Ringhio e la grande piazza difficile

da | Gen 30, 2021 | Calcio Napoli

Il tecnico calabrese continua a protestare contro le critiche e lo fa a modo suo. Ma le perplessità sul gioco restano

Il faticoso passaggio del turno di Coppa Italia si è trasformato in una preziosa camomilla per una squadra attraversata da pungenti mal di pancia. Ma anche questa esperienza ha confermato le note dolenti di sempre. Nonostante il tranquillizzante bottino messo in carniere nel primo tempo, la squadra di Gattuso è riuscita a complicarsi la vita, ha permesso ai giovani dello Spezia di recuperare due gol e ha vissuto con grande ansia tutti i minuti finali del match. Insomma un bilancio positivo solo per il risultato finale ed un’altra gara che lasciato alle spalle una scia di perplessità. Bisogna ancora una volta, l’ennesima in questa stagione, affidarsi ai prossimi impegni, sperando in una sequenza di risultati utili che possano avviare un rilancio serio e duraturo.
E i prossimi impegni, se si eccettua il doppio confronto con la temibile Atalanta per le semifinali di Coppa, sarebbero alla portata di un Napoli continuo e non certo del Napoli tremebondo delle ultime uscite.

Un ribaltamento del trend servirebbe a riportare serenità all’interno di un gruppo, allenatore compreso, che non riesce a trovare la continuità necessaria per dare una svolta ad una stagione finora caratterizzata da un’altalena sfibrante e improduttiva.
Accennavamo all’allenatore. Il nodo forse è proprio qui. Gattuso continua a contestare l’ambiente, non riesce proprio a reggere all’urto della grande piazza. E lo fa ricorrendo a dichiarazioni banali e maldestre.
Travolto dalle critiche replica a muso duro, secondo il suo stile. Dice che non si dimette perché è un professionista e ai professionisti non va data la fiducia (appena ricevuta via twitter da De Laurentiis). Una considerazione che non ha nulla di logico. E aggiunge che “sta buttando il sangue dalla mattina alla sera”. E ci mancherebbe, lo vorremmo vedere un allenatore svogliato che invece di dirigere l’allenamento e di confrontarsi con i suoi giocatori se ne va per i fatti suoi a passeggiare o in gita al mare, meteo permettendo.
Se le critiche gli sono arrivate è perché non è riuscito a dare un’anima e un gioco alla squadra, come dimostrano sia i risultati che le mortificanti prestazioni. Lasciando da parte il ko casalingo con il Sassuolo, dalla partita con il Milan in avanti, ed eccettuate le prove scintillanti contro Roma e Fiorentina, per il resto il Napoli ha inanellato una disarmante serie di prove incolori.
Ricordiamo a Gattuso appunto la prova scialba contro il Milan, la resa incondizionata con la Lazio, lo squallido pareggio con il Torino, la vergognosa sconfitta con lo Spezia, peraltro ridotto in dieci, la sofferta vittoria di Udine, giunta dopo l’ennesima prova opaca e all’ultimo secondo di gara.

Un capitolo a parte meriterebbe poi l’analisi dell’indecoroso spettacolo offerto domenica scorsa contro il Verona. Per non parlare di quell’altro capolavoro compiuto in casa contro l’Empoli in Coppa o dell’addio alle armi celebrato in Supercoppa contro la Juve. E si è trattato sempre di sconfitte o di scialbe prove scaturite per quel dannato modulo, con i soli e malassortiti Bakayoko e Fabian schierati a centrocampo e sistematicamente preda dei più agguerriti (numericamente) e disciplinati avversari.
Non a caso i due gol dallo Spezia, giovedì sera, sono venuti proprio quanto dal 4-3-3 è passato ai soli due uomini a centrocampo. Per non parlare dei guasti provocati da quell’intestardirsi a far partire l’azione dal basso che ha provocato non solo ansia ai giocatori e in qualche caso azioni da gol degli avversari, ma anche determinato la distruzione psicologica di Meret, che era il portiere giovane più apprezzato del nostro calcio. Gattuso esibisce come suoi trofei l’essere arrivato alle semifinali di Coppa per quattro volte (omettendo di dire la cosa più importante, che la Coppa l’ha anche vinta, con il Napoli). Beato lui che si accontenta. Ma per essere un allenatore vincente ci vuole ben altro.

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te