Non trovi il tuo medico di base? Videoconsulta uno specialista

da | Gen 16, 2021 | Salute

Consulti medici online. Attraverso il portale www.idubbidelpaziente.it ci si può rivolgere a uno specialista per un confronto gratuito “faccia a faccia” attraverso lo schermo del personal computer o del telefonino. Un servizio di medicina sociale nato dalla constatazione che, da quando è scoppiata la pandemia, molti ammalati cronici, con patologie anche gravi, si tengono lontani dagli ospedali, sia per timori connessi alle notizie di contagi sia perché con le misure antiCovid l’accesso alla sanità pubblica è diventato più problematico.

Se n’è parlato venerdì scorso  durante il primo webinar  “A tu per tu con l’amico del  Cuore” di quattro appuntamenti  che si terranno ogni due settimane su Zoom: il prossimo,  venerdì  22  alle ore 17 (per connettersi bisogna dare il codice Zoom  96915233497 cuoresano). Relatore Valentino Ducceschi  del reparto di Cardiologia Elettrofisiologia Cardiostimolazione dell’ospedale dei Pellegrini, che, con il cardiologo Francesco Natale del  Monaldi, è tra i promotori dell’iniziativa, patrocinata dalla storica Associazione Ventitré presieduta da Elvia Raia (Federcentri Campania). Il  dibattito è stato moderato dal giornalista Carmine Urciuoli, esperto di informatica e tra i volontari dell’associazione.

Il servizio di videoconsulti  tramite il sito idubbidelpaziente.it  è partito, mesi fa,  dalle patologie cardiovascolari, per poi estendersi ad altre branche della medicina ed è attualmente in fase di potenziamento. Consulti brevi, per esporre appunto un dubbio, magari sottoponendo all’attenzione dello specialista  le analisi, i referti,  radiografie o altri esami diagnostici in formato digitale. E’ possibile anche fare domande sulle procedure (se si ha diritto ad esenzioni, come accedere a determinate cure). Possibili anche consulenze di tipo psicologico. Per accedere all’incontro con uno degli specialisti, basta prenotare un appuntamento online, dando il proprio nome, che servirà come traccia per riconnettersi. La conferma della data e dell’ora arriverà via email o sms (assicurato il rispetto della privacy).

Vite sospese per paura del contagio, ma sembra che la clausura forzata produca stress più del lavoro e altri impegni di una vita “normale”.  E’ quanto risulta da uno studio  su “L’impatto degli effetti del lockdown sulle aritmie cardiache in pazienti con impianti cardiaci” coordinato proprio dal professor Ducceschi, aritmologo di fama, uno studio  realizzato attraverso il monitoraggio di oltre 500 pazienti con defibrillatore o con pace maker,  confrontando i risultati dei due mesi del lockdown con quelli dei dieci mesi antecedenti (ciò attraverso delle “centraline” consegnate a pazienti impiantati e che trasmettono tutti i giorni i dati del cuore). L’incidenza delle aritmie ventricolari è stata del 4,5% nel periodo di chiusura forzata per il Covid 19 rispetto all’1,2% dei mesi precedenti così come, in quei due mesi,  la fibrillazione atriale  ha avuto una incidenza del 7%  rispetto al 2,4% della fase precedente al  lockdown .

 

RispondiInoltra

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te