Poggioreale, 58 autovetture abbandonate e senza assicurazione

da | Gen 23, 2021 | Cronaca

Questa notte, i Carabinieri della Stazione di Napoli Poggioreale e la Polizia Municipale di Napoli, col supporto delle Squadre di Intervento Operativo del 10° Reggimento Carabinieri Campania, hanno effettuato un servizio congiunto, volto alla rimozione di veicoli in stato di abbandono sulla pubblica via.

Le operazioni si sono svolte nel quartiere di Poggioreale, in un parcheggio pubblico di via Claudio Miccoli, dove i Carabinieri nei giorni scorsi, nell’espletamento dei normali servizi di controllo del territorio, avevano notato  un’alta concentrazione di veicoli in palese stato di abbandono, alcuni incidentati, altri privi degli pneumatici o di alte parti essenziali della carrozzeria. Dai successivi accertamenti svolti con l’ausilio del Nucleo Veicoli Abbandonati e della Centrale Operativa della Polizia Municipale di Napoli è emerso che le autovetture, tutte di proprietà di privati cittadini, oltre ad essere regolarmente iscritte al PRA, erano altresì prive della copertura assicurativa obbligatoria.
Pertanto nella scorsa nottata, i Carabinieri di Poggioreale e del Reggimento Campania, il Nucleo Veicoli Abbandonati nonché personale di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, con un massiccio dispiegamento di forze, hanno proceduto alle operazioni di rimozione di 58 autovetture abbandonate, tutte recuperate a mezzo di carroattrezzi e trasportate in una depositeria convenzionata del Comune di Napoli.

Ai proprietari trasgressori, in caso d’inerzia, viene contestato, l’abbandono di rifiuti su suolo pubblico ai sensi del Testo Unico Ambientale, con sanzione di 1666,66 euro. (p.m.r.), nonché nei casi di mancata copertura assicurativa ai sensi dell’ art.193 C.d.s. una  sanzione da 866,00 a 3.464,00 euro con riduzione del 30% con il pagamento nei 5 giorni.
Analoghi servizi saranno svolti nei prossimi giorni.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te