Corsi di recupero per autori di reati di violenza domestica e di genere: convegno della Scuola Bruniana

da | Feb 5, 2021 | Cronaca

Con la legge n.69 del 19 Luglio del 2019 (il cosiddetto “Codice Rosso”) viene istituita la possibilità di avviare corsi di recupero psicologico per gli autori di reati di violenza domestica o di genere. Si tratta di uno strumento importante, che si aggiunge ai molti altri che il Legislatore ha messo in essere per contrastare la violenza domestica o di genere.

Il Tribunale di Nola è tra i primi in Italia a far partire un progetto per l’attuazione di tali corsi e il prossimo 8 febbraio, con inizio alle ore 15 si terrà un convegno per discutere proprio di questo. Esperti del mondo del Diritto e della Psicologia si confronteranno sull’argomento, alla presenza dei vertici del Tribunale di Nola, della Procura e dell’Avvocatura.

L’incontro, che si terrà in modalità on line è stato organizzato dalla Fondazione Bruniana e la partecipazione darà diritto a due crediti formativi.

Interverranno il dott. Luigi Picardi – Presidente del Tribunale di Nola, l’avv. Vincenzo Salvati – Direttore della Scuola Bruniana, l’avv. Ciro Sesto – Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Nola, la dott.ssa Laura Triassi – Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nola, prof. David Lazzari – Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, il dott. Arnaldo Merola – Giudice Penale del Tribunale di Nola, il dott. Leonardo Abazia – Presidente dell’Istituto Campano di Psicologia Giuridica.  Modera l’avv. Paola Iannelli – Vice Direttore Scuola Bruniana e conclude l’avv. Carmine Panarella – Vice Direttore della Scuola Bruniana

Per partecipare è necessario inviare una mail a scuolabruniana@pec.it

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te