaculo cu ccanzone cinese e nnapulitane, balle cu ’e ttammorre e nnu cullegamento cu Ppechino e Wuhuan. Ll’aurie d’ ’a Cetà ’e Napule l’hanno purtate ’o Sinneco de Magistris, ’o Presidente d’ ’a 2^ Munecepaletà Chirico e ’e Diretture d’ ’o Museo Archeologgico, Giulierini, e chillo ’e Capemonte, Bellenger.

Mo quaccuno se starrà addimannanno: va buono, però che cce azzeccammo nuje Napulitane cu ll’ausanze e rricurrenze d’ ’e Cinìse? E ’mmece c’azzeccammo, pe vvia ca ’sta cummunetà tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante. Na storia accummenciata ô XVIII seculo, quanno nu prevete ebbolitano, don Matteo Ripa, jette missiunario cattolico â Cina, addò rummanette a ppredecà ’o Vangelo cchiù ’e 12 anne, d’ ’o 1711 ô 1723, faticanno â corte ’e ll’Imperatore pure comme pittore e rrammàro. Quann’isso turnaje a Nnapule, cu ati quatto prievete cinìse e nnu masto ’e lengua mannarìna, ô 1724 prencipiaje a ccustituì ’o ‘Riale Culleggio d’ ’e Cinìse’, addò se furmavano chille che vvulevano ji’ missiunarie â Cina, ma studiajeno pure giuvene lucale, comme Alfonso de’ Liguori.
Stabbeluto int’ ’a nu Munasterio ulivetano – e addiventato appriesso ‘Riale Culleggio Asiatico’ – l’istituto funnato ’a don Matteo Ripa, pe vvia d’ ’a riforma d’ ’o Ministro Francesco De Sanctis, ô seculo XIX cagnaje n’ata vota nomme e nnatura, trasfurmannose int’a chillo ‘Istituto Urientale’ che ffuje ’a primma unniversità int’ ’o munno sano addò se studiavano (e sse studiano ancora…) ’e llengue cinese e ggiappunese. Propio pe cchesto ’a Nnapule, int’ ’o quartiere Stella ce sta ancora na via chiammata ‘Sagliuta d’ ’e Cinìse’, che pporta a cchella villa d’ ’o seculo XVI, po’ cunvento ulivetano e Cchiesia ‘d’ ’a Sacra Famiglia’, che Ripa facette addiventà ‘Culleggio d’ ’e Cinise’.
Nun ce scurdammo pure che ll’arte urientale è ppresente a Nnapule int’â bella ‘Sala Cinese’ d’ ’a Reggia ‘e Puortece e cca cullezzione ’e purcellane d’ ’a Cina e d’ ’o Giappone se trovano int’a ll’ate palazze riale napulitane e specialmente ô Museo ‘Duca di Martina’, ô Ciardino vommerese d’ ’a ‘Floridiana’. Nun scurdammo manco ’a tradezzione urientale ’e ll’arte marziale, che a Nnapule cuntinua int’ ’e ppalestre addò nu cuofeno ’e guagliune/one– ’struìte ’a maste famuse – se so’ ffurmate a ccumbattere aggrazziatamente, ’mparannose ’e mmosse ’e Karate, Kung Fu, Ju-Jutsu e Ttai-Chi. ’A cummunetà cinese, però, fa parte d’ ’a cità nosta ’ncopp’a ttutto p’ ’o settore cummerciale, cu mmercate gruosse assaje a Ppunticielle, ma pure cu nu cuofeno ’e puteche e rristurante urientale â Duchesca, ô Vommero e int’a ll’ate quartiere.
Embè, apprufittammo d’ ’a festa d’ ’o Cap’ ’e ll’Anno Cinese pe ccanoscere e ppratteccà cchiù mmeglio ’sta cummunetà, che ttene na cultura e n’arte assaje antiche e na lengua e lletteratura che pputimmo ancora studià, propio grazzie a cchillu missiunario nuosto, ’o primmo che ffuje capace d’arapì na via overamente nova e gglubbale, riuscenno a ppurtà ’o Vangelo ê Cinise e ’a civiltà cinese a Nnapule!

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te