Sant’Antonio Abate day senza “fuochi”. Cippo simbolico anti-pandemia

da | Gen 17, 2021 | Primo piano

Fino all’anno scorso la giornata di Sant’Antonio Abate era caratterizzata da inseguimenti e battaglie tra le forze dell’ordine e bande di ragazzini che nascondevano pezzi di legname per poi accendere i “fuochi”.  Adesso il Covid ha spazzato via anche quest’usanza. Ma non altri aspetti della festa, che segna una svolta tra il passato e il futuro in vista della primavera: “Sant’Antuono, Sant’Antuono, la pandemia scaccia via!”. Una ricorrenza per la prima volta senza falò, anche se non si può escludere che qualche gruppo di minorenni in serata  tenti lo stesso di accendere qualche cippo…

 Una tradizione che si perde nella notte dei tempi  e che a Napoli ha il suo fulcro nell’area tra Porta Capuana e via Foria dove c’è la parrocchia dedicata al santo: un tempio (finalmente liberato dai ponteggi) dove, dopo sei anni, dovrebbe  riprendere – nel rispetto delle misure antiCovid –  il rito della benedizione degli animali. Ricorrenza  legata ai cicli della natura e alla cultura contadina (e che per alcuni segna l’inizio del Carnevale),  con  Sant’Antonio invocato come patrono dei contadini, macellai, allevatori e degli animali domestici  (la cui perdita avrebbe provocato povertà e stenti  alle comunità rurali); e,  da qualche anno, a Napoli, “eletto”  anche patrono dei pizzaioli, che in concomitanza  festeggiano il Pizza Day (ci sarà anche un “focarazzo” simbolico, senza partecipazione popolare).

Ritenuto un santo taumaturgo, Sant’Antuono (così chiamato per distinguerlo da Sant’Antonio di Padova) era un eremita  egiziano vissuto nel quarto secolo dopo Cristo. Una figura al centro di mille leggende. Rappresentato spesso con accanto un maialino (si recò all’inferno con un maialino per rubare il fuoco al Diavolo e darlo agli uomini che non l’avevano). Si attribuisce a lui la nascita del monachesimo (alla fine del 1200 i monaci Antoniani curavano l’herpes zoster mediante il grasso di maiale misto ad alcune erbe). Una credenza popolare vuole che aiuti a ritrovare gli oggetti perduti : “Sant’Antonio dalla barba bianca, fammi trovare quel che mi manca”.

Da sempre il fuoco ha una funzione purificatrice, fecondatrice e  di prosperità (in questo caso nel passaggio dall’inverno alla imminente primavera,  sperando in una abbondanza di raccolti). Un modo di richiamare la buona sorte attraverso l’accensione di  “cippi”,  che allontanano le malattie e le sofferenze,  per scacciare la malasorte e il malaugurio .  Si è sempre usato gettare nei “cippi” anche oggetti di casa vecchi,  come a voler segnare un taglio col passato, con desiderio di rinnovamento. Stavolta appuntamento rimandato per la pandemia: “ Sant’Antuono, scacciala via”

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te