’A caserma nunn è na scola!

da | Gen 30, 2021 | Cultura&Spettacolo

Cu stu reality ’a Rai s’è gghiuta a ’mpantanà int’a nu terreno periculuso e sciuliùso

 

Dopp’ ’a riuscita d’ ’O Culleggio, ’e ccape d’ovo ’e Rai 2 penzajeno buono ’e cuntinuà cu nnu ‘reality’ addò guagliune/one d’ogge – rebbelle, venciute, casinare e ttecnologgiche – se truvassero a ppassà quacche semmana d’ ’a vita loro int’a nn’istituzzione autoritaria, addò nun ce stanno deritte ma sulo duvere e ll’ubbedienza è l’unneca vertù. Fin’a cché se trattava ’e nu culleggio, però, chist’esercizzio furzato â disceprìna puteva pure avé senzo, pecché – bene o male – serveva a ’mpararle a ccampà assieme e a studià seriamente. Mo però nun se tratta cchiù ’e fa’ pratteca d’ ’o rispetto d’ ’e rregule ’e na cummunetà, p’addiventà cchiù attiente ê prufessure e ssulidale c’ ’ o riesto d’ ’o gruppo. Cu ’A Caserma, ’mméce, ’a Rai s’è gghiuta a ’mpantanà int’a nu terreno periculuso e sciuliùso, assecunnanno ’a mal’abbiàta ’e nu militarìsemo che vvurria paré aggiurnato, ma resta sempe scurretto.

Nunn è ’a mo ca ’e fforz’armate – arredotte a esercito ’e mestiere – stanno pruvanno a sse reciclà, comm’a pplasteca, vrito e ccartone. Pe nna parte, cercano ’e s’appresentà comme si fossero cuorpe ’e prutezzione civile: brava gente che cce seccorre, ce ajuta, ce assiste e ce spallea int’ ’e sbenture. Pe nn’ata parte, s’appresentano c’ ’a faccia grunnosa d’ ’e militare, gente tosta, armosa e armata, desceprinata e ssenz’appaura. È ’a vecchia facenna d’ ’o giandarme bunariello e cchello feroce, comme si ppo’ l’esercito nun tenesse già nu scopo preciso pe ss’addestrà, che rrummane chello ’e fa’ guerra, ubbedenno a ll’ordene ’e chi cummanna, e ppure ’e na manera “pronta, rispettosa e lliale”, comme receta ll’art. 5 d’ ’o Regulamiento Militare.
’E 21 giuvene (mascule e ffemmene), ’a 18 a 23 anne, che vvulettero fa’ ’sta sperienza ’e recrutamiento vuluntario ’nfavore d’ ’e ttelecammere, se songo truvate a ccampà int’a nu munno strevuzo e pparallelo, addò ce sta poco ’a pazzià e nnun serve fa’ squarciunarìe e bbuffunarie, pecché – comme subbeto ll’ave spiecato ’nu superiore – ce sta una cosa ’a se ’mparà pe nnu’ ppassà guaje: ubbedì, senza se e ssenza ma. Pure si chistu ‘ddocu-reality’ ascette pe ttelevisione int’a Jurnata d’ ’a Memmoria, me pare ca chi pruducette ’stu prugramma s’è scurdato ’e chello ch’è ssempre succiesso quanno migliare ’e surdate aveno sulo ‘ubbedito’ a ll’ordene date ’a generale cunvinte ca – comme cantava De Gregori – “’a guerra è bella, pure si fa mmale”.

Int’a ll’anne ’60 don Milani ’mparava ê guagliune/one d’ ’a Scola ’e Barbiana ca “l’ubbedienza nunn è cchiù na vertù, ma ’a cchiù trappuliera d’ ’e ttentazziune”. Doppo 55 anne, ’a televisione pubbleca taliana, nu’ ssulo s’è scurdata ’e parecchie migliare ’e giuvene che ppe’ ddecenne facettero obbiezzione pe ccuscienza, faticanno c’ ’o servizzio civile, ma ’mmece ce vo’ apparicchià n’ata vota ’a piatanza nizza e ffràceca d’ ’a desciprina militare che fforma ’o carattere, scarfannola dint’ô microonde ’e nu spettaculo e ’ntrattenemiento. “’A Caserma purtarrà ’a Generazzione Z a s’ammesurà cu pprove, sfide e esercitazziune […] Chi ’e lloro ce ’a farrà a rresistere, cunfruntannose cu ll’autorità e ’a disceprima, superanno ’e lìmmete suoje, fisiche e mmentale e ccredenno int’a isso stesso e int’ ’o gruppo?”. Accussì ce conta ’a vecchia retorica d’ ’o spot che pubblecizza ’stu prugramma…
Comme si nu/na guaglione/ona ’e chesta generazzione nun tenesse ggià nu cuofeno ’e prubbleme ’a resorvere e nu sacco ’e sfide, perzunale e ssuciale, ’a superà. Comme si correre miez’annude a pprimma matina p’ ’o curtile d’ ’a caserma, cumpletà sverdamente nu percurzo ’e guerra o s’arrampecà ’ncopp’a na muntagna servesse overamente p’addiventà femmene e uommene cchiù mmeglie, cchiù priparate e ccuraggiuse. ’A scola dopp’ ’o Covìdde, ’a fatica che nnun ce sta, na vita fameliare cumplicata, ’e ’nciarme d’ ’e ddroghe e d’ ’a malavita, na sucietà addò s’ha dda luttà pe nun se fa scamazzà: so’ tuttequante situazzione assaje cchiù difficultose c’a scalà nu muro o a ssistemà nu lietto sfatto int’a ppoche minute!
Sulo a Nnapule ce stanno 17 caserme operative e ancora vacante o stanno aspettanno ancora, comme ‘’a ‘Boscariello’ a Mmiano, d’essere cunvertite p’attività civile e ssuciale. Cu cchesta bella situazzione, però, c’è stato chi s’è ffidato ’e pruggettà ’e piazzà na ‘Scola ’e guerra europea’ affianco d’ ’a vecchia ‘Nunziatella’, comme si fossero cheste ’e ppriorità pe Nnapule. Tenimmo già surdate armate ’miezz’e vvie, camiunette e bblindate int’ ’e ppiazze, militare int’ê spitale e chille che ffanno pure lezzione dint’ ’e scole. E mmo ce avimm’ ’a surbettià pure ’e rreclute d’ ’a Caserma televisiva? Embé, quanno è ttropp’assaje è ttropp’assaje… Pirciò, a cchi ce vo’ ancora ’mpapucchià cu ’a sturiella d’ ’0 servizzio militare che sserve a educà ’e giuvene nuje rispunnimmo ’ncoro: “Signornò!”.

 

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te