“Realtà aumentata” diventa il super occhio del chirurgo per vedere dentro il tumore. Primi due interventi guidati dall’intelligenza artificiale su rene e prostata

da | Gen 28, 2021 | Salute

L’intelligenza artificiale entra in sala operatoria: il chirurgo potrà d’ora in poi guardare l’organo bersaglio sulla telecamera e nello stesso momento avere davanti agli occhi in 3D ed automaticamente i modelli virtuali ricostruiti tramite TAC e risonanza magnetica. Per la prima volta quindi la mano del chirurgo è guidata da immagini in 3D degli organi da operare e delle neoplasie da cui sono affetti, sovrapponibili sul campo operatorio agli organi reali, per consentire di vedere l’interno dell’organo colpito dal tumore, ben al di là di quanto potrebbe visualizzare a occhio nudo, anche con l’aiuto della telecamera intraoperatoria. Non era mai accaduto che l’atto chirurgico fosse guidato da immagini reali e virtuali ‘sincronizzate’: fino a oggi i modelli in 3D utilizzati in chirurgia robotica oncologica dovevano essere riportati su un monitor esterno, obbligando l’operatore a distogliere lo sguardo e la concentrazione da una parte all’altra. L’obiettivo è una chirurgia oncologica ‘personalizzata’, di estrema precisione e massima efficacia, con il minimo impatto sui tessuti sani. Non è fantascienza ma ciò che accade oggi al Candiolo dove Francesco Porpiglia, il coordinatore degli studi che hanno permesso di mettere a punto il metodo, eseguirà su rene e prostata i primi due interventi a ‘realtà aumentata’ interamente guidati dall’intelligenza artificiale. 
“Partendo dalle immagini radiologiche di TAC o risonanze magnetica è possibile ottenere ricostruzioni tridimensionali dell’organo e della massa tumorale. Questi modelli – spiega Francesco Porpiglia, Ordinario di Urologia del Dipartimento Oncologia dell’Università di Torino e Responsabile dell’Urologia IRCCS Candiolo e Ospedale San Luigi di Orbassano – Si sono rivelati molto utili nella fase di pianificazione dell’intervento in quanto forniscono al chirurgo una visione spaziale dell’organo e della malattia difficilmente raggiungibile a occhio nudo. Inoltre, è possibile scomporre le diverse componenti del modello virtuale analizzando al meglio le relazioni tra neoplasia e strutture circostanti. Oggi c’è una novità importante che rivoluzionerà le cure dei tumori – sottolinea Porpiglia – Grazie all’innovativa applicazione della realtà aumentata, resa disponibile da un software specifico, le immagini del modello 3D presenti su un supporto digitale vengono ‘combinate’ (integrate) e sincronizzate con le immagini intraoperatorie, fornite dalla telecamera robotica – continua – Ciò consente di sovrapporre l’organo virtuale alla parte da operare, permettendo al chirurgo di vedere in tre dimensioni l’interno del tumore in tempo reale e ottimizzando la coordinazione tra occhio e mano dell’operatore che non deve più spostare lo sguardo su un monitor esterno per vedere le immagini digitali”.
 “Grazie all’uso dei modelli 3D applicati alla ‘realtà aumentata’, il chirurgo può vedere con accuratezza millimetrica il punto in cui la neoplasia si trova e analizzare nel dettaglio le sue relazioni con gli organi circostanti, rimuovendo la massa tumorale con una precisione senza pari. Il tumore alla prostata non risulta mai identificabile ad occhio nudo durante l’intervento. In questo contesto – aggiunge Porpiglia –  la realtà aumentata guida il chirurgo nell’identificare dove si trova in tempo reale, modulando dunque l’ampiezza dell’asportazione chirurgica punto per punto, così da preservare il più possibile le strutture nervose responsabili dell’erezione, spesso aderenti alla prostata e in contatto con la neoplasia stessa, e garantire al paziente la potenza sessuale e la continenza urinaria. Questa tecnologia – conclude l’esperto – si è rivelata molto utile anche nella chirurgia renale per identificare i tumori del rene nascosti all’interno dell’organo e non visibili sulla sua superfice e i suoi rapporti con le strutture circostanti come ad esempio i vasi sanguigni. L’accurata e precisa riproduzione dell’albero vascolare permette infatti di identificare e chiudere selettivamente i vasi sanguigni, limitando il danno a cui può andare incontro il rimanente tessuto renale sano. Non possiamo curare con questo rivoluzionario approccio tutti i pazienti o tutti i tipi di tumore, ma i progressi degli ultimi anni ci fanno ben sperare e ora abbiamo senz’altro un’arma in più contro la malattia”.
La realtà aumentata in corso di chirurgia oncologica applicata a Candiolo non è ancora presente nella routine della pratica clinica. L’esperienza con la chirurgia guidata dalle immagini in 3D è iniziata già quattro anni fa e ha portato il gruppo di ricerca coordinato dal prof Porpiglia a una prima pubblicazione nel 2017, seguita da numerosi altri studi che hanno incontrato un grande interesse della comunità scientifica urologica, come dimostrano i prestigiosi riconoscimenti ottenuti nel corso dei più importanti meeting urologici internazionali.
Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

L’esposizione al sole è fondamentale come medicina naturale sia per grandi che per piccini, ha davvero molti diversi benefici. Pensare solamente che già solo far entrare il sole nelle nostre case dalle finestre la mattina ha un forte potere rigenerante e tonico,...

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Primo intervento in Europa da quando il dispositivo ha superato la fase di sperimentazione clinica È stato impiantato all’Ospedale Monaldi di Napoli, per la prima volta in Europa dopo la fase di sperimentazione clinica, il primo cuore bioartificiale totale Carmat...

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Con oltre 50 protocolli attivi e centinaia di donne arruolate, Michelino de Laurentiis ha aperto nei giorni scorsi due nuovi studi. Unico, ad oggi, a livello internazionale l’Istituto dei tumori di Napoli sperimenterà farmaci innovativi nell’ambito di questi nuovi...

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica 27 giugno si terrà la seconda edizione dell’evento “La pedalata del cuore”. La manifestazione nasce con il chiaro intento di sensibilizzare le persone, incentivando l’attività fisica e promuovendo, nell’occasione, una passeggiata in bicicletta. “Se ascolto il...

Viaggi della speranza? Anche no!

Viaggi della speranza? Anche no!

In tempo di pandemia, in Campania si riscoprono le eccellenze per la cura delle patologie cardiovascolari Nel 2020 si è registrata una diminuzione dei viaggi della speranza verso le regioni del Nord per quel che riguarda gli interventi relativi all’apparato...

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Rischio violenza sui minori, al via corsi per pediatri

Seri conflitti di coppia esacerbati dalla convivenza obbligata, distruzione della routine domestica, insicurezza economica per le famiglie ed ecco che la pandemia può vestire i panni dell’’orco’, costituendo un fardello pesantissimo per bambini e adolescenti. Diversi...

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

Mieloma multiplo, presto un nuovo farmaco al Cardarelli

 I pazienti con mieloma multiplo sono tra i più fragili nei confronti del Covid-19. Non solo perché se contagiati hanno un maggior rischio di andare incontro a complicanze gravi, soprattutto polmoniti, ma anche perché devono spesso recarsi in ospedale per controlli e...

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Covid, dolore cronico nel 4% dei pazienti piu gravi

Stanchezza e affanno, ma soprattutto dolori alle articolazioni, ai muscoli, al torace che non passano anche a distanza di settimane o mesi dalla diagnosi di Covid-19: è la sindrome post-coronavirus che si stima riguardi, con almeno un sintomo, fino all’80% dei...

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Detox 555: la guida per dimagrire in relax

Il volume, scritto da Elisabetta Rea e Salvio Salzano, fondatori del centro Neafit, è pubblicato da Graus e venduto in libreria Una guida alimentare per depurarsi e vivere in forma? Ecco Detox 555. Si tratta di una formula vincente per depurarsi (e perdere qualche...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te