Senza campioni serve il gioco. Quello che portò Sarri a sfiorare lo scudetto. Gattuso cerca le giocate e il veleno da chi non ne ha

da | Gen 24, 2021 | Calcio Napoli | 0 commenti

A Napoli, nelle ultime settimane ed ancora di più all’indomani delle sconfitte con Juventus in Supercoppa italiana e Verona in campionato, i tifosi azzurri sono nostalgici. Del gioco del Napoli di Sarri, così come del carattere grintoso del Napoli di Mazzarri. Di sicuro nel calcio si vince con due ingredienti che non devono mai mancare: il gruppo unito ed un gioco in grado di garantire risultati in entrambe le fasi, quella difensiva e quella offensiva. In alternativa al gioco, è chiaro, si vince avendo tanti campioni in squadra, come ha fatto per anni la Juventus di Allegri che non ha mai avuto un gioco piacevole da guardare ma ha sempre portato a casa il risultato di vincere il campionato con le giocate dei suoi campioni. Ora, sapendo che il Napoli non può permettersi di comprare campioni né vuole, per scelta societaria, puntare su campioni divenuti “anziani” e quindi che costerebbero poco o sarebbero addirittura a parametro zero, ecco che l’unica soluzione praticabile è quella di puntare su un allenatore che abbia delle idee di gioco molto chiare e le trasmetta con forza alla squadra.

Di fronte a partite, come le ultime degli azzurri, in cui la squadra non offre nessuna trama di gioco interessante con i giocatori che sembrano non sapere nemmeno a chi dare la palla, la perdono puntualmente e poi non si aiutano nemmeno in campo, viene in mente che qualche anno fa, con Maurizio Sarri in panchina, si era sopperito con un gioco imparato a memoria da Insigne e compagni alle carenze di un organico privo di campioni e di alternative in panchina. Alternative che il Napoli di Gattuso ha quest’anno. E proprio quel gioco, il Sarrismo, faceva sembrare gli undici azzurri dei giocatori di un’altra categoria rispetto a qualsiasi squadra avversaria, non a caso anche contro la Juventus, seppure sconfitto, il Napoli non demeritava ma, al contrario, si aveva l’impressione che i bianconeri avessero vinto senza meritare.

Adesso, Aurelio De Laurentiis può confermare Rino Gattuso alla guida del Napoli ma a patto che riveda le scelte fatte finora che non hanno portato a nulla. Solo 34 punti in campionato nel girone d’andata e il primo obiettivo, la Supercoppa, fallito malamente senza nemmeno giocare e lottare. Gattuso sembra attuare un tipo di gioco molto “individualista”, dove sono poi i giocatori in attacco a dover inventare la giocata mentre quelli in difesa, disposti a zona e non in marcatura, puntualmente commettono errori fatali e non sono nemmeno “coperti” dal centrocampo che già affanna di suo. Specie da qualche partita con Bakayoko a terra sul piano mentale e fisico. Il problema, però, è che tutti gli azzurri sembrano scarichi sia sul piano fisico ma purtroppo soprattutto su quello mentale non mostrando mai quel “veleno” che chiede Gattuso ma che, come lui stesso ammette, “non si compra al mercato”. Ma se i giocatori continuano a mostrare questa lacuna di cattiveria agonistica, e se il tecnico continua a non riuscire nel suo intento di trasmetterlo e premesso che non lo si può comprare al mercato, il risultato è che questo “veleno” non si vedrà mai in campo. La verità è che quando sbagliano prestazione tutti i giocatori (ad eccezione di Lozano che gioca da solo) e ciò accade così spesso, è segno che qualcosa non va nello spogliatoio. Manca il gioco ma manca anche la mentalità vincente. Quella che hanno i campioni che il Napoli non ha.

Decida De Laurentiis quale strada vuole seguire ma esca una volta per tutte dagli equivoci: o si comprano i giocatori oppure sulla panchina del Napoli ci vuole un allenatore (alla Sarri per intenderci oppure lo stesso Sarri magari) che attraverso un gioco ben delineato, dia dei compiti precisi ai giocatori facendo sì che anche quelli tecnicamente meno dotati sembrino più forti degli avversari e si valorizzino sul mercato. Come fa Juric a Verona, per esempio. E come faceva lo stesso Sarri a Napoli, dove i vari Jorginho, Hysaj e Ghoulam erano richiesti da grandi club europei così come gli altri compagni di squadra, da Hamsik a Insigne, da Callejon a Mertens, sembravano campioni. Chiosa finale sulla mancanza di leadership: giocatori come Pepe Reina non andrebbero mai mandati via, specie se la rosa è composta da giovani che vanno guidati e che devono comprendere che giocare a Napoli comporta un grande amore ma anche una grande responsabilità. Vedere il Napoli sbagliare passaggi su passaggi e non reagire, subire gol e invece di attaccare subito gli avversari continuare a fare tocchetti inutili all’indietro, sinceramente è deprimente.

Deux années auparavant, vous deviez allez voir votre médecin pour obtenir une ordonnance afin d’en obtenir en pharmacie. Achetez Cialis ou Viagra générique dans notre pharmacie en ligne en France et offrez 24 heures de plaisir à votre couple. www.cialispascherfr24.com Commander Viagra, Cialis, Levitra en France.

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te