“L’Irccs che vorrei”, siglato il protocollo d’intesa tra Pascale e Cittadinanzattiva

da | Feb 5, 2021 | Cronaca, Salute

Il viceministro Sileri tiene a battesimo il protocollo di intesa siglato questa mattina dall’Istituto dei tumori di Napoli e da Cittadinanzattiva per unire le competenze e migliorare il rapporto paziente-struttura ospedaliera

 

“L’Irccs che vorrei”, è il titolo. Il sottotitolo: quando la competenza scientifica incontra la competenza civica e insieme lavorano per venire incontro alle esigenze dei pazienti.

Tutto questo è alla base di un accordo, eccezionale nel suo genere. Questa mattina nella sala Consiglio dell’Istituto dei tumori di Napoli Fondazione G.Pascale, è stato siglato un protocollo di intesa tra il polo oncologico più grande del Mezzogiorno e Cittadinanzattiva nazionale. A tenere a battesimo la nuova alleanza il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri che è intervenuto all’incontro in videoconferenza da Roma

“Si tratta di un’iniziativa importante e un’occasione straordinaria per coinvolgere i cittadini su rilevanti temi sanitari che interessano tutti – ha dichiarato il viceministro soffermandosi sull’importanza del sistema della rete, fondamentale in tutte le attività e più che mai in quelle sanitarie. Perché, come ha ammonito Sileri, tutti siamo potenziali pazienti.

Il Protocollo prevede un percorso di valutazione civica con particolare attenzione ai temi della qualità dell’assistenza, dell’umanizzazione, dell’innovazione e della partecipazione; un maggior coinvolgimento della cittadinanza, delle associazioni e della comunità più estesa per favorire un dialogo e un confronto continuo tra i cittadini e le istituzioni; l’implementazione del modello della medicina personalizzata a partire dall’ambito oncologico, promuovendo la qualità dell’assistenza, cominciando dalla Carta della qualità in chirurgia e dalla Carta della qualità dei DH onco-ematologici, sostenendo il tema dell’umanizzazione delle cure e lotta al dolore inutile e il rafforzamento di un raccordo con la medicina territoriale e la continuità alla rete ospedale-territorio.

Il protocollo è stato siglato dal direttore scientifico del Pascale, Gerardo Botti, dal direttore generale dell’Irccs, Attilio Bianchi e dal segretario generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso.

“La guida della scienza non può essere che l’etica – dice il direttore scientifico Botti – e l’etica non può nascere se non dalla competenza civica che ci apre alle attese dei cittadini. Grazie a questo discorso e confronto che oggi abbiamo formalizzato, miglioreremo tutti, insieme”.

 

Un’attività, questa che parte oggi, che ha l’obiettivo di dimostrare come gli Irccs, eccellenze della ricerca scientifica, possano avere un ruolo completo anche nell’assistenza sanitaria. <Per noi – dice il segretario generale di Cittadinanzattiva, Gaudioso – è uno strumento di valore per sperimentare insieme forme di partecipazione dei cittadini, rafforzare le politiche di umanizzazione delle cure, e valorizzare ulteriormente le attività di ricerca. Realizzeremo questa sperimentazione per far sì che contribuisca non solo ad un miglioramento dell’offerta ai pazienti, ma anche per la creazione di un modello da adottare nel resto del nostro Paese>.

 

“1+1=3 Competenza scientifica e competenza civica insieme – conclude il manager dell’Istituto, Bianchi – insieme per incrementare il valore delle nostre attività. La partecipazione come contributo al miglioramento di quello che facciamo ogni giorno. “L’Irccs che vorrei” è un sogno che da oggi facciamo in tanti”.

 

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te