Napoli, Koulibaly positivo al Covid-19

da | Feb 5, 2021 | Calcio Napoli

Kalidou Koulibaly è positivo al Covid-19. La notizia è arrivata in serata: sicuramente un brutto colpo per il Napoli che non potrà contare sul suo difensore migliore per almeno due settimane. Quando arrivò a Napoli nel 2014, c’era un certo scetticismo nei suoi confronti. Poi, pian piano ha saputo conquistarsi la stima e la fiducia dell’ambiente. Kalidou Koulibaly è un punto di riferimento per tutto l’ambiente napoletano. Difensore centrale, classe 1991, è dotato di una grande forza fisica, ma anche di buone qualità tecniche ed è molto abile nel gioco aereo. Il suo periodo migliore fu nella stagione 2017/18 quando segnò anche un gol alla Juve a Torino con un colpo di testa. Quel gol diede alla tifoseria napoletana la speranza di poter vincere lo scudetto, ma alla fine non andò così. Negli ultimi due anni, il suo rendimento è calato, anche se rimane comunque il difensore più forte dei partenopei. L’anno scorso ebbe alcuni problemi muscolari. Quest’anno era partito bene, come il resto della squadra, poi ha accusato un calo di rendimento. Nella gara contro l’Atalanta in coppa Italia, Gattuso ha utilizzato un modulo di gioco diverso, schierando la sua squadra con tre difensori che poi diventavano cinque in caso di non possesso palla. Koulibaly è stato il migliore dei difensori. Ora, si spera che il suo rendimento possa essere sempre su questi livelli. Kalidou è un ragazzo sensibile, impegnato nel sociale. Nei giorni scorsi ha regalato giacconi e maglioni ad alcuni suoi connazionali senegalesi presenti nel capoluogo partenopeo. Un bel gesto che dimostra la sua generosità. All’interno dello spogliatoio viene considerato un punto di riferimento. Koulibaly è un giocatore fondamentale anche nella nazionale senegalese con la quale ha disputato 43 partite. Il suo esordio risale ad una gara contro la Namibia il 5 settembre 2015. Nel 2019 è arrivato secondo con la sua nazionale nella coppa d’Africa in Egitto. Giocò tutte le partite tranne la finale contro l’Algeria per squalifica. Ora, il Napoli si affida soprattutto a lui per risollevarsi in classifica e cercare di raggiungere il piazzamento in zona Champions. Arrivare tra le prime quattro in classifica rappresenterebbe una bella boccata di ossigeno per le casse del club partenopeo.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te