Il giorno del ricordo

da | Feb 13, 2021 | Cronaca

Foibe: quando Napoli accolse i profughi nel bosco reale di Capodimonte

Due settimane fa s’è celebrato il “giorno della memoria” per ricordare a livello internazionale gli orrori dell’Olocausto (Shoah) cioè della maniacale scientifica sistematica “macchina di morte” della Germania nazista che tra il 1938 e il 1945 sterminò milioni di ebrei, zingari, disabili fisici o mentali, omosessuali, testimoni di Geova e “diversi” di ogni genere (per “tutelare la razza” ariana da ciò che quel folle di Hitler riteneva “inferiore, deviante, inquinante”) nonché gli oppositori del regime.

Mercoledì scorso invece è stato il “giorno del ricordo”, una solennità civile nazionale istituita nel 2004 per ricomporre una pagina di memoria negata, assente nei libri di storia… Quella delle “foibe” e dell’esodo giuliano-dalmata (1943-1947) nell’ambito della complessa vicenda dei confini orientali dell’Italia, cioè tra il Friuli e l’allora Jugoslavia.Un pezzo di storia ancora da indagare, al punto che non proprio tutti gli insegnanti sono in grado di rispondere alle curiosità degli alunni che in questi giorni hanno udito qualche accenno alla TV e vorrebbero saperne di più…
In quei territori di confine che durante l’ultima guerra (1941) erano amministrati dagli italiani, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 si scatenò un’ondata di barbara violenza e vendetta proprio contro gli italiani – ritenuti un ostacolo alle strategie del leader jugoslavo Tito – che furono massacrati a migliaia dai partigiani comunisti (insieme a sloveni e croati anticomunisti). Molte delle vittime venivano fucilate sull’orlo delle “foibe”, cavità carsiche profondissime; altri prigionieri venivano gettati nei fossi ancora vivi ma legati a cadaveri…
Migliaia di famiglie dall’Istria, da Fiume, dalla Dalmazia, furono costrette a fuggire da quell’orrore abbandonando tutto (circa 350mila persone). La maggior parte si stabilirono nel Friuli per ovvii motivi di vicinanza, poi alcune si spostarono verso Sud; altre emigrarono all’estero (a Napoli tra gli altri arrivò una piccolissima Laura Antonelli che poi con Alida Valli, Sylvia Koscina e Femi Benussi avrebbe costituito un quartetto di bellissime attrici istriane).

Dei 109 campi profughi che furono predisposti dal governo italiano, la Campania ne ospitò tre: il primo ad Aversa; gli altri a Napoli, uno alla Canzanella (Fuorigrotta) e l’altro nel Bosco di Capodimonte (luogo protetto da eventuali malintenzionati, avendo gli accessi sotto controllo). E così circa un migliaio di esuli, suddivisi in una trentina di famiglie e poi ridotti stabilmente a 200 persone circa, furono sistemati nel “centro raccolta profughi” del bosco, cioè nelle baracche allestite dai soldati alleati durante l’occupazione… I profughi non avevano praticamente nulla, né denaro né mobili (e i beni immobili erano stati acquisiti dalla Jugoslavia). Inizialmente a Capodimonte vissero un po’ isolati dall’ambiente circostante. In occasione delle loro festività, si ricostituiva un po’ il clima delle città di origine, con canti e balli e pietanze tradizionali. Gli abitanti della zona erano diffidenti nei confronti dei profughi (considerati erroneamente da qualcuno come nostalgici del regime o come coloro che si erano rifiutati di vivere nel “paradiso socialista” e venivano a togliere il lavoro agli italiani). Si diceva che gli “ospiti” fossero agevolati con l’allacciamento gratuito alle reti idrica ed elettrica e per le procedure in alcuni concorsi pubblici (secondo un testo di Carlo Verde e Sara Cucciolito della Rivista aeronautica Napoli 2018). Lentamente poi si sviluppò l’integrazione. Alcuni dei profughi rimasero a Napoli (dimostrando anche di essere persone di valore, come per esempio una splendida signora che è stata anche dirigente Rai); altri si trasferirono. Il campo fu smantellato nel 1992.
Napoli probabilmente è stata l’unica città di Italia a mettere a disposizione dei profughi il più bel parco pubblico, e per tanto tempo. Per ricordare questa storia il Comune di Napoli il 10 febbraio 2016 fece installare una targa nel bosco di Capodimonte.

 

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te